Da Nazareth a Roma in segno di pace

Israele

Il Governo israeliano e il Keren Kayemeth LeIsrael donano al Vaticano un albero di ulivo antico di 400 anni. La cerimonia si terrà Mercoledì 26 ottobre alle ore 9 nei giardini papali all’interno della Città del Vaticano

In occasione della sua ultima visita in Italia, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, aveva promesso che Israele avrebbe donato al Vaticano un albero antico. Al suo ritorno in Israele, il premier Netanyahu si è rivolto al Presidente Mondiale del KKL Efi Stenzler, chiedendogli che il KKL si attivasse perché la sua promessa potesse essere onorata. Così il KKL ha iniziato i procedimenti dovuti per il trattamento, l’imballaggio e il trasporto dell’albero al Vaticano.

L’ulivo scelto per il dono è cresciuto sulle colline di Nazareth, luogo sacro della Cristianità, che ha visto i natali di Maria, nella parte meridionale della Bassa Galilea.

L’ulivo ha 400 anni, è largo 2,20 metri e alto 4 metri.

Alla piantagione sarà presente il Presidente Mondiale del KKL, Efi Stenzler, il Presidente del KKL Italia Onlus, Raffaele Sassun, il Direttore Generale del KKL Italia Onlus, Rafael Ovadia, l’Ambasciatore di Israele presso la Santa Sede, S.E. Mordechay Lewy, alcuni donatori del KKL Italia Onlus, personalità dello Stato Vaticano, Arcivescovi e Prelati. È prevista anche la presenza del Segretario di Stato del Vaticano, Cardinale Tarcisio Bertone.

Menu