Intervista a Natalia Indrimi, direttrice del Primo Levi Center di New York e coordinatrice della ricerca che negli ultimi mesi ha aperto il dibattito su Giovanni Palatucci e il salvataggio di "migliaia di ebrei" di Fiume.

Palatucci: è il momento di passare dal Mito alla Storia

Di: Laura Brazzo
29/07/2013

I passaggi che conducono dal mito alla realtà sono sempre dolorosi, si sa. Il mito, del resto, fa parte dei processi di costruzione delle identità nazionali, entra nella memoria collettiva fino a plasmare quelle identità.

Revisionismi, contro-revisionismi… lo storico rilegge, rivede, ripensa il passato alla luce dei documenti che via via gli archivi gli rendono accessibili.

Il caso di Giovanni Palatucci, a cui da un paio di mesi ormai stiamo assistendo attraverso i giornali, è per certi aspetti un esempio chiaro degli effetti, talvolta destabilizzanti, che la descostruzione del mito produce sulle storie collettive.
Giovanni Palatucci, commissario di Polizia a Fiume dal 1939 al 1944, per più di 50 anni è stato celebrato ovunque come un Giusto, come colui che a Fiume salvò “centinaia e centinaia di ebrei”, “migliaia di ebrei”, “più di cinquemila ebrei”.

In nome di questa straordinaria “impresa” (narrata da molte biografie), nel 1952, in Israele gli fu intitolata una strada di Ramat Gan e una foresta di 75 alberi. Due anni dopo in Italia l’UCII, l’allora Unione della Comunità Israelitiche Italiane, gli conferì la medaglia d’oro alla memoria, perché, si leggeva nella motivazione, “tanto operò in favore di ebrei e di altri perseguitati che venne arrestato dai nazisti nel settembre del 1944 e deportato in Germania. Se al suo nome già nello Stato di Israele sono state dedicate una via e una foresta, gli ebrei d’Italia vogliono anch’essi onorare il ricordo.”

Negli anni successivi, a questi riconoscimenti altri se ne sono aggiunti: il titolo di Giusto fra le Nazioni attribuitogli dallo Yad Vashem di Gerusalemme (1990), la medaglia d’oro al valore civile del Presidente della Repubblica italiana (1995), senza tralasciare il processo di beatificazione avviato dal Vaticano nel 2000. E poi scuole, strade, istituzioni intitolate a suo nome, sparse qua e là per l’Italia (e non solo). Tutto ciò mentre la ricerca storica sulla persecuzione degli ebrei di Fiume prendeva finalmente corpo grazie all’apertura di nuovi archivi. Gli studi, per esempio, di Silva Bon e poi di Federico Falk, sulla consistenza e composizione della comunità ebraica di Fiume, dagli anni della Prima Guerra mondiale fino al 1945, hanno portato ad alcuni primi interrogativi su Palatucci. Ma è la ricostruzione, sempre più dettagliata, del sistema persecutorio degli ebrei di Fiume fra il 1938 e il 1945, che sta travolgendo la figura, anzi il mito, di Giovanni Palatucci. Soprattutto il lavoro di ricerca di Marco Coslovich, dedicato proprio a Palatucci (“Palatucci: una giusta memoria”, 2008),  ha messo in luce le lacune, le falle di una vicenda che è stata raccontata finora in termini più epici che storici.

Nel corso dell’ultimo anno e mezzo, grazie al coordinamento del Primo Levi Center di New York, la ricerca storica sugli ebrei di Fiume e Giovanni Palatucci ha portato a nuovi importanti risultati. Le prime notizie sull’esito di questa ricerca sono state rese note da un lungo articolo di Alessandra Farkas sul Corriere della Sera in seguito al quale si è aperto un ampio dibattito su tutta la stampa nazionale. E sui giornali italiani (ma non solo) i titoli da “scoop” non sono mancati: “Lo Schindler italiano non fu un Giusto. Mandò gli ebrei nei lager”, “Palatucci, Giusto non lo fu”, “Lo Schindler italiano non fu un eroe”. Il New York Times l’ha definito “collaborazionista”.
Insomma, uno scalpore misto a sensazionalismo che per certi aspetti rischia di “rinnovare” il mito di Palatucci (in negativo) –  anziché ricondurre la sua figura al piano della realtà come è invece nell’intento degli storici.

Anche alla luce di questo “rischio” – e dell’asprezza dei toni che il dibattito ha raggiunto nelle scorse settimane – abbiamo chiesto a Natalia Indrimi, direttrice del Centro Primo Levi di New York e coordinatrice del pool di storici che ha condotto le ricerche su Palatucci, di spiegarci la genesi, i fini e anche il metodo con cui tutto questo lavoro è stato condotto.

Decidiamo di partire dagli obiettivi della ricerca –  che è forse il tema che più di tutti gli altri, ora come ora, sembra aver bisogno di un chiarimento.

“Il fine della ricerca era di far luce sulla storia delle persecuzioni antiebraiche a Fiume, come parte del lavoro di divulgazione della storia degli ebrei d’Italia e in particolare di un programma sulla storia del fascismo e delle persecuzioni che col Primo Levi Center portiamo avanti da anni insieme alla New York University, la Columbia University e la City University of New York” ci dice subito la Indrimi.

“La regione di Fiume e in generale il confine nordorientale del resto, sono stati spesso oggetto di interesse da parte degli studiosi che hanno messo a fuoco la tragica distruzione delle comunità ebraiche locali iniziata nel 1938 con un’applicazione estrema delle leggi razziali e terminata con la deportazione, tra l’autunno del 1943 e l’estate del 1944, di un’altissima percentuale dei suoi membri rimasti in città. Di fronte a questi dati emersi dalla documentazione d’archivio, l’onnipresenza di Palatucci nella memoria collettiva e ufficiale è diventata un catalizzatore di domande”.

In che modo?

Innazitutto rispetto ai numeri. Le biografie di Palatucci parlano di migliaia di ebrei salvati, alcuni citano la cifra di 5000. Ora, le ricerche più recenti ci dicono che secondo il censimento del 1938 erano registrati a Fiume attorno ai 1300 ebrei. Sappiamo inoltre che fra il 1938 il 1939 numerosi ebrei fiumani persero la cittadinanza italiana a causa delle leggi razziali (avendo acquisito la cittadinanza dopo il 1919 furono considerati “stranieri”). A quel punto, molte famiglie ebree fiumane, lasciarono la città. E’ vero che “in compenso” entrarono circa un migliaio di profughi;  molti di essi non rimasero in Italia, altri furono internati. Comunque l’ingresso di ebrei divenne quasi impossibile dopo la fine del 1942 e Fiume divenne una zona di forti respingimenti.

Secondo lo studio di Silva Bon che cita i dati del censimento della polizia, nel 1943 tra Fiume e Abbazia erano registrati circa 570 ebrei; di questi 412 furono deportati o uccisi. Se queste erano le cifre, chi erano i 5000 ebrei salvati da Palatucci, da dove venivano, dove li ritroviamo dopo la guerra, perché nessuno ha mai testimoniato?

Queste, al fondo, sono state le domande da cui, per certi aspetti, tutto è partito. Diversamente si può dire che volevamo capire come la storia di Palatucci, che ha così tanto spazio nella nostra memoria nazionale, andasse ad inserirsi nel contesto della storia della persecuzione degli ebrei a Fiume che invece è una storia dimenticata. La progressiva smitizzazione della narrativa celebrativa, è stata una conseguenza dei fatti evidenziati dai documenti.

