Aiutiamo Usumain, ragazzo del Darfur che vuole laurearsi in Israele

Israele

 

Pubblichiamo l’appello di Usumain, ragazzo fuggito dall’inferno del Darfur che ha trovato rifugio in Israele, dove si è diplomato e dove vuole laurearsi in scienze politiche. Per farlo, però, ha bisogno del contributo di tutti. Questa è la sua storia.

——-

“Il mio nome è Usumain (Ismail) Baraka. Ho bisogno del vostro aiuto per poter finanziare i miei studi universitari in scienze politiche, in modo che possa inseguire il mio sogno di essere in prima linea per risolvere i conflitti in modi diplomatici.

Sono nato nel 1994 a Dirhata, un piccolo villaggio nel Darfur, nella parte occidentale del Sudan. Nel 2003, quando le milizie Janjaweed sono venute per uccidere tutti i maschi, avevo nove anni. Mio padre e mio fratello maggiore sono stati uccisi. Fui salvato solo perché mia madre mi vestiva come una ragazza. Gli assassini la colpirono e chiesto dove erano gli altri suoi figli, ma lei disse che aveva solo figlie: le mie sorelle ed io. Le milizie hanno bruciato la casa, aspettando fuori per assicurarsi che eravamo morti. Mia madre ci ha detto di piangere e gridare. Le milizie hanno pensato quindi eravamo morti e hanno abbandonato il posto. Siamo fuggiti con la casa in fiamme e abbiamo lasciato il villaggio. Lungo la strada, abbiamo scoperto il corpo del papà, e pochi metri più avanti quelli dei miei fratelli. Siamo arrivati ​​a un campo profughi delle Nazioni Unite in Ciad, in cui abbiamo vissuto insieme fino al 2007. A quel punto ho deciso che non potevo più vivere nelle difficili condizioni del campo. Piuttosto che tornare al nostro villaggio e lottare, volevo studiare.

Mi sono reso conto che avremmo potuto ottenere indietro le nostre case attraverso lo studio, attraverso la comprensione della situazione politica e come essa si è evoluta, e arrivare con modi non violenti a fare la pace e porre fine al genocidio.

Ho lasciato il campo delle Nazioni Unite quando avevo solo tredici anni, lasciandomi alle spalle i miei cari.

Attraversai il Ciad e raggiunsi la Libia. Nella città di Bengasi ho iniziato a imparare l’inglese e ho lavorato in un negozio, guadagnando qualche soldo per vivere. Dopo un anno e mezzo mi sono trasferito con un amico in Egitto, dove studiare era a buon mercato, in base a ciò che avevo sentito. Ma i governi egiziano e sudanesi collaboravano per rispedire la gente del Darfur indietro, solo per affrontare detenzione senza limiti o la morte. Ho dovuto lasciare l’Egitto.

Un giorno, in televisione, ho visto un documentario sulla Shoah, l’Olocausto degli ebrei. L’unica cosa che sapevo degli ebrei era che Israele è l’unico Paese ebraico al mondo. Guardando il documentario, ho imparato a conoscere il passato del popolo ebraico, la loro liberazione dalla schiavitù dell’Egitto, le persecuzioni e le discriminazioni che hanno subito nel corso dei secoli fino a quando sono stati in grado di fondare il proprio paese e viverci liberamente. Potevo identificarmi con questa storia e non avevo dubbi che il popolo ebraico avrebbe simpatizzato con la storia mia e del mio popolo: dovevo andare in Israele. Mi misi in contatto con qualcuno che clandestinamente portava i migranti oltre il confine di Israele. Eravamo dodici persone nel gruppo, tra cui io e il mio amico. Di notte, siamo strisciati verso la frontiera israeliana, cercando di evitare i soldati egiziani. Poi, all’improvviso, qualcuno del gruppo è stato preso dal panico: è balzato in piedi e ha cominciato a gridare. Tre proiettili in testa, tirati dai soldati, ucciso sul posto. I soldati sono venuto nella nostra direzione e non abbiamo avuto altra scelta che iniziare a correre verso la recinzione di confine con Israele nella speranza che i proiettili non ci avrebbero colpito. Abbiamo lasciato tutto quello che avevamo e abbiamo corso. Lungo la strada, un altro uomo del gruppo è stato ucciso, seguito dal suo compagno che è tornato per aiutarlo. Il resto del gruppo ha raggiunto la recinzione di confine e si è arrampicato su di esso.

I soldati israeliani ci hanno dato acqua e trattato le nostre ferite. Mi hanno portato in una prigione, dove ho trascorso un mese e mezzo nella sezione adulti. Quando sono stato rilasciato, ho ottenuto un visto temporaneo e mi sono trasferito a Tel Aviv, dove ho vissuto senza alcuno scopo chiaro. Ma ho continuato a imparare l’inglese. Nel 2010 mi sono trasferito a Yemin Orde, un villaggio della gioventù che fornisce rifugio a migranti e rifugiati, con un posto dove vivere in e con la possibilità di studiare. Mi sentivo al sicuro per la prima volta da quando ero arrivato in Israele. Ho imparato l’ebraico e ho fatto il liceo lì. Nel 2014, ho finito gli esami. Da allora, ho fatto il volontario nel villaggio, cercando di restituire almeno una parte di ciò che ho ricevuto lì così generosamente.

Ora vorrei fare il passo successivo e acquisire l’istruzione superiore. Sono già stato accettato per gli studi universitari in due istituzioni israeliane, tra le quali devo scegliere: la prestigiosa Lauder School of Government, diplomazia e strategia al Centro Interdisciplinare di Herzliya (IDC) e la prima laurea in Scienze Politiche e di governo al Tel Aviv -Yafo Academy. Lo studio è il motivo per cui ho lasciato il campo in Ciad. Nonostante tutte le difficoltà che ho incontrato da allora, non ho mai dimenticato questo obiettivo e il sogno. Ho studiato duramente per ottenere buoni voti al liceo, e anche l’accettazione alle due istituzioni di istruzione superiore è il frutto di un duro lavoro.

Voglio avere una laurea in scienze politiche e relazioni internazionali. Voglio tornare al mio paese e aiutare la mia gente a vivere in pace sulla propria terra. Voglio costruire un ponte tra la mia prima patria, l’Africa, e il mio secondo, Israele – il paese delle persone che io sono ancora convinto possono meglio identificarsi con la mia situazione, dal momento che abbiamo esattamente la stessa esperienza sfortunata.

Mentre io sto inseguendo i miei obiettivi, non dimentico i miei fratelli e sorelle che hanno vissuto lo stesso mio inferno. Come ho fatto finora, continuerò ad aiutare altri rifugiati che vivono in Israele e hanno difficoltà, e a visitare i detenuti in campi di detenzione per i rifugiati. Non posso neanche dimenticare il villaggio dei giovani che mi ha dato la possibilità di vivere bene e di studio. Sto continuando a fare volontariato nelle varie strutture del villaggio. L’unica cosa che mi separa da una laurea di primo livello sono le tasse.

Vi sarei infinitamente grato di avere il vostro sostegno, in modo da raggiungere il mio obiettivo, laurearmi con successo e contribuire in modi pacifici a risolvere i conflitti che hanno già richiesto troppe vite”.

Per contribuire con donazioni al sogno di Usumain: https://www.indiegogo.com/projects/building-bridges-for-peace#/funders

Menu