Parasha

Parashat Vayelech. La leadership è delicato equilibrio fra comando e consenso

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

Cosa diresti al tuo successore? Che consiglio gli daresti? La parashà di Vayelech è il posto dove cercare la risposta, perché è qui che Mosè ha finalmente consegnato le redini a Giosuè, e lui e Dio gli danno entrambi una benedizione per il futuro. Ma hanno dato benedizioni diverse.

Ascoltali, suonano quasi allo stesso modo. Mosè disse: “Sii forte e fatti coraggio, perché verrai [tavo] con questo popolo nel paese” (Deuteronomio 31:7).
Dio disse: “Sii forte e fatti coraggio, perché farai entrare [tavi] gli Israeliti nel paese” (Deuteronomio 31:23).
Tavo o tavi, “vieni con” o “porta”. Le parole suonano e sembrano simili. Ma la differenza, come intesa dai Saggi, era totale.

Ecco cosa dice Rashi:
Mosè disse a Giosuè: «Fai in modo che gli anziani della generazione siano con te. Agisci sempre secondo la loro opinione e consiglio.” Tuttavia, il Santo benedetto Egli sia disse a Giosuè: “Poiché porterai gli Israeliti nella terra che ho promesso loro” – che significa: “Portali anche contro la loro volontà. Dipende tutto da te. Se necessario, prendi un bastone e battili sulla testa. C’è solo un leader per una generazione, non due”.

Questi sono i due estremi della leadership: consenso o comando. Mosè consigliò a Giosuè di perseguire una politica di consultazione e conciliazione. Quello che stava dicendo in effetti era: “Non è necessario seguire le persone. Tu sei il leader, non loro. Ma devi lavorare con gli anziani. Anche loro sono leader. Costituiscono, in effetti, la tua squadra. Hanno bisogno di sentirsi parte del processo decisionale. Non si aspetteranno che tu sia sempre d’accordo con loro. Anzi spesso non lo saranno. Ma avranno bisogno di sentirsi consultati.

“Se sentono che non sei interessato alle loro opinioni, se l’impressione che hanno di te è di una persona determinata a fare le cose a modo suo, indipendentemente da tutti gli altri perché tu ne sai di più, cercheranno di sabotarti. Ti faranno del male. Potrebbero non avere successo. Potresti sopravvivere. Ma sarai ferito. Zoppicherai. La tua posizione tra la gente sarà svalutata. Diranno, come possiamo rispettare chi non è rispettato dagli anziani?

“Parlo per esperienza. La ribellione nella parashà di Korach era seria. Non era solo Korach; erano anche i Rubeniti e altri capi delle varie tribù a contestare Mosè. E anche se la ribellione è stata interrotta nel modo più drammatico possibile (sprofondarono tutti nelle viscere della terra per volere di Dio), siamo stati tutti sminuiti e niente è stato più lo stesso. Quindi: assicurati che gli anziani della generazione siano con te. Se lo saranno, avrai successo.”

Dio, secondo i Saggi, ha adottato l’approccio opposto. “È giunto il momento di lasciare il deserto, attraversare il Giordano, conquistare la terra e costruire il tipo di società che onora gli esseri umani che ho creato a Mia immagine invece di schiavizzarli e sfruttarli. Non cercare consenso. Non lo troverai mai. Gli interessi delle persone sono diversi. Le loro prospettive non sono le stesse. La politica è un’arena di conflitto. Non volevo che fosse così, ma avendo dato all’umanità il dono della libertà, non posso riprendermela e imporre la mia volontà con la forza. Quindi devi mostrare la strada alla gente”.

“Guida da davanti. Sii chiaro. Sii coerente. Sii forte. L’ultima persona che ha dato alle persone quello che volevano era Aaron e quello che volevano era un vitello d’oro. Quella fu quasi la fine del popolo ebraico. Il consenso, in politica o negli affari o anche nella ricerca della verità, non è la leadership, ma l’abdicazione della leadership. Ti ho scelto come successore di Mosè perché credo in te. Pertanto, credi in te stesso. Dì alle persone cosa devono fare e spiega loro perché.

“Sii rispettoso di loro. Ad ogni modo, ascoltali. Ma alla fine la responsabilità è tua. I leader guidano. Non seguono. E credimi, anche se ora possono criticarti, alla fine ti ammireranno. Le persone vogliono che i loro leader conoscano la strada, seguano la strada e mostrino la strada. Vogliono che siano decisivi. Trattate sempre le persone con la massima cortesia e rispetto. Ma se non si comportano con te come ti comporti con loro, se si oppongono e cercano di frustrare ciò che stai facendo, potrebbe non esserci altra scelta che prendere un bastone e colpirli in testa. C’è solo un leader in una generazione. Se tutti hanno potere, non c’è musica, solo rumore; nessun risultato, solo un’interminabile riunione del comitato in cui tutti parlano e nessuno ascolta”.