Naturalmente sapevamo che dietro questo lavoro c’era il rischio di scoperchiare un vaso di pandora, e per certo aspetti, così è stato…

Come si è svolta la ricerca, chi sono stati gli storici coinvolti?

Mah, devo dire che è partito tutto piuttosto in sordina, 15-16 mesi fa … Abbiamo invitato Marco Coslovich, che da anni si occupa di Palatucci, a partecipare, insieme all’ex direttore dell’istituto dei Giusti di Yad Vashem, Mordechai Paldiel, ad un incontro su  “Heroes, Saints and the Righteous: the Case of Giovanni Palatucci”, alla Casa Italiana Zerilli Marimò della New York University. Da quell’incontro è nata l‘esigenza di ampliare la documentazione presentata da Coslovich, infatti si tratta di una storia che ruota intorno alla questione dei rifugiati e dell’internamento “salvifico” (c’è infatti chi interpreta l’internamento degli ebrei in Italia come una forma di “protezione” offerta agli ebrei dal regime fascista. Questa teoria fa intrinsecamente parte della narrativa palatucciana, come se la salvezza degli ebrei internati nel sud Italia fosse stata la conseguenza di un piano del fascismo e non invece dell’arrivo degli alleati nel settembre del 1943). Abbiamo poi invitato a partecipare a questa ricerca sia Anna Pizzuti, che ha realizzato il database degli ebrei stranieri internati in Italia, sia Rina Brumini di Rijeka.

Dopo i primi risultati ci siamo resi conto che servivano altre competenze, altre “specializzazioni”, così’ abbiamo cominciato a coinvolgere storici e ricercatori di provenienze, formazioni, specializzazioni, anche idee, diverse fra di loro. Questi, a loro volta, hanno portato non solo nuovi documenti ma anche nuove possibili “letture” di quegli stessi documenti. Di questo primo gruppo hanno fatto parte Susan Zuccotti, Carlo Spartaco Capogreco, Liliana Picciotto, Michele Sarfatti, Mauro Canali – il suo è stato un contributo particolarmente importante perché la sua conoscenza del sistema di polizia ha aperto un “mondo” che nessuno degli altri storici avrebbe potuto affrontare…

Poi a questo primo nucleo di studiosi se ne sono aggiunti altri, specialmente come “lettori”: abbiamo chiesto loro dati, pareri, analisi, possibili altri contributi o appunto, letture; e qui i nomi da citare sarebbero tanti – Silva Bon, Alexander Stille, Michael Ebner, Jonathan Dunnage (che ha da poco pubblicato un libro a Oxford sulla polizia ordinaria di Mussolini, dedicando un intero capitolo solo a Fiume).

E’ diventato una specie di laboratorio, un esperimento di “collettivo storiografico”.

Il mio compito è stato soprattutto quello di coordinare il gruppo di lavoro: creare l’infrastruttura per la condivisione dei documenti, raccogliere le analisi di ciascuno, pensare a nuovi eventuali lettori, implementare via via l’archivio virtuale da cui attingere i documenti per la lettura e l’analisi. Una grande quantità di documenti, devo dire, provenienti da tanti archivi: dall’Archivio centrale dello Stato a Roma, all’archivio di Stato di Rijeka, al Bundesarchiv di Berlino, a Yad Vashem; e poi ancora gli archivi di Stato di Padova, di Forlì, di Udine, l’archivio dell’Ucei, quello del CDEC di Milano, gli archivi svizzeri, quelli della Croce Rossa, del Joint a New York, quello dei Frati Minori di Montella e l’archivio Municipale di Campagna… e non sono nemmeno tutti! Riuscire a vedere (e in così poco tempo) le carte di questi archivi sparsi per l’Italia, per l’Europa, gli Stati Uniti, Israele sarebbe stato impensabile per un solo ricercatore!

E dunque, raccolto tutto questo materiale, come avete proceduto?

La quantità e varietà di fonti prese in esame ci ha consentito di seguire diversi filoni di ricerca. Il primo è stato senz’altro quello di fare un sondaggio delle biografie ufficiali; abbiamo cercato di enucleare le basi della teoria del salvataggio, di capire concretamente cosa si attribuiva a Palatucci e come questi salvataggi venivano descritti, per poi sottoporli alla prova dei documenti. E’ stato fatto un elenco degli eventi narrati, di ciascuno dei quali si è cercato un riscontro nei documenti d’archivio. E’ stato un fondamentale lavoro di controllo incrociato dei documenti, uno dei momenti-chiave della ricerca, direi; soprattutto se si considera che uno degli elementi-chiave della biografia di Palatucci è che l’assenza di prove, sarebbe dovuta alla distruzione dei documenti e alla segretezza. In realtà anche la tesi della distruzione dei documenti ha un che di “mitico”: lo storico sa bene che se qualcosa viene distrutto, specie in un ufficio di polizia, da qualche parte rimangono delle tracce, rimane uno strappo. In questo caso i documenti sono lì visibili a tutti. E anche la questione della “segretezza” tiene fino ad un certo punto. I fascicoli di persone aiutate da ufficiali spesso contengono gli elementi per capire la dinamica dell’aiuto. Aiutare era difficilissimo e non bastava passare la frontiera, bisognava trovare il modo di sopravvivere in un sistema controllatissimo in cui c’era bisogno di tessere annonarie, di permessi di transito, insomma di una complessa logistica. Lo vediamo nel caso della famiglia Conforty che viene aiutata dal loro amico, il Colonnello Bertone, a entrare e rimanere in Italia. Quello che Bertone riesce a fare per la famiglia Conforty emerge chiaramente dai documenti: si tratta di uno stratagemma, di un negoziato con i superiori di Palatucci, che sfrutta le pieghe della legge da un lato e la gerarchia militare dall’altro (Bertone infatti, tecnicamente, era un superiore del prefetto Temistocle Testa…).

Si è preso poi in esame tutto ciò che nelle biografie è considerata “testimonianza” e lo abbiamo messo a confronto con i fascicoli della polizia di coloro che hanno lasciato tracce scritte o orali, per capirne la storia e l’interazione con Palatucci. Attraverso questo processo, dalla narrativa celebrativa ha gradualmente cominciato a prender corpo l’immagine più frammentaria e complessa dei drammi di vita quotidiana vissuti in un ufficio della questura durante le persecuzioni razziali.

Poi c’è stata la ricostruzione dell’attività di Palatucci così come appare negli atti di ufficio. Prima dell’8 settembre del suo lavoro sui censimenti, le revoche di cittadinanza – che a Fiume furono massicce – le confische dei beni, le espulsioni e, nel 1940, gli internamenti. Sul periodo dopo l’8 settembre, sotto i tedeschi, la documentazione è più scarsa; gli studiosi tuttavia sono riusciti ad individuare piste alternative molto proficue attraverso le quali sono riusciti a ricostruire un quadro abbastanza articolato delle attività di Palatucci.

Ecco, alla luce di tutti questi dati emersi dalla biografia reale, documentata, di Palatucci, si riesce a capire quali sono stati gli elementi che hanno concorso e contribuito a formare ed alimentare il mito di Palatucci?

