Parashat Nasò

Parashat Nasò. L’esempio dei leader delle tribù: sacrificarsi per il bene degli altri

Appunti di Parashà a cura di Lidia Ca
La parashat Nasó conclude raccontando dei doni e i sacrifici speciali portati dai nasí ‘- i leader delle dodici tribù – in occasione dell’inaugurazione del Mishkan.

La Torah si riferisce ai nesi’im qui come “nesi’ei ha-matot” (capi delle tribù – 7: 2), e il Sifrei, citato da Rashi, associa questa espressione con l’altro significato della parola “matot “- offerta.

Rashi scrive che questi uomini erano tra i caposquadra che, come racconta la Torà a Sefer Shemot (5:14), furono nominati dagli egiziani per sorvegliare gli schiavi e assicurarsi che completassero il loro lavoro. La Torah riferisce che dopo il decreto del Faraone di costringere gli schiavi a prendere la paglia con la quale produrre mattoni, rendendo estremamente difficile per gli schiavi soddisfare la loro quota giornaliera di mattoni, i caposquadra furono battuti dai maestri egiziani.

I caposquadra provavano compassione per gli schiavi oberati di lavoro e si rifiutavano di frustarli e costringerli a rispettare le loro quote di produttività giornaliera, preferendo subire pestaggi piuttosto che infliggere dolore ai loro compagni israeliti. Questi uomini furono in seguito nominati in posizioni di comando, e il Sifrei commentò che i dodici Nesí appartenevano a questo gruppo di individui altruisti. Sono così chiamati “nesi’ei ha-matot”, alludendo all’ “offerta” data attraverso la loro rinuncia quando sono stati battuti in Egitto per alleviare la sofferenza dei loro fratelli.

È stato notato che questo background diventa particolarmente pertinente e significativo, quando consideriamo il dono presentato dai capi tribú in occasione dell’inaugurazione del Mishkan. Oltre ai sacrifici offerti da ciascun Nasí, tutti donarono collettivamente sei carri, ciascuno imbrigliato a due buoi, per essere usati dai Leviyim nel trasporto del Mishkan durante il viaggio. Come racconta la Torah (7: 5-8), i carri furono dati alle famiglie levite di Gershon e Merari, che li usarono per trasportare le porzioni del Mishkan loro assegnate. La terza famiglia – Kehat – non ricevette carri, perché gli furono assegnati gli oggetti sacri (l’arca, la menorah, lo shulchan e i due altari), che dovevano essere trasportati in spalla, attraverso i pali che rendevano possibile lo spostamento.

Significativamente, i Nesi’im, che mostrarono uno straordinario sacrificio di sé per il bene del popolo, donarono dei carri al Mishkan per alleviare il peso dei Leviyim. Sebbene i Nesi si stessero attenendo a uno standard particolarmente severo di mesirut nefesh (sacrificio di sé), non esigevano che questo standard fosse perseguito da altri. Piuttosto che aspettarsi che i Leviyim sopportassero le difficoltà di trasportare i materiali del Mishkan sulla schiena e sulle spalle, i Nesi si offrirono volontari per aiutare il lavoro del Leviyim donando carri.

Hanno dimostrato che sebbene tutti debbano lottare per i più alti standard di mesirut nefesh ed essere pronti a lavorare molto duramente e investire immensi sforzi nell’esecuzione di mitzvot, quando si tratta di altri dovremmo cercare modi per alleviare il più possibile il loro carico, piuttosto che richiedergli di sostenere gli elevati standard ai quali dovremmo cercare di aderire ognuno di noi.
Di Rav David Silverberg

Menu