Parashat bemidbar

Parashat Bamidbar

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Nel censimento condotto da ciascuna delle tribù di Benei Yisrael sul Monte Sinai, Dio ha individuato la tribù di Levi comandando che il censimento di questa tribù includesse anche i bambini, a partire dall’età di un mese (3:15). Ciò è in contrasto con le altre tribù, i cui membri furono contati solo dall’età di vent’anni.

Il Midrash (Bamidar Rabba 3:8) solleva la questione del perché il censimento della tribù di Levi includesse anche i bambini. Dopotutto, l’unicità dei Leviyim risiedeva nel ruolo speciale che ricoprivano nel Mishkan (e, più tardi, nel Beit Ha-mikdash). Ovviamente, questi compiti non potevano essere assolti dai bambini; il Leviyim non iniziano il sacerdozio fino all’età adulta. Perché, allora, Dio ha incluso anche i bambini nel loro censimento?

Il Midrash risponde: “Per moltiplicare la loro ricompensa … Sono venuti a servire [nel Mishkan] solo all’età di trent’anni, quindi perché erano contati dall’età di un mese – così potevano già ricevere una ricompensa già da quella età”.

Contare i Leviyim già dall’infanzia significava che, sebbene iniziassero a servire nel Mishkan solo all’età di trent’anni, avrebbero comunque ricevuto una ricompensa anche per gli anni precedenti, già dalla più giovane età.
Il Midrash trae la prova dal versetto del Sefer Shmuel I (7:15) che dice che il profeta Shmuel “giudicò Israele tutti i giorni della sua vita” – nonostante il fatto che servì come leader della nazione per soli dieci anni. Tuttavia, Shmuel è stato identificato con il governo della nazione per tutta la sua vita, anche durante gli anni prima di assumere effettivamente il ruolo di leader. Allo stesso modo, commenta il Midrash, ai Leviyim fu riconosciuto il merito di aver servito nel Mikdash per tutta la vita, già dall’infanzia, anche se in pratica iniziarono solo all’età di trent’anni.

Il Midrash qui insegna che siamo accreditati non solo per i nostri risultati in sé, ma anche per gli anni di preparazione e lotta che hanno facilitato tali risultati. Come i Leviyim, non possiamo servire correttamente Dio senza prima aver attraversato molti anni di crescita e formazione. Già dall’infanzia, impariamo e sviluppiamo una preparazione alla vita di devozione a Dio. Quegli anni, il lungo processo di crescita che ci prepara a servire Dio, devono essere considerati parte del nostro stesso servizio.

I Leviyim non iniziarono effettivamente il loro servizio fino all’età adulta, ma erano considerati già fin da neonati tali, perché ogni fase della preparazione era carica di valore e significato intrinseco nella misura in cui facilitava il servizio di Dio ai Leviti. Allo stesso modo, tutto ciò che facciamo e sperimentiamo nella vita che contribuisce alla nostra crescita, a prepararci ad essere devoti servitori dell’Onnipotente, è immensamente prezioso. Spesso, potremmo considerare certi periodi della nostra vita come tempo sprecato, come fasi in cui non siamo riusciti a realizzare nulla.

Il Midrash qui ci insegna a vedere il valore del processo di crescita e preparazione. Il nostro tempo “sprecato”, in retrospettiva, non è stato effettivamente sprecato se faceva parte del nostro sviluppo, parte della nostra formazione per utilizzare il nostro tempo e le nostre opportunità in modo produttivo. Il Midrash ci assicura che saremo accreditati anche per gli anni della nostra “infanzia”, ​​per tutti gli anni di crescita e progresso che hanno contribuito a diventare fedeli servitori dell’Onnipotente.

Di Rav David Silverberg

Menu