Quella di Palatucci è la storia di un vice-commissario di polizia morto in maniera tragica e molto giovane e che, avendo avuto un ruolo subordinato, ha lasciato poche tracce dirette. La sua attività non appare principalmente nel suo fascicolo – come accade invece per il questore – ma piuttosto nei fascicoli dei perseguitati sui quali stilava dei rapporti per i suoi superiori. Proprio il fatto di avere un ruolo subordinato in una questura le cui vicende sono disperse in migliaia di pratiche burocratiche, ha giocato un ruolo decisivo; ne ha fatto una sorta di personaggio-vaso che nel dopoguerra ha consentito di essere riempito di varie cose, a seconda dei momenti, delle esigenze.  Fino al punto da “presentarlo” come questore, sebbene di fatto non lo sia mai stato.

La vicenda di Palatucci nasce in un momento in cui ovunque si sentiva la necessità di un “dopoguerra conciliatorio”.  Concordo con l’analisi di Alexander Stille: la Chiesa doveva scrollarsi di dosso il sospetto del silenzio, lo Stato italiano era uscito dalla guerra senza fare i conti con il fascismo e avrebbe aspettato 50 anni prima di fare  i conti con le leggi razziali; Israele a sua volta, era uno stato giovane, isolato, con il bisogno di crearsi delle alleanze, degli amici… In questo contesto Palatucci, salvatore degli ebrei, era una storia “condivisibile” (e utile) a più livelli.

Oggi, a settant’anni di distanza, Palatucci è un mito – un mito che ci impedisce persino di porci delle domande fondamentali sul nostro passato. Quando ci si chiede come Palatucci abbia potuto (o non potuto) compiere una certa azione, è inevitabile finire a scandagliare i meccanismi e la violenza tipici della dittatura; la sua capacità di creare un apparato burocratico della persecuzione fatto di tante persone guidate da buone intenzioni, dal senso del dovere, ma che comunque obbedirono ad una logica distruttiva. Questa macchina, che fece con successo il suo lavoro persecutorio, è complessa e piena di zone grigie. Viceversa il mondo in cui agisce l’ “eroe” Palatucci, quello narrato nelle biografie, è altamente semplificato.

Ma dal santo si è passato al persecutore …

Purtroppo la “caduta” ha ribaltato l’immagine di Palatucci in senso diametralmente opposto cioè quello di collaboratore dei tedeschi che è in qualche modo la continuazione dello stesso mito. Non si può prescindere per esempio,  dal rilevare che Palatucci non fosse affatto il questore di Fiume, e che avesse un ruolo subordinato, sia sotto il regime, sia sotto la RSI che inevitabilmente sotto i  tedeschi. Nello stesso tempo è legittimo domandarsi perché gli uomini a cui Palatucci si lega (due dei quali, più anziani di lui), e che lo prendono sotto la propria protezione, vengano tutti dallo squadrismo radicale e come i cambiamenti della situazione di questi protettori sotto l’occupazione tedesca abbiano influito sulla sua esperienza. Così come non vi è traccia che abbia aiutato dei perseguitati: la valutazione del lavoro per i censimenti, le informative riguardanti ebrei nascosti che Palatucci firma e distribuisce alle altre questure della RSI impegnate nel “rintraccio” di quelle persone, vanno esaminate e valutate nel contesto della condizione in cui si trovava. Qualunque sia la conclusione, attraverso l’esame dei documenti si entra in un terreno complesso e pieno di ambiguità.

C’è un “pezzo” della storia di Palatucci che è emblematica della ricerca che avete condotto?

Senz’altro lo è tutta la vicenda della nave dell’Agia Zoni, quella che nel 1953 indusse il giovane Stato di Israele ad intitolare una strada di Ramat Gan e poi una foresta a Giovanni Palatucci.

Le biografie narrano che nel marzo del 1939 Palatucci intercettò un gruppo di 800 rifugiati che i tedeschi erano pronti ad arrestare, e li aiutò a nascondersi ad Abbazia per organizzarne poi la fuga su un battello greco chiamato Agia Zoni.

Secondo le narrazioni degli Anni Cinquanta, questi 800 ebrei erano diretti in Palestina; mentre secondo quelle più recenti la nave si diresse in Puglia dove uno zio di Palatucci, un frate francescano, li avrebbe ospitati in una località imprecisata.

E’ una storia emblematica perché mostra la sproporzione tra la genericità del mito e la realtà dei fatti emersa dai documenti.

La prima de-costruzione di questo episodio è stata fatta da Marco Coslovich a partire da una considerazione basata su un semplice dato di fatto: nel marzo del 1939 a Fiume non c’erano nazisti. Il contesto reale dell’episodio è quello che vede da un lato l’intensificarsi delle espulsioni di ebrei dai territori tedeschi, dall’altro la scadenza del 12 marzo 1939 imposta dal regime fascista agli ebrei stranieri per lasciare l’Italia. Coslovich, già nel 2008, aveva pubblicato una serie di documenti della prefettura di Fiume e della Capitaneria di Porto, dai quali si evinceva che la partenza della nave Agia Zoni avvenne il 17 marzo del 1939 e che vi si imbarcarono 180 rifugiati austriaci e tedeschi, e quasi duecento ebrei locali (ai quali era stata revocata la cittadinanza). A questi doveva unirsi anche un altro cospicuo gruppo di fuoriusciti da Dachau, ma che venne respinto su ordine del prefetto Testa, prima di riuscire a raggiungere Fiume. In tutta questa vicenda Palatucci compare soltanto in uno degli ordini impartiti da Testa e sembra non aver avuto nulla a che vedere con l’intera operazione dell’Agia Zoni.

Nei mesi della ricerca ci siamo chiesti come ricomporre questi frammenti  (lasciando tuttavia evidenti le lacune documentarie che pure ci sono), ma anche in che modo la storia che emerge dalle carte si sia trasformata nella versione narrata nella biografia di Palatucci – in una versione cioè che utilizza sì elementi fattuali ma alterandone completamente il senso.

Stilata la prima relazione sui dati, Tullia Catalan a Trieste ci ha messo sulle tracce di quello che poi si è rivelato essere il diario della guida incaricata dall’Agenzia Ebraica (sezioni di Vienna e Zurigo) di condurre il gruppo a Fiume. Ne abbiamo trovato copia in Australia per poi scoprire che l’originale era conservato a Yad Vashem…

Il diario coincide straordinariamente con la corrispondenza ufficiale e apre una finestra inaspettata sulla combinazione di violenza, compiacenza e ricatto che regnava nella questura di Fiume. Dalle sue pagine scopriamo che la polizia arrestò i 180 proprio ad Abbazia – dove, secondo le biografie, furono nascosti da Palatucci. Sembrerebbe che Testa abbia rimandato indietro, vuoto, il battello inizialmente affittato dall’Agenzia Ebraica. Quest’operazione innescò un processo di ricatto durato tre settimane in cui il gruppo venne trasferito in un magazzino al porto e – dopo aver pagato il noleggio e la riparazione di altri due battelli – fu finalmente lasciato partire.

Successivamente Federico Falk ci ha aiutato a identificare alcuni dei personaggi, in particolare i membri del piccolo nucleo sionista fiumano, cui si appoggiava l’Agenzia Ebraica, e che furono involontariamente denunciati dai viennesi e arrestati proprio nel corso di questa operazione.

Anna Pizzuti ha individuato all’Archivio Centrale dello Stato un fascicolo contenente le informazioni mandate dalla Capitaneria al Ministero che a Rijeka non eravamo riusciti a individuare. Qui abbiamo ritrovato la lista dei passeggeri che a sua volta ci ha rinviato  all’Archivio del Joint Distribution Committee a New York e in particolare ad un fondo contenente la corrispondenza di Lelio Valobra con il JDC. Da esso emergono tracce dell’organizzazione della spedizione. Sempre dagli Archivi del Joint sono emersi altri dettagli riguardanti il finanziamento e le dinamiche organizzative, il cui referente in Italia era l’avvocato Carpi – elemento che abbiamo poi riscontrato anche su un documento della polizia italiana.

