Racchette da squash (foto Pixabay)

La Malesia vieta alla squadra israeliana di squash l’ingresso per i campionati mondiali

Mondo

di Redazione
La Malesia ha vietato l’ingresso alla squadra israeliana di squash che dovrebbe partecipare al campionato mondiale il prossimo 7 dicembre. Inizialmente avrebbe dovuto tenersi in Nuova Zelanda, ma a causa delle restrizioni Covid, è stato spostato.

Tuttavia, Israele e Malesia attualmente non hanno relazioni diplomatiche formali e gli israeliani non pososnoi visitare il paese del sud-est asiatico poiché i passaporti malesi recano la scritta “Questo passaporto è valido per tutti i paesi tranne Israele”.

La Squash Racquets Association of Malaysia (SRAM) ha ignorato l’ISA quando ha chiesto informazioni sulla possibilità di ricevere visti speciali in modo che i suoi giocatori potessero partecipare, secondo quanto riportato dal Jerusalem Post.

Il Ministero della Cultura e dello Sport israeliano e il Ministero degli Esteri hanno cercato di fare pressione sulla World Squash Association per includere Israele nella competizione, ma quest’ultimo sostiene che la responsabilità spetta alla Malesia. Il ministro della Cultura e dello Sport ha anche inviato una lettera in particolare al presidente dell’Associazione mondiale, ma per il momento non è stata ricevuta alcuna risposta. Anche la Israel Squash Association, guidata da Aviv Bushinsky, ha chiesto che la World Squash Federation costringa la Malesia ad approvare l’ingresso della squadra israeliana.

“Porteremo il messaggio ai vertici. Se la Federazione Mondiale non ci aiuterà, ci rivolgeremo al Tribunale Arbitrale dello Sport. Ho chiarito loro che se ospiteremo il prossimo torneo, la Malesia sarà la benvenuta” , ha detto a Canale 12. “Al recente campionato mondiale di eSport di Eilat, Israele ha permesso ai concorrenti della Malesia di partecipare”, ha ricordato.

“Un’associazione mondiale che sostiene l’uguaglianza e la guerra al razzismo non può dare una mano a discriminare Israele e affermare che il problema è con i malesi. Non vogliamo che i campionati del mondo vengano cancellati a causa nostra, ma non possiamo tollerare questo discriminazione”, ha concluso.

Leggi anche: “Lo sport è sport, non politica”: il messaggio di pace dei judoka iraniano e israeliano da Tokyo

(Foto: Pixabay)

Menu