Logo Amazon

Amazon sbarca in Israele: è un bene o un male?

Israele

di Nathan Greppi

Quando il colosso delle vendite al dettaglio online Amazon è entrato nell’ecosistema hi-tech israeliano, non era un affare come gli altri per la “start-up nation”.

Quando Amazon ha iniziato ad attrarre i migliori programmatori israeliani con tecniche di assunzione aggressive e offrendo salari insolitamente alti, gli esperti del settore iniziarono a chiedere allo Stato Ebraico di allargare il suo bacino di talenti tecnologici altamente specializzati – un bacino che sta diventando sempre più scarso, nonostante il noto debole per la tecnologia del paese.

Con l’inaugurazione del nuovo centro di ricerca e sviluppo di Amazon a Tel Aviv a ottobre, la compagnia si è unita alle oltre 300 imprese straniere – comprese Facebook, Microsoft, Intel, Google, IBM e la Apple – che hanno aperto una sede in Israele.

Dopo aver firmato a luglio accordi per 37 milioni di Shekel all’anno (8,9 milioni di Euro) per affittare uno spazio per uffici esclusivo a Tel Aviv, Amazon ha intrapreso assunzioni frenetiche di massa sul posto.

Nel farlo, la compagnia ha fatto pressioni senza precedenti sulle ditte tecnologiche israeliane per ingaggiare i loro programmatori e ingegneri più talentuosi, mettendo in luce la sfida di sostenere quella forza-lavoro altamente qualificata che è la linfa vitale dell’innovazione israeliana.

“Questo succede ovunque vi sia una grossa concentrazione di talento altamente qualificato, e il talento tecnologico d’Israele continua a eccellere,” ha dichiarato Guy Hilton, amministratore generale di Start-Up Nation Central, un’impresa che lavora per “connettere affari, ONG e capi di governo in tutto il mondo con le persone e le tecnologie in Israele che possono aiutarli a risolvere le loro sfide più pesanti.”

La cosa più importante, ha dichiarato Hilton, “è se il bacino di talenti locale viene alimentato a sufficienza e con la competenza necessaria.”

Nel suo tentativo di acquisire i migliori e più intelligenti, Amazon ha presumibilmente offerto agli assunti israeliani prospettive di guadagno di quasi 100mila Shekel (24mila Euro) al mese, quando di solito offre stipendi di circa 60mila al mese (14mila Euro) con bonus aggiuntivi. Tali offerte vanno ben oltre il salario medio di un israeliano, persino nel crescente campo dell’high-tech dello Stato Ebraico.

I maggiori programmatori in Israele attualmente guadagnano circa 40mila Shekel (9600 Euro) al mese, che è già più di quattro volte lo stipendio medio in Israele, mentre lo stipendio medio di un impiegato nel settore high-tech è di 21mila Shekel (5mila Euro) al mese, secondo l’Ente Centrale di Statistiche del paese.

La pressione creata dall’attività di Amazon evidenzia una sfida identificata nel rapporto annuale dell’Autorità per l’Innovazione in Israele, rilasciato recentemente. Il rapporto fa notare che mentre Israele guida il mondo in ricerca e sviluppo e i grossi investimenti di capitale rappresentano una grossa percentuale del PIL, il paese rischia di perdere il suo status di uno dei maggiori innovatori nell’high-tech al mondo se non si risolve il problema della carenza di impiegati qualificati.

Ma Hilton afferma di vedere “buoni progressi” su questo fronte. “Tutti gli stakeholders si stanno muovendo nella giusta direzione,” ha dichiarato, “ma occorre fare di più per includere settori della popolazione he non sono presenti nell’industria tecnologica in numeri significativi: gli haredim, gli arabi israeliani, gli abitanti delle città di provincia e le donne in generale.”

L’Autorità per l’Innovazione ha raggiunto la stessa conclusione nel suo rapporto, e ha delineato un piano per passare dagli attuali 270mila impiegati nell’high-tech israeliani a più di mezzo milione integrando ulteriormente settori sottorappresentati della società israeliana nell’ambiente. Il rapporto ha anche delineato dei metodi per aiutare le start-up locali a diventare compagnie più grandi.

“Riuscire in ciò,” ha concluso Hilton, “sarà ugualmente di beneficio sia alle multinazionali che alle start-up israeliane.”

Menu