Attraverso le liste dei passeggeri siamo riusciti anche ad identificare due diari, il diario di bordo della nave e persino una fotografia scattata poco prima che gli inglesi procedessero all’arresto di una parte del gruppo – visto che fu abbandonato dall’equipaggio sulla costa della Palestina, ma non nel punto concordato.

Questa prima ricostruzione è stata particolarmente fortunata per l’abbondanza di documenti che abbiamo ritrovato, ma c’è ancora molto lavoro da fare… specialmente per trovare le corrispondenze con il lavoro svolto dall’Agenzia Ebraica e dall’Hicem (l’organizzazione ebraica per il soccorso degli ebrei sorta nel 1927 dall’unione di tre distinte organizzazioni dislocate tra New York, Parigi e Berlino) nei porti italiani.
Tutto questo materiale serve a mostrarci da un lato  che Giovanni Palatucci non fu l’organizzatore della spedizione e che non si trattò di un’azione di salvataggio, ma anche, in via più generale, la complessità del sistema persecutorio, le sue molteplici forme.
Mostra anche come racconti parziali, presi magari in maniera autonoma, avulsi dal loro contesto complessivo, possano prestarsi a letture talvolta poco accurate, in alcuni casi addirittura completamente estranee alla realtà dei fatti.

Le reazioni al caso Palatucci: attese, inattese?

Mi sembra siano state tutte prevedibili. E’ sintomatico che nessuno abbia detto qualcosa di concreto sui documenti. Il solo fatto che per la prima volta sia stata posta la domanda su cosa facesse Palatucci in Questura, con chi lavorava, a chi obbediva, a chi dava ordini, dovrebbe sollevare l’interesse degli storici ma anche del pubblico. Invece questo passaggio dal mito alla storia è temuto. In generale però si è messo in moto un meccanismo positivo di superamento della verità immutabile. Ci vorrà un po’ di tempo per passare dalla difesa ad un dibattito articolato e informato. Auspicabilmente continueranno ad esserci punti di vista e interpretazioni divergenti ma non si potrà tornare a verità assolute né prescindere dai documenti.

Cosa pensa dell’articolo di Anna Foa uscito lo scorso giugno sull’Osservatore Romano in cui si parla di “ideologia che si sostituisce alla storia”?

Credo sia importante che Anna Foa abbia detto che la ricerca andava fatta. Naturalmente la sua preoccupazione, come dichiara nell’articolo pubblicato sull’Osservatore romano, concerne la questione del silenzio del Vaticano che invece in questa ricerca è poco rilevante. Semmai l’interesse e l’intento degli storici è stato quello di rovesciare la logica riduzionista della realtà storico-politica a biografia individuale. Chiede giustamente di sottoporre ad un’analisi più estesa queste carte che è esattamente quello che si sarebbe dovuto fare con la narrativa agiografica.

Guarda gli altri articoli di Idee

43 Le risposte alla Palatucci: è il momento di passare dal Mito alla Storia

  1. akai dice:

    Dott.ssa Indrimi , le vera falla di questa ricerca è proprio la pubblicazione di Coslovich Giovanni Palatucci “una giusta memoria”.. Si riscontrono errori di fatti e circostanze.. si sbaglia addirittura il luogo di nascita di Palatucci, non riesce nemmeno ad identificare il questore di Genova che punì Palatucci con il trasferimento a Fiume, non riesce nemmeno a capire dove si diploma Palatucci, fa morire il Papa Pacelli ( Pio XII dopo il 1963 o durante lo stesso anno… Pacelli muore nel 1958 )..Un libro che non presenta una bibliografia essenziale.. Ma quale ricerca..ha fatto lo storico Coslovich che si occupa da almeno 12 anni di Palatucci..Che credito si da a questo storico?? Leggete il suo libro e consultate le biografie serie su Palatucci ( tante )..
    In una testimonianza a RAI 3 , l’Ing. Falk, testimonia dei salvataggi fatti da Palatucci.. perchè non si citano queste cose…

  2. Wolf MURMELSTEIN dice:

    Questa intervista in fondo consente di passare dal Mito Palatucci al relativo sfondo storico. Negli anni di Quella Tenebre solo chi era considerato camerata affidabile poteva aiutare, certamente senza farsi pubblicità e tenendo il massimo segreto per cui non poteva lasciarci una documentazione burocraticamente perfetta a disposizione degli storici. Nella zona vagavano migliaia di profughi – molti avevano traversato il confine clandestinamente pur di evitare il ritorno a Dachau o Buchnewald – per i quali l’espulsione con consegna ai nazisti signifcava il disastro.
    E’ necessario verificare, se ancora possibile, che cosa Palatucci poteva firmare e che cosa solo preparare e sottoporre alla firma, di fatto formale, del Questore. Si deve quind distinguere fra i tanti profughi vaganti e gli ebrei residenti a Fiume e Abazia che non avevano mai superato il numero di 1000 (mille!).
    Dal Settembre 1943 Trieste e Fiune divennero ADRIATISCHES KUESTENLAND dove le “autoriutà” vennero estromesse. Palatucci venne nominato – una mossa patetica del governo fascista – Reggente della Questura e non Questore ma era senza poteri. La deportazione degi ebrei venne organizzata e eseguita direttamente dall’SS del Generale Globotschnik, appena trasferito dalla Polonia.
    Sui documenti “trovati” dai Croati negli archivi dell’ex Questura a quasi 70 anni di distanza sorge l’interrogativo sulla loro autenticità. Da considerare pure l’interesse croato a far dimenticare la complicità di tanti frati francescani con gli Ustascia nelle “operazioni” contro i serbi per cui auspicano il “riesame” della beatificazione di
    Palatucci. E poi, su RAI STORIA era stato detto che Palatucci nel Settembre 1943 ha brucciato degli documenti; e allora come mai si sono “trovati”?
    I dirigenti del DELASEM e di altre organizzazioni all’epoca non potevano mettere per iscritto che avevano ottenuto le promesse di funzionari di PS di mandare i tanti profughi in internamento invece di procedere alla loro espulsione come invece era stato ordinato da Mussolini, allora anche Ministro dell’Interno. Mi pare chiaro, o no?
    Se con queste premesse lo Yad Vashem ha potuto raccogliere e verificare col suo noto rigore alcune testimonianze allora si può solo parlare dello sfondo storico del Mito Palatucci.

  3. Wolf Murmelstein dice:

    La “demolizione del Mito Palatucci” segue quella del “Mito Perlasca” mentre viene del tutto ignorato il ruolo avuto dal Consigliere Federale Svizzero J.M.Musy nel convincere Himmler a chiudere le Camere a Gas, i primi rilasci di deportati ecc. ecc.
    Contemporaneamente viene rivalutata la tesi di Hanna Arendt – e pure con un costoso film – su Eichmann quale semplice esecutore di ordini e, nella recensione di un libro, una nota giornalista osa parlare di “tremebondi dirigenti comunitari” all’epoca della Shoah.
    AL più noto sito negazionista non pare vero di poter citare tutto questo!
    Mi domando a che gioco si gioca qui? Cosa si vuole dimostrare?
    Ai Collegi Rabbinici dovrebbero insegnare – e bene – la storia ebraica in generale e quella della Shoah in particolare a rischio di diminuire il tempo dedicato a questioni come la differenza fra pulci e pidochi, minuziose regole che la maggioranza non può osservare, ecc. ecc. Ma se non sanno neanche dire chi è ebreo!

