Aristides de Sousa Mendes, onorato dal Portogallo

Il Portogallo onora il diplomatico che salvò gli ebrei dai nazisti

Mondo

di Redazione
Il Portogallo ha onorato Aristides de Sousa Mendes, un ex diplomatico del paese, che ha contribuito a salvare migliaia di ebrei dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Lo riporta The Algemeiner.

“Sono rare le persone che nel momento decisivo mettono a rischio la sicurezza loro e della loro famiglia per il bene più grande. Sousa Mendes era una di quelle persone”, ha detto martedì il presidente del parlamento portoghese Eduardo Ferro Rodrigues, secondo quanto riferito da AP. Una tomba con il suo nome è stata collocata nel Pantheon nazionale del paese.

Mendes disobbedì agli ordini dei suoi superiori, incluso il dittatore António Salazar, quando era console a Bordeaux, in Francia. Nel 1940 rilasciò visti a coloro che temevano che i nazisti li avrebbero cacciati. I visti portoghesi consentivano agli ebrei e ad altri di fuggire via Lisbona diretti negli Stati Uniti e in altri paesi.

Mendes fu licenziato di conseguenza e morì in povertà nel 1954, secondo il rapporto. Lo Yad Vashem World Holocaust Remembrance Center di Gerusalemme lo riconosce come un Giusto Gentile ed è indicato in “I Giusti tra le Nazioni”.

Nel 2017, il presidente portoghese Marcelo Rebelo ha annunciato che a Mendes è stato conferito il più alto onore del paese: la Gran Croce dell’Ordine della Libertà.

Menu