La sinagoga attaccata in Texas

Texas: attaccata una sinagoga con presa di ostaggi. Tutti liberati, morto il sequestratore

Mondo

di Redazione
Sabato 15 gennaio un uomo ha preso in ostaggio alcuni fedeli nella sinagoga di Congregation Beth Israel a Colleyville, nell’area metropolitana di Dallas-Fort Worth. L’uomo armato aveva inizialmente preso in ostaggio quattro persone, compreso il rabbino.

Tutti e quattro gli ostaggi in una sinagoga del Texas sono stati rilasciati illesi e il rapitore è stato dichiarato morto più di 10 ore dopo aver interrotto una funzione religiosa e iniziato un teso scontro con la polizia. Un ostaggio è stato rilasciato illeso sei ore dopo.

I membri della squadra di salvataggio degli ostaggi dell’FBI hanno preso d’assalto la sinagoga per liberare i tre ostaggi rimanenti. L’uomo armato è stato dichiarato morto, ha detto il capo della polizia di Colleyville, Michael Miller, in una conferenza stampa.

Il dipartimento di polizia ha detto di aver prima risposto alla sinagoga con le squadre dello Swat in risposta alle chiamate di emergenza a partire dalle 10:41 ora locale e che la polizia è arrivata verso le 12:30. I negoziatori dell’FBI hanno presto aperto i contatti con l’uomo, che ha detto che voleva parlare con una donna detenuta in una prigione federale. Si tratta di  Aafia Siddiqui, neuroscienziata pakistana soprannominata ‘Lady Al-Qaeda‘, sospettata di avere legami con al-Qaeda, condannata a 86 anni di reclusione per aver tentato di uccidere ufficiali militari statunitensi mentre era in custodia in Afghanistan, uno dei funzionari delle forze dell’ordine disse. Siddiqui è in una prigione federale in Texas.

Inizialmente sui media era trapelata la notizia che l’uomo fosse il fratello di Siddiqui, ma solo in seguito è stato accertato che il sequestratore non era il fratello biologico della terrorista: Muhammad Siddiqui è un architetto e non sarebbe felice di essere rimasto coinvolto in questa situazione.

Menu