  4. Matteo Luigi Napolitano dice:

    I problemi della “ricostruzione” proposta mesi fa dal Primo Levi Center sono diversi e sono tutti irrisolti. Proverò a dipanarne alcuni.

    1. Come ha notato giustamente Akai, Coslovich, lo storico di riferimento di tutta questa operazione, nel suo libro compie errori marchiani (veniva rilevato quello della nota 41 a pag 31: Pacelli che nel 1963 impedisce a Roma la rappresentazione del “Vicario”; una ricostruzione ideologica dei fatti, oltre che clamorosamente sbagliata). Non solo. Ma forse non tutti sanno che, proprio in occasione della famosa tavola rotonda di New York, il Console d’Italia Natalia Quintavalle ha dovuto prendere le distanze da alcuni accenti critici contro la Giornata della Memoria e la Giornata del ricordo, espressi da Coslovich o da chi per lui.

    2. L’altro protagonista di questa vicenda è l’ex Direttore dell’Ufficio Giusti di Yad Vashem, Mordechai Paldiel. Nella ricordata Tavola Rotonda egli afferma che stando alle risultanze Palatucci salvò una sola ebrea. A parte che basterebbe leggere il motto del Talmud nella cornice del diploma di Giusto per risolvere il caso in favore di Palatucci; a parte questo, quello che dice ora Paldiel è smentito da quello che lui stesso disse in passato.
    Paldiel è colui che ha dichiarato Giusto Palatucci; è colui che prima di dichiararlo Giusto esprime auspici che quest’ “uomo coraggioso” sia decretato Giusto; e che dopo la dichiarazione scrive nella sua corrispondenza che Palatucci salvò “many Jews”, molti ebrei.

    3. Non solo. Ma l’unica ebrea che Palatucci avrebbe salvato, Elena Ashkenasy, nel documento che Paldiel ritenne decisivo per dichiarare Giusto Palatucci, scrive e sottoscrive che Palatucci s’interessò di sua iniziativa ad altri ebrei della sua famiglia, e che rifiutò decisamente offerte di denaro, sorpreso del fatto che la Ashkenasy intendesse pagarlo per gli aiuti offerti.
    La Ashkenasy stessa, quindi, narra una storia diversa da quella che vorrrebbe farci credere Paldiel.
    Allora il punto è il seguente: come la pensa veramente Paldiel? Come mai dà prova di aver dimenticato il dossier su Palatucci da lui stesso preparato a Yad Vashem (che, fra l’altro, contiene anche altre testimonianze?)

    4. Gli effetti di tutta questa operazione, com’è noto, sono stati la cancellazione del nome di Palatucci da una mostra all’US Holocaust Memorial di Washington DC, l’annuncio della rimozione di una targa dedicata a Palatucci, collocata dalla Polizia di Stato (in una manifestazione ufficiale) a Dachau nell’aprile 2009, e i titoloni sui giornali che sono stati anche qui ricordati: Palatucci collaborazionista, Palatucci deportatore di ebrei, Palatucci schedatore di ebrei, Palatucci bravo poliziotto più che salvatore. Questi titoli presentavano le interviste ai diretti protagonisti degli eventi, che si sono ben guardati dallo smentirli.

    5. Dopo tutto questo fango e questo marasma, a fine agosto il Primo Levi Center annuncia la formazione di una commmissione per studiare il caso Palatucci. Come dire: prima demoliamo Palatucci, poi vediamo se avevamo ragione. Vi sembra, questo, un metodo storico?

    6. A proposito di metodo storico: si è detto che mancano documenti, che gli archivi del Ministero degli Interni narrano un’altra storia, eccetera. Ma un vicequestore della Repubblica di Salò poteva mai scrivere un cablogramma al suo diretto superiore antisemita, annunciandogli che stava interessandosi di alcuni ebrei fiumani? E’ razionale tutto ciò? Se la risposta è no, allora dobbiamo intenderci sul termine “documenti”.
    Yad Vashem basa il suo lavoro prevalentemente sulle testimonianze, non sui documenti ministeriali. Sono le testimonianze dei protagonisti, dei salvati, quelle ritenute più probanti. Se così non fosse, e se si puntasse solo alla presenza o assenza di documenti ministeriali, cinquant’anni di lavoro di Yad Vashem sui Giusti andrebbero in fumo. Dopo Palatucci, chi sarà il prossimo a essere ridiscusso? Schindler (iscritto al partito nazista)? Perlasca (fascista)?

    7. Yad Vashem ha impiegato 22 anni per dichiarare Giusto Palatucci, con un lavoro di ricerca accurato che porta la firma di Mordechai Paldiel. Dalle carte di Yad Vashem emerge che i primi documenti sull’ipotesi “Palatucci Giusto” risalgono, se non ricordo male, al 1968. Ora, dal Primo Levi Center in tre mesi si è voluto demolire il mito o la figura di Palatucci, cancellando 22 anni di lavoro fatto a Gerusalemm. E’ razionale, tutto ciò? Qual’è la “ratio” ultima?

    8. Dimenticavo. Ho contattato il municipio di Dachau. Mi è stato detto che la decisione di rimuovere la targa di Palatucci è stata presa dalla direttrice del Museo senza consultare nessuno, tantomeno la comunità cittadina. E mi è stato detto che quet’atto è irrazionale, primo di logica e soprtattutto senza alcuna minima base documentaria.

  5. ester dice:

    Cari Lettori,

    Grazie per i vostri preziosi commenti.

    La redazione

  6. akai dice:

    Riservatissima del Dott. Palatucci, del 26 luglio 1944…
    “ Relazione sulla situazione della provincia di Fiume” , inviata al Dott. Eugenio Cerruti Capo della Polizia con sede a Maderno , e p.c. al Ministero dell’Interno Direzione Generale P.S. Divisione personale – Divisione F.A.P. posta da campo 721.

    SITUAZIONE POLITICA:
    << Il controllo germanico su ogni settore della vita pubblica, economica, politica è assoluto e incontrastato. L’azione della Polizia germanica continua a essere esercitata assai spesso su vasta scala e viene svolto con criterio di durezza e di assoluta mancanza di rispetto della libertà individuale…… Nulla si può opporre agli abusi e ai maltrattamenti perpetrati a danno dei cittadini italiani, perché le autorità italiane o rimangono assolutamente estranee a tali operazioni di Polizia, in quanto ridotte all’impossibilità di una concertazione in tale campo ( Questura ), o le avallano e le appoggiano mediante opera di delazione, spesso ai fini di vendetta personale ( milizia e P.F.R.).
    Gli interventi e le proteste da me fatti finora, sia a favore di cittadini italiani ingiustamente arrestati sia a tutela di agenti di Questura, sono rimasti senza neppure l’onore di una risposta.In sintesi , l’atteggiamento germanico in questa zona è tuttora caratterizzato da un sovrano potere d’imperio in terra italiana.
    Palatucci chiude questo paragrafo della sua relazione con: HO , NATURALMENTE , RESISTITO.
    A quanto scritto in questa relazione, personalmente ho i miei dubbi che Palatucci possa essere definito un collaboratore nazista..

