manifestazione contro l'antisemitismo in Francia

Antisemitismo: il 70% degli ebrei francesi ha subito almeno un episodio antisemita

Mondo

di Ilaria Myr
Un terzo dei francesi (34%)
di fede o cultura ebraica oggi dichiara di sentirsi regolarmente minacciato a causa della propria appartenenza religiosa. Questo è il risultato allarmante di uno studio Ifop per la Fondazione del think tank per l’innovazione politica (Fondapol) e per l’American Jewish Committee (AJC), presentato lunedì 20 gennaio da Le Parisien e riportato da Le Figaro. L’indagine ha intervistato 505 ebrei e 1.027 non ebrei sulle loro percezioni ed esperienze di antisemitismo in Francia. Le statistiche pubblicate nel febbraio 2019 hanno mostrato che gli incidenti antisemitici erano aumentati del 74% rispetto all’anno precedente.

Una paura legata a un contesto molto reale di rinascita di atti di natura antisemita in Francia. Secondo il rapporto del Ministero dell’Interno del 2019, “il numero di atti di natura antisemita è aumentato nettamente nel 2018. 541 fatti sono stati segnalati (nel 2018) contro 311 nel 2017, con un incremento del 74%.”All’inizio di dicembre, un centinaio di tombe sono state profanate in un cimitero ebraico alsaziano. Il 5 gennaio, questa volta è stato saccheggiato il cimitero ebraico di Bayonne (Pirenei Atlantici), per ragioni ancora misteriose.

Antisemitismo nelle scuole

Lo studio Ifop rivela anche che sette ebrei francesi su dieci affermano di essere già stati vittime di un atto antisemita. Quasi due terzi (64%) riferiscono di aver subito almeno un attacco verbale (beffa o insulti) e quasi un quarto (23%) di assalto fisico (schiaffi, colpi, spintoni). Questi assalti si svolgono più spesso in strada. Il 55% afferma di essere stato insultato o minacciato per strada e il 59% ha dichiarato di essere stato aggredito fisicamente per strada.

Ancora più allarmante, il secondo posto “di predilezione” per l’esercizio della violenza antisemita si trova all’interno degli istituti scolastici. Il 54% degli intervistati che affermano di essere vittime di un attacco verbale erano a scuola o durante attività extracurriculari. L’ambiente professionale non fa eccezione agli atti antisemiti: il 46% degli intervistati dichiara di essere stato vittima di violenza verbale lì.

18-24 anni in prima linea

Un altro fatto preoccupante di questo barometro: i più giovani sembrano essere i più preoccupati. Pertanto, il 43% degli ebrei francesi di età inferiore ai 35 anni confessa di sentirsi minacciato nella loro vita quotidiana. I 18-24enni sembrano essere particolarmente esposti ad atti antisemiti: l’84% dichiara di aver subito “un atto antisemita”, il 79% una “aggressione verbale” e il 39% una “aggressione fisica”.

L’islamismo e l’estrema sinistra tra le cause citate

Le cause invocate per spiegare la rinascita dell’antisemitismo in Francia sono molteplici. A questo proposito, gli ebrei di Francia non hanno la stessa opinione di tutti i francesi. Pertanto, il “grande pubblico” – secondo l’espressione usata nello studio Ifop – ritiene che il pregiudizio contro gli ebrei sia la principale causa dell’antisemitismo in Francia (58%), prima dell’islamismo (36 %). D’altra parte, il 45% degli ebrei in Francia cita l’islamismo e il 42% i pregiudizi.

Anche gli ebrei in Francia collocano idee di estrema destra (26%) e idee di estrema sinistra (23%) allo stesso livello di una delle cause dell’antisemitismo. Su questo punto, la loro opinione differisce da quella del grande pubblico, che cita idee di estrema destra (30%) molto più di quelle dell’estrema sinistra (9%).

Strategie di invisibilità

Di fronte a questo sentimento di minaccia, gli ebrei di Francia ricorrono quindi a quelle che lo studio chiama “strategie di invisibilità” per proteggersi. Pertanto, il 43% evita certe strade o quartieri, il 37% rinuncia a mostrare simboli di appartenenza religiosa (come la mezuzah) e 33 % per rinunciare a presunti segni di abbigliamento come il kippah.

Attraverso questo sondaggio, anche gli ebrei in Francia stanno inviando un messaggio di avvertimento alle istituzioni pubbliche. In effetti, non è a loro che si rivolgono quando si sentono in pericolo ma, nella stragrande maggioranza (77%), verso le associazioni (CRIF) e la polizia (60 %), prima che al Capo dello Stato (47%) e al governo (41%).

L’unico punto positivo evidenziato dallo studio: il “grande pubblico” (73%) e gli ebrei di Francia (72%) concordano abbastanza ampiamente nel dire che l’antisemitismo riguarda la società nel suo insieme.

Il commento dello studioso: “Gli ebrei vivono in una paura esistenziale”

“Non conduciamo la stessa vita quando non siamo ebrei”: lo ha dichiarato il prof. Dominique Reynié, che insegna al prestigioso Institute for Political Studies (Sciences Po) di Parigi, in un’intervista all’emittente nazionale RTL, commentando la ricerca (qui il video).

Durante la sua intervista televisiva, Reynié ha commentato di aver recentemente incontrato una donna ebrea di 22 anni che gli aveva detto che il fine settimana precedente, suo padre aveva trascorso due ore a ripulire i graffiti antisemiti che erano stati spruzzati sul pianerottolo fuori dall’appartamento della famiglia . “Non sono ebreo, non mi trovo di fronte a questo”, riflette Reynié. “Non abbiamo affatto la stessa vita, loro vivono in una paura esistenziale”.

Un commento anche su Internet, “dove si incontrano tutte le forme e le fonti di antisemitismo” e sui jilets jaunes, che Reynié vede coinvolti nella diffusione dell’antisemitismo. “Nell’espressione della collera dei gilet jaunes c’è antisemitismo, espresso con tag, insulti, inserito in una più ampia collera sociale che aveva le sue ragioni anche legittime per molti”.

A 75 anni dalla liberazione di Auscwhitz, in un Paese che ha conosciuto la deportazione, la situazione è molto grave per gli ebrei, che vivono in una paura esistenziale. “L’aspetto positivo è che anche i non ebrei si stanno rendendo conto di questa crescita allarmante e chiedono che si faccia qualcosa per fermarla. Chi ci governa dovrebbe muoversi”.

Menu