UIl cimitero ebraico di Pancevo, in Serbia, vandalizzato da ignoti

Antisemitismo: a Berlino ragazzo ebreo offeso da coetanei arabi a scuola. In Serbia profanato cimitero ebraico 

Mondo

di Roberto Zadik

Cresce l’antisemitismo in Europa. In una scuola di Berlino nei giorni scorsi, durante una discussione su Israele, alcuni studenti arabi hanno cominciato a accusare un adolescente ebreo di “uccidere i bambini” sostenendo che gli ebrei devono essere decapitati. E sempre in tema di antisemitismo, in Serbia, un cimitero ebraico è stato seriamente danneggiato da sconosciuti.

Berlino, ebreo attaccato a scuola al grido “Hitler era buono perché ha ucciso gli ebrei”

L’ingiuria allo studente ebreo del liceo berlinese Ernst Reuter ha provocato uno scandalo nel Paese e sembra si sia verificata all’inizio del mese. Secondo il quotidiano tedesco “Berliner Zeitung” episodio centrale dell’attacco sarebbe stato il momento in cui i suoi compagni gli avrebbero gridato “Hitler era buono perché ha ucciso gli ebrei”, dopo che il giovane aveva animatamente discusso in classe con loro sulla creazione di uno Stato palestinese. Inneggiando al nazismo e al genocidio degli ebrei, i suoi coetanei l’hanno coperto di insulti, parolacce, terribili minacce come “devono decapitarvi tutti”.

Ma stando alla testimonianza del giovane aggredito, nel suo liceo, si sarebbero verificati numerosi altri episodi dall’inizio della scuola. “Ho provato per mesi a tacere, a stare calmo a sorridere come nulla fosse ma ho deciso di rompere il silenzio riguardo ai commenti su Hitler” ha detto il ragazzo alla stampa locale riferendo tutti i fatti al preside dell’istituto che ha promesso di proteggerlo da eventuali ritorsioni a suo danno.

Come risultato di una serie di altri simili attacchi antisemiti, lo studente aggredito non può più giocare nel cortile della scuola durante gli intervalli per preservarlo da altre aggressioni. In seguito ad altre indagini il preside ha dichiarato di essere molto preoccupato per l’incidente che “ci spinge a rispondere con forza a questa ondata di antisemitismo e di attitudine anti ebraica e antisraeliana. Prenderemo provvedimenti affinché questo non accada più”.

Da segnalare la replica del Rabbino della Comunità ebraica berlinese, Yehuda Teichtal, che ha rimproverato severamente la scuola sottolineando che “è una situazione insostenibile questa in cui uno studente sia costretto a sentire cose tanto disgustose. Ci aspettiamo che il governo agisca per prevenire l’odio, l’intolleranza e questi gesti di odio nella nostra società specialmente per quelli contro i giovani”. Non è la prima volta che l’antisemitismo colpisce Berlino. Settimana scorsa, un video ha mostrato l’aggressione di un tedesco 60enne contro il ristoratore israeliano Yorai Feinberg .

Serbia, profanato cimitero ebraico di Pancevo

Cambiando luogo, sempre in questi giorni, la comunità ebraica serba è rimasta sconvolta dalla violazione del cimitero ebraico della cittadina di Pancevo in cui sono state distrutte 47 lapidi. Secondo le prime ricostruzioni, i responsabili sarebbero entrati nel cimitero arrampicandosi sul muro e dirigendosi verso le tombe, alcune delle quali di pregio e risalenti al 18esimo secolo. Turbato per l’accaduto il presidente della comunità ebraica locale, David Montijas, ha detto: “Non erano mai successe cose del genere, siamo disgustati da questo e non possiamo credere che ci sia accaduto. In passato c’era stata qualche svastica ma mai qualcosa di tanto grave”.

Condanne anche dal sindaco della città, Sasa Pavlov che ha condannato l’attacco annunciando di voler installare misure di sicurezza e telecamere nel cimitero.

Menu