  7. AKAI dice:

    Lettera del Vescovo di Fiume, Mons. Ugo Camozzo, spedita l’11 luglio 1945 a Mons. Giuseppe Maria Palatucci e giunta l’1 agosto 1945 – prot.n.4956
    ( ancora non si conoscevano le sorti del Dott. Giovanni Palatucci… ricordiamo che il campo di Dachau fu liberato il 29 aprile 1945)

    Testo:

    Eccellenza Reverendissima,
    soltanto ora sono in grado di darLe notizie del Dr. Palatucci, Commissario di P.S. a Fiume. Purtroppo esse sono dolorose.
    Fu trasportato, non ricordo esattamente quando, nel campo di concentramento di Dachau ( Baviera ) e di là ebbi sue notizie. Pochi giorni fa, però, tre rimpatriati da quel campo vennero da me. Chiesi ad essi notizie del caro Dottore ed uno mi assicurò che egli era deceduto a Dachau. Non ebbi altre possibilità di controllo e conferma, solo il fatto che egli dimostrava di conoscerlo personalmente.
    Neppure sulla veridicità della persona potei indagare perché era di passaggio da me e prima non l’avevo conosciuto.
    Sono convinto che il buon Dr. Palatucci è stato internato, perché vittima del suo buon cuore per cui non mancava di aiutare quanti poteva, specialmente gli oppressi da leggi razziali.
    Egli ha lasciato un ottimo ricordo a Fiume che serba riconoscenza per lui.
    Mi unisco, Eccellenza, alle loro preghiere e baciando il Sacro Anello mi professo di V.E. Rev.ma

    Ugo Camozzo – Vescovo

    p.s. motivazioni molto diverse da quelle prodotte dal ten.col. Kappler

  8. AKAI dice:

    Prima riunione per il ‘Gruppo di ricerca su Fiume-Palatucci 1938-1945’ convocato su impulso di Unione delle Comunità Ebraiche italiane e Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano con l’obiettivo di far luce sulla figura del Giusto tra le Nazioni, Giovanni Palatucci, che fu questore di Fiume e fu ucciso a Dachau nell’inverno del 1945. Ne dà conto ‘Pagine ebraiche 24’, il quotidiano dell’Ebraismo italiano edito dall’Ucei. L’incontro, svoltosi nei locali del Cdec, ha visto la partecipazione di Michele Sarfatti (Fondazione Cdec, coordinatore del Gruppo), Mauro Canali (Università di Camerino), Matteo Luigi Napolitano (Università degli Studi Guglielmo Marconi), Marcello Pezzetti (Fondazione Museo della Shoah di Roma), Liliana Picciotto (Fondazione Cdec), Micaela Procaccia (dirigente della Direzione generale per gli archivi del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), Susan Zuccotti (Centro Primo Levi, New York).Numerosi gli aspetti messi a fuoco già a partire da questa prima riunione, compreso l’avvio di una significativa ricognizione degli archivi noti o ancora da consultare. Al termine dei lavori, previsti in sei mesi, il Gruppo pubblicherà una relazione sui risultati delle ricerche con allegati i documenti rilevanti.

    p.s. mi viene spontanea la domanda!!! come mai lo storico, Prof. Marco Coslovich non è stato invitato allo studio, tantomeno è stato segnalato dal Centro Primo Levi di New York, come esperto/studioso ( sic!!! ) di Palatucci????

  9. Laura Brazzo dice:

    Gentile AKAI, leggendo l’intervista a Natalia Indrimi qui sopra, scoprirà che le ricerche del PLC sono partite proprio insieme e grazie al lavoro di Marco Coslovich.

  10. AKAI dice:

    Sig.ra Laura , conosco bene la storia che ha fornito il Prof. Coslovich al CPL..Come già scrivevo prima.. Una ricerca molto mediocre su Palatucci..Quello che non capisco: come mai la dott.ssa Indrimi non ha proposto/suggerito il Prof. Coslovich , considerato che trattasi ( a lor dire ) di uno studioso/esperto di Palatucci, autore anche di una biografia , zeppa di errori fattuali e cronologici ( sic!!!! )..

  11. arturo conforti dice:

    Ho letto con passione quanto la dott.ssa Indrimi denuncia a proposito dell’eroe-non eroe Giovanni Palatucci. probabilmente la stessa non è mai stata a Campagna (sa) dove esisteva un campo di “internamento” per gli ebrei e non ha mai letto almeno qualche attestato di stima per il sostituto questore di Fiume da parte degli internati stessi o di qualche loro familiare. Inoltre, non conosce assolutamente l’onestà intellettuale nonchè la bontà di spirito del vescovo Palatucci. Dia delucidazioni concrete a chi non la pensa come Lei.

  12. AKAI dice:

    Mi associo al Sig. Conforti.. CONDIVIDO.. l’invito a visitare Campagna, vale anche per il Prof. universitario ( sic!! ) Coslovich.. Chiaramente tutto a spese dei cittadini di Campagna..

  13. AKAI dice:

    Molto importante diffondere il materiale , oggi e` diventato quasi uno sport discriminare chi ha dedicato la sua vita per salvare gli ebrei

    Le domande e le risposte convincono pienamente dell’eroismo e la grandezza dei Palatucci anche se non si tratta di 5000 ma “soltanto” di 5 ebrei salvati dal Palatucci lo stesso merita il riconoscimento di giusto Fra Le Nazioni conferito dal Yad Vashem

    Grazie per averci comunicato questo scambio di idée

    David Cassuto

    Presidenza del Yad Vashem

  14. AKAI dice:

    Osservatore Romano – Domenica 16 Febbraio 2014:

    Secondo un membro della presidenza dello Yad Vashem

    Palatucci resta Giusto tra le Nazioni

    David Cassuto, della presidenza dello Yad Vashem di Gerusalemme, replica
    alle accuse del Primo Levi Center di New York e si dice «convinto pienamente
    dell’eroismo e della grandezza del questore di Fiume, Giovanni Palatucci,
    e anche dello zio vescovo che lo aiutò a salvare gli ebrei». È quanto si
    legge in un articolo di Angelo Picariello pubblicato su «Avvenire» del 15
    febbraio. «Non c’è nessuna novità, o presunta tale, che giustifichi un processo
    di revisione del riconoscimento di “Giusto fra le Nazioni” conferito a
    Giovanni Palatucci il 12 settembre 1990» afferma Cassuto in una lettera a
    Roberto Malini, storico e documentarista della Shoah, che gli aveva comunicato
    una sua intervista sul caso Palatucci rilasciata al portale Lo Schermo.
    Domande e risposte «convincono pienamente dell’eroismo e della grandezza
    dei Palatucci» commenta il membro della presidenza dello Yad Vashem, che
    associa nel giudizio la figura dello zio, monsignor Giuseppe Maria Palatucci,
    vescovo di Campagna, in provincia di Salerno, il quale partecipò all’op era
    di salvataggio «attraverso l’assistenza agli ebrei trattenuti nel campo di internamento
    del suo paese»

  15. AKAI dice:

    lo scorso 5 febbraio.. Visita al campo di concentramento di Campagna, del Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma- Prof. Riccardo Di Segni.. Grande giornata , grandi emozioni, gran bella persona il Rabbino..
    COMUNICO SOLO PER INFORMAZIONI!!!!!
    p.s. si accettano commenti… anche dal CPL di New York

  16. Rino dice:

    Testimonianza di prestito tra offerta individuale.

