Documenta

murale al festival di art Documenta

Germania: il festival Documenta rischia di perdere finanziamenti per accuse di antisemitismo

Mondo

di Redazione
Il principale festival tedesco di arte contemporanea Documenta sta affrