Netanyahu: la Francia non lo voleva alla manifestazione. E l’autobus parte senza di lui….

netanyahuhollandeIl governo francese non voleva invitare il primo ministro israeliano Beniamin Netanyahu alla storica manifestazione di Parigi, temendo che la sua presenza avrebbe provocato divisioni. E’ quanto riportano alcuni media israeliani.

Secondo Ynetnews, Netanyahu inizialmente non aveva pianificato di partecipare all’evento in solidarietà alle vittime degli atti terroristici degli ultimi giorni. Ma ha cambiato idea dopo che il ministro degli esteri Avigdor Libermann e quello dell’economia Naftali Bennett hanno annunciato la loro presenza.

Per compensare la decisione di Netanyahu di partecipare, l’Eliseo ha invitato anche il presidente dell’Autorità palestinese Abu Mazen, sottolineando la presenza di quest’ultimo, più che quella di Netanyahu.

Nella manifestazione, fa notare Ynet, Netanyahu era inizialmente nella seconda fila dei leader di Stato, ma si è conquistato poi un posto nella prima fila, vicino al presidente del Mali Ibrahim Boubacar Keita, Hollande, la canecelliera tedesca Angela Merkel e Abu Mazen.

La notizia è stata però smentita lunedì 12 gennaio dal Ministro degli esteri Liberman, che alla Radio di Zahal ha dichiarato: “Non c’è stato alcun messaggio dall’Eliseo che Netanyahu non fosse voluto”, ha specificato. E rispondendo a chi aveva criticato la troppo numerosa delegaizone israeliana a Parigi – Tzipi Livni e Isaac Herzoh in primis – ha detto: “Vista la reazione della comunità, se fossero venute ancora più persone (da israele, ndr) sarebbero stati ancora più contenti”

L’autobus parte senza di lui

Come se non bastasse, Netnyahu è rimasto a piedi: il pullman dei capi di Stato è partito al completo, lasciandolo sul marciapiede. Netanyahu (visibilmente infastidito) è costretto ad aspettare.