    testimonianza di ottenere finanziamenti seri molto piacevolmente sorpreso! Io sono seccata! tutto è fatto semplicemente, senza intoppi, senza mettere in discussione diversi da quelli che necessari per stabilire che il record una volta tutti i documenti sono stati accolti, fondi sono stati trasferiti alla data programmata come pubblicizzato.
    Lo raccomando altamente a uno di voi che hanno bisogno di finanziamenti gravi per il progetto
    contatto mail: boris.tommaso@hotmail.com

  17. jordi dice:

    offerta di prestito tra particolare
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 2000 € a 25.000. 000 € a condizioni molto semplice. Ho anche fare investimenti e prestiti tra i singoli di tutti i tipi. Offro crediti a breve, medi e lunghi termine in collaborazione con il mio avvocato. e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione.
    mail:jordiklaussverna@gmail.com

  18. Annalisa Pinter dice:

    Tutta la vicenda riguardante Palatucci mi addolora. Da una parte ritengo che sia indispensabile fare luce sulla verità; dall’altra vorrei che non si tenesse conto solo dei documenti, benché indispensabili, ma si calcolassero le testimonianze dei superstiti. Ho già scritto in questo senso la mia testimonianza al Centro Primo Levi, a Michele Sarfatti e a Liliana Picciotto. I miei genitori -fiumani- sono stati aiutati da Palatucci, così come altri miei parenti e altre persone amiche. Ho chiarito le circostante, per quanto mi è stato possibile. Ho dato nomi di altri testimoni disponibili a deporre per Palatucci: mio fratello Gabriele Pinter, mio cugino Paolo, Ilana Ostermann, suo fratello Roni, Clara W. e sua sorella Silvia, e Dusci Werzler, che ha rilasciato un’intervista.
    Spero che ci si voglia rivolgere a questi testimoni finché si è in tempo, perché gli anni incalzano e tra un po’ non saremo più in grado di dire la nostra.
    Qualsiasi cosa venga fuori ufficialmente rispetto a Palatucci, nella mia famiglia lo si continuerà a considerare con gratitudine. Credo che uno degli scopi della mia vita sia la memoria: la memoria naturalmente dei miei familiari uccisi in campo di sterminio, e di tutti coloro che sono scomparsi a causa della violenza nazista e fascista. Ma anche la memoria di chi ha teso una mano per alleviare le sofferenze dei perseguitati, in primis, per quello che riguarda i casi personali e di alcuni amici, quella di Palatucci.
    Quanto ai documenti, nella difficoltà di reperirli ed interpretarli, pregherei di tener conto di quanto fosse (im)possibile lasciar traccia in un contesto di ovvia segretezza come quello di chi operava in favore degli ebrei allora.

  19. Mr Excel dice:

    Avete bisogno di un prestito urgente? Se sì contattarci per ulteriori informazioni via e-mail il nostro: excelservices.managementonline@gmail.com

    Offerta di prestito

  20. AKAI dice:

    Concordo con lo scritto della sig.ra Annalisa Pinter. Sicuramente la sig.ra Pinter ha fornito una grande testimonianza…Mi auguro di poterla leggere presto…

  21. Matteo Luigi Napolitano dice:

    Desidero ringraziare la Signora Annalisa Pinter per questa bellissima testimonianza.
    Comprendo che sia per me difficile, come membro della Commissione internazionale su Palatucci (di cui faceva parte anche il Primo Levi Center di New York), tracciare delle linee di analisi che possano essere ritenute oggettive (in fondo sono una delle parti in causa).
    Tuttavia alcune vicende vanno precisate.
    Sia le carte gentilmente messe a disposizione dal CDEC, sia quelle che il Primo Levi Center ha trovato a Fiume non (dico: non) giustificano né dimostrano la tesi di un Palatucci collaborazionista, entusiasta collaboratore dei nazisti padroni di Fiume e così via. A queste carte vanno aggiunti altri documenti che io stesso ho messo a disposizione della Commissione internazionale (dunque anche del PLC), e che vanno in direzione del tutto opposta a quella indicata dal “filone accusatorio” di Palatucci,
    La Indrimi peraltro, in un fuoco incrociato con me nel marzo scorso sul Corriere della Sera, ha tenuto a precisare che mai lei si era sognata di affermare che Palatucci fu un entusiasta collaboratore dei nazisti nella deportazione degli ebrei fiumani. In una replica io Le ho virgolettato le sue dichiarazioni al New York Times, in cui lei definiva Palatucci esattamente un entusiasta collaborazionista.
    Ovviamente la Indrimi non ha potuto replicare alcunché.

  22. AKAI dice:

    A questo punto il CPL di New York, per tramite la Indrimi, potrebbe fare delle scuse….. Le accetteremo senza riserva..

  23. liliane dice:

    Dio benedica la signora Jacqueline LOTHAIRE.
    Ciao
    Prima di tutto vorrei consigliarvi di diffidare di offerte in rete
    così come gli annunci. Perché leggere il 90% di questi annunci sono
    fraudolente. Al giorno d’oggi egli y’ mai oltre alla truffa. Ho
    Volevo prendere in prestito denaro, dopo la pubblicazione di un annuncio.
    ogni giorno ricevo più di 25 messaggi niente ma truffatori che
    chiedere denaro presumibilmente spese record. E io
    rimosso il loro messaggio, ma un giorno che mi ritiro su una persona
    che si chiamano JACQUELINE LOTHAIR, ho pensato che è anche parte dei truffatori da
    NET, ma con mia grande sorpresa è diverso, rende un
    prestito di € 9000 e ho il rimborsati €9422 / € 9000. Posso confermare e
    Se è successo che cerchi contatto prestito lui via mail:
    il jacquelinelothaire@gmail.com.
    Grazie e non dimenticate di condividere le informazioni per salvare le persone.

  24. Antonio dice:

    Scusate per questo messaggio imprevisto ma occorre che testimonio il questo signore Mauro Callipo, io non credevano più al prestito di denaro poiché tutte le banche respingevano la mia cartella; infatti ero schedato dalla mia banca. Ma un giorno un’amica mi ha consigliato un prestatore particolare di cui lo ha dato sono mail. Ho tentato il colpo con quest’ultimo inviandogli un e-mail quindi quello è andato. Ho ottenuto un prestito di montano di 70.000€ la mia vita asso cambiato l’amico. Ecco il suo indirizzo mail: maurocallipo94@gmail.com

  25. Dékány. dice:

    Hai bisogno di un prestito? se sì, contattaci subito a: (dakany.endre@gmail.com) per ulteriori informazioni.

  26. aiuto di prestito tra privato
    Buongiorno
    Sono un commerciante nel dominio finanziere.
    Un certificato di prestito da partire da 2.000 euro per 2,000,000,000 euro
    ogni persona capace di rimborsare con interessi dal 2% al 4% a
    correndo della somma chiesta. Grazie
    e-mail il mio di ecco:altamuradomenica1@gmail.com

  27. line dice:

    necessità di prestiti urgente
    grazie alla Sig.ra perillo ho ottenere i miei prestiti di 200.000.00€ volete ne ne beneficiate di quest’offerte vegliate bene la contattate ha suo mail:lperillo69@gmail.com

  28. jordi dice:

    offerta di prestito tra particolare
    Ho messo a vostra disposizione un prestito da 2000 € – 5.000. 000 € a condizioni molto semplice. Ho anche fare investimenti e prestiti tra i singoli di tutti i tipi. Offro crediti a breve, medi e lunghi termine in collaborazione con il mio avvocato. e i nostri trasferimenti sono forniti da una banca per la sicurezza della transazione.
    E-mail: jordiklaussverna@gmail.com