Quelle erano, allora e adesso, le due grandi opzioni. Ma nota qualcosa di strano. La persona che sollecita il consenso è Mosè. Ma Mosè non ha mai agito per consenso. Questo è l’uomo che ha quasi dovuto trascinare il popolo fuori dall’Egitto, attraverso il mare, e attraverso un deserto ululante, l’uomo che ha fatto le cose di sua iniziativa senza nemmeno chiedere a Dio.

Questo è l’uomo che ha rotto le Tavole di Pietra tagliate e incise da Dio stesso. Quando mai Mosè guidò per consenso? Sicuramente aveva settanta anziani, principi di tribù, e una struttura amministrativa decentrata con capi di migliaia, centinaia, cinquanta e decine, ma sebbene lo aiutassero, non lo consigliarono né chiese il loro consiglio. Cosa ha trasformato improvvisamente Mosè in un pacifista, un uomo guidato dal consenso? Questo è un problema. L’altro è il consiglio dato da Dio stesso: “guidare da davanti, anche contro la loro volontà”. …

La risposta, mi sembra, sia questa: sia Dio che Mosè volevano che Giosuè sapesse che la vera leadership non può essere un affare unilaterale, che si tratti della ricerca del consenso o del comando e del controllo. Deve essere un abile equilibrio di entrambi. Volevano che Joshua ascoltasse questo nel modo più sorprendente, quindi ognuno ha detto quello che meno si aspettava di dire.

Mosè, che tutti associavano a una leadership forte e decisa, in effetti disse a Giosuè: “Non dimenticare di lottare per il consenso. Il tuo compito non è come quello che era il mio. Ho dovuto togliere le persone dalla schiavitù. Tu devi condurli in una terra di libertà. Libertà significa prendere sul serio le persone. La leadership di un popolo libero implica l’ascolto, il rispetto e la ricerca del consenso dove possibile”.

Dio, che ha dato agli uomini la loro libertà e non si è mai imposto agli uomini contro la loro volontà, ha detto: “Giosuè, io sono Dio; tu non sei me. Devo rispettare la libertà delle persone. Devo lasciarli andare nel modo in cui sono determinati ad andare, anche se è sbagliato e autodistruttivo. Ma tu sei un essere umano tra gli umani ed è tuo compito mostrare loro la via che conduce alla giustizia, alla compassione e alla buona società. Se le persone non sono d’accordo con te, devi insegnarle, persuaderle, ma alla fine devi guidarle, perché se ognuno fa ciò che è giusto ai propri occhi, quella non è libertà, ma caos”.

In breve, la leadership non è semplice. È complessa perché coinvolge le persone e le persone sono complesse. Devi ascoltare e devi guidare. Devi lottare per il consenso ma alla fine, se non c’è, devi correre il rischio di decidere. Se avessero aspettato il consenso Lincoln, non avrebbero mai posto fine alla schiavitù, Roosevelt e Churchill non avrebbero mai portato il mondo libero alla vittoria, e Ben Gurion non avrebbe mai proclamato lo Stato di Israele.

Non è compito dei leader dare alle persone ciò che vogliono. È compito dei leader insegnare alle persone ciò che dovrebbero volere. Ma allo stesso tempo devono coinvolgere le persone nel processo decisionale. Le figure chiave e gli elettori devono sentirsi consultati. Una leadership collaborativa, consultiva e di ascolto è essenziale in una società libera. …

I leader devono essere insegnanti, ma anche studenti. Devono essere visionari e tuttavia avere tempo per i dettagli. Devono spingere le persone ma mai troppo lontano, troppo velocemente, o falliranno. Devono parlare agli angeli migliori della nostra natura, insegnandoci ad amare non odiare, perdonare non cercare vendetta. Devono sempre preferire la soluzione pacifica a quella che consiste nel prendere un bastone e colpire le persone sulla testa, anche se sono disposti a farlo se non c’è alternativa. I leader devono essere capaci di più di uno stile di leadership. Altrimenti, come disse Abraham Maslow, “Coloro che hanno solo un martello trattano ogni problema come se fosse un chiodo”.

Considerando lo sforzo, l’energia, lo stress e il dolore, perché chiunque dovrebbe cercare di essere un leader rimarrebbe un mistero, se non fosse per questa luminosa verità: non c’è modo migliore per inondare la vita di significato che aver sollevato gli altri e aiutarli a una grandezza che non sapevano di avere; avere insieme ad altri raddrizzati alcuni dei torti di questa terra ferita e delle sue creature; aver agito invece di aspettare che gli altri agissero e aver portato altri con te, perché il più grande leader sulla terra o in cielo non può condurre da solo.

Questi sono ciò che rende la leadership il più grande privilegio dal quale ognuno di noi può essere benedetto. Come disse Mosè a Giosuè: “Felice per te di aver meritato di guidare i figli di Dio”. (Rashi a Num. 27:18) La corona della leadership è invisibile, ma sai chi la indossa e chi no. È lì, davanti a te, in attesa che tu lo indossi. Indossalo con orgoglio e che tutto ciò che fai sia benedetto.

Di rav Jonathan Sacks z”l

Menu