tazria

Parashà Tazria. Le leggi sulla purezza spirituale

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Questa settimana leggeremo 3 sefarim sabato al tempio:

1. Parashat Tazria 
2. Shabat haKodesh 
3. Rosh Chodesh
Questa parashà tratta delle leggi di purezza e impurezza spirituale. Una partoriente deve immergersi nel mikvè e portare diverse offerte al Bet Hamikdash. I neonati maschi devono essere circoncisi nell’ottavo giorno di vita. Si parla di Tzara’at, una forma di lebbra, è una piaga soprannaturale che può affliggere le persone, i vestiti e le case. Se una macchia bianca o rosa appare sulla pelle ci si deve rivolgere al kohèn che, in base a vari segni, decide se la persona è ritualmente pura o impura. Una persona che ha la tzara’at deve vivere fuori dall’accampamento o dalla città finché non è guarito. Nel vestiario o in una casa bisogna rimuovere la zona colpita, ma se la piaga si ripresenta bisogna distruggere tutto il capo.

Commento

All’inizio di questo parasha c’è un gruppo di leggi che sfidano e confondono i commentatori. Riguardano una donna che ha appena partorito. Se dà alla luce un figlio, è “impura per sette giorni, proprio come è impura durante il suo periodo mensile”. Deve quindi attendere altri trentatré giorni prima di entrare in contatto con oggetti sacri o apparire al Tempio . Se dà alla luce una ragazza, entrambi i periodi sono raddoppiati: è impura da due settimane e deve attendere altri sessantasei giorni. Quindi deve portare due offerte:
Quando il suo periodo di purificazione per un figlio o una figlia è completo, porterà al Sacerdote, all’ingresso della Tenda della Comunione, una pecora per un olocausto e una giovane colomba o una tortora per un sacrificio per il peccato. [Il sacerdote] offrirà [il sacrificio] davanti a Dio e espierà [la donna], così purificandola dal sangue che viene dal suo grembo. Questa legge si applica se una donna dà alla luce un maschio o una femmina. (Lev. 12: 6-7)
Perché ha bisogno di portare un sacrificio? Potremmo capire se ha dovuto portare un’offerta di ringraziamento, per la sua guarigione e per il suo bambino. Ma non è quello che le è stato comandato. Invece deve portare un olocausto – normalmente portato per un grave reato – insieme con un’offerta per il peccato. Qual’è, però, il suo reato? Qual è il suo peccato? Ha appena adempiuto il primo comando nella Torah, per “essere fecondo e moltiplicarsi” ( Gen. 1:28 ). Lei non ha fatto nulla di sbagliato. Perché ha bisogno di espiazione? Ecco alcuni dei suggerimenti dei commentatori:
1. Rabbenu Baĥya e Rabbi Shlomo Ephraim ben Aaron Luntschitz suggeriscono entrambi che le offerte ricordano il peccato di Eva in Eden e la sua punizione da parte di Dio: “Farò molto severa la tua sofferenza in gravidanza; con dolore darai alla luce figli “(Genesi 3:16 ).
2. Ibn Ezra, seguendo un suggerimento nel Talmud, dice che la donna durante l’angoscia del travaglio può aver pensato o espresso idee che erano peccaminose o che ora rimpiange (come giurare di non avere rapporti futuri con suo marito).
3. Nahmanide dice che i sacrifici sono una specie di “riscatto” o offerta di sollievo per essere sopravvissuti ai pericoli del parto, così come una forma di preghiera per un pieno recupero.
4. Sforno dice che la donna è stata intensamente focalizzata sui processi fisici che accompagnano il parto. Ha bisogno di tempo e di un’offerta per ridedicare i suoi pensieri a Dio e le questioni dello spirito.
5. Il rabbino Meir Simcha di Dvinsk dice che l’olocausto è come un’offerta fatta quando si presenta al Tempio in occasione delle feste, seguendo l’ingiunzione, “Non apparire davanti a me a mani vuote” (Esodo 23:15) . La donna celebra la sua capacità di apparire davanti a Dio al Tempio.
6. I concetti fondamentali che dominano questa sezione del Levitico, sono le parole tamei e tahor, normalmente tradotte come (ritualmente) “impuro/pulito” o “contaminato /puro”. Tamei non significa impuro o contaminato. È un termine tecnico che significa che si è in una condizione che gli impedisce di entrare nel Tabernacolo o nel Tempio. Tahor significa il contrario, che può entrare.
7. Rav Sacks afferma che la donna che aveva appena partorito era quindi impura, non a causa del peccato di Eva, ma perché la nascita, come la morte, è un segnale di mortalità, che non ha posto nel Tempio, lo spazio riservato alla coscienza dell’eternità e spiritualità.

8. Il bambino un giorno peccherà: “Non c’è nessuno sulla terra così giusto da fare solo il bene e mai il peccato”, dice Ecclesiaste (7:20) . Quindi una madre porta in anticipo un’offerta peccaminosa per espiare, qualunque peccato il bambino possa commettere mentre è ancora un bambino, come per dire: “Dio, tu sapevi che gli umani avrebbero peccato, eppure Tu li hai creati e ci hai comandato di portare nuove vite nel mondo. Pertanto, per favore accetta questo peccato offrendo in anticipo per qualsiasi errore che possa fare mio figlio “.

di Rav Jonathan Sacks 
Menu