  29. Carina dice:

    Ciao
    Leggi la mia testimonianza che anche si potrebbe aiutare anche

    Prestito Testimonianza

    Sono la signore Carina Baur io sono alla ricerca di prestito di denaro da molti mesi. Ma fortunatamente ho visto prove fatte da molte persone sul sig. Pierluigi, così la ho contattata per ottenere il mio prestito dell’importo di 70.000€ per regolare i miei debiti e realizzare il mio progetto. C è con il signore. Pierluigi che la vita, il mio sorrida nuovamente è signore de cuore semplice e molto comprensivo. Ecco sono posta elettronica. visentinpaola96@gmail.com

  30. ALDO dice:

    Buongiorno
    Sono riuscito ad avere un credito di 50.000€ in signor Vane, le condizioni sono buone e il modo di rimborso. È realmente della serietà il tasso d’interesse è di 2%.Si d’altra parte voi avete bisogno di un credito,
    per contattarlo ecco il suo indirizzo e-mail: vanepablo@outlook.fr

  31. prestatore dice:

    Sig. NICOLA Milani la ha salvata della disonestà dei poveri africani assetati di denaro accordandomi un credito di
    45.000 euro su una durata di 5 anni affinché il mio sognati diventino realtà. Prego a tutti coloro che hanno potuto usufruire di questi servizi, di volere ritornare testimoniarne per permettere all’altra gente nella necessità, di potere trovare anche un ricorso affidabile. Vi lascio il suo indirizzo professionale: prestatoreg.nicola@gmail.com

  32. Guisseppe dice:

    Buongiorno,
    Dopo numerosi rifiuti di cartella da parte delle banche ho avuto il mio prestito di 50.000 € in una donna giusta del nome merciaio Alexandra nelle 72h. Alla partenza non vi credevo ma la mia curiosità la ha spinta ha provato ma finalmente ho potuto ottenere questo prestito che la mia uscita di questo vicolo cieco nel quale vivevo. Vengo di questo parte voi informato perché ormai sappiate abbia che indirizzate quando sarete nella necessità, il suo indirizzo posta elettronica è questa: mercier.alexandra1200@gmail.com
    Contattati il Si siete nella necessità. condividere questa pubblicazione

  33. grimaldi dice:

    fornisce a privati e aziende

    Sono una persona di buon carattere che aiuta le persone a difficoltà finanziarie attraverso i miei servizi di finanzi. Quindi, se si sono in ogni necessità, potete contattare me Per saperne di più sulle mie condizioni di finanzi
    grimaldi.domenico02@gmail.com

  34. carolino dice:

    Ciao
    Tutti noi abbiamo avuto problemi di finanziamento, ma non sapevamo come fare a non essere in realtà. Ma voglio significa che la soluzione è attualmente presente perché era l’ultima settimana non ho sperimentato questo forum tramite un collega che mi ha parlato. In un primo momento non ci credevo nemmeno come ho fatto io una volta non netta falso del prestatore. Se il fatto che il mio sospetto era troppo presto perché voglio vivere la stessa cosa per la seconda volta .Ma come il mio collega il mio indirizzo e-mail smalto signora contatto carolino franco e ho seguito queste condizioni la lettera e giorno qui sto tutti pieni è perché il denaro è nel mio conto, e parte della prossima settimana inizieranno le mie attività. Quindi chiedo a chiunque avesse lo stesso problema come me o voglio un prestito non è quello di contattare la mail: carolinofranco79@gmail.com non mi dubitato di più, perché in realtà ho avuto il mio prestito. Poi il pensiero di un futuro migliore e dimenticare i bugiardi che si trovano in rete.
    cordialmente

  35. grimaldi DOMENICO dice:

    Metto a vostra disposizione un prestito a partire da 5.000€ a 1.000.000€ a condizioni molto semplice e rigorosamente seguita ad ogni persona che si trova nelle necessità e che può rispettare il programma che gli sarà fissato in funzione della sua capacità finanziaria. Faccio anche investimenti nelle giovani imprese che mancano di fondo e che si sono visti rifiutare un aiuto da parte delle banche che sono molto dubbie. Offro crediti a breve, medio e lungo termine. Sacchetto che i nostri trasferimenti sono garantiti, esitato non a contattato mi farò in modo che la vostra domanda così come sia possa essere soddisfanno nei più brevi délais.veillez contattarla con: grimaldidomenico02@gmail.com

  36. verena dice:

    buongiorno,
    sono essendo la signora Eudocie alla ricerca di prestito da oltre 3 mesi,
    sono stato molte volte ingannato su siti di prestito tra privato
    volendo fa un prestito tra privato in molte persone.
    Ma ogni volta mi sono fare avere da prestatori falsi e
    alla fine non ricevo nulla sul mio conto. Ma fortunatamente sono
    caduto su signore de nome Alfredo realmente semplice e piacevole che lo ha aiutare ha
    trovare il mio prestito di 250.000€ che ho ricevuto sul mio conto 48 ore
    dopo senza troppi protocolli.
    Dunque voi che siete nella necessità come me, potete scriverle e
    spiegargli la vostra situazione potrebbe aiutarvi la sua mail:
    jordiklaussverna@gmail.com

  37. grimaldi dice:

    Creare la vostra impresa e la vostra ricchezza con i miei servizi di concessione di prestito che varia di 5,000 euro a 750,000 euro. Offro questo
    prestito per permettere a tutti quelli che sono una situazione finanziaria difficile e coloro che vogliono creare la loro impresa per avere una vita
    felice. I prestiti tra privati esistono allora non perdete il vostro tempo. Volete contattarlo per mail: grimaldidomenico02@gmail.com

  38. grimaldi dice:

    Ciò fa anni o mesi o encora dei giorni che siete alla ricerca di un prestito perché avete progetti a realizzare o avete debiti a consolidare.
    Vi propongo i miei servizi di concessione di prestiti. Offro prestiti di ogni tipo che va da 5.000 euro a 2,000,000 euro con un tasso costante di 3,5%
    Allora, se siete nella necessità di ottenere un prestito volete contattarlo per avere più informazioni. Posta elettronica: grimaldidomenico02@gmail.com

  39. Applicare per il prestito urgente dice:

    Ciao a tutti, Se avete bisogno di prestito urgente per cancellare i debiti o si sono rifiutati dalle banche e altre istituzioni finanziarie? Avete bisogno di un prestito per migliorare il vostro business? Hai bisogno di un prestito di consolidamento o un mutuo? Chiama subito la siamo tutti qui per i problemi finanziari in passato. Si tratta di STAR fondi per mutui. massimo di $ 5.000,00 USD $ 100.000.000,00 dollari che .Amount vanno da 2% offrono prestiti alle persone interessate tramite un tasso di interesse appropriato. Massima sicurezza dei nostri prestiti sono assicurati per la nostra prima priorità. In INVESTITORI ho bisogno. Vi preghiamo di contattarci via e-mail: TRUSTFUNDS@OUTLOOK.COM~~number=plural saluti Jenny Michelle un mezzo per TUO MONDO

  40. applicare per il prestito urgente dice:

     
    Avete bisogno di un prestito? Sei stato alla ricerca di dove ottenere un prestito? Hai cercato di ottenere qualsiasi tipo di prestito? Quindi applicare ora? (TRUSTFUNDS@OUTLOOK.COM) se si vuole ottenere un prestito conveniente. Prestito è offerto qui ad un tasso di interesse molto basso di 2%. Contattaci subito se siete interessati.?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi richiesti sono marcati *

È possibile utilizzare questi tag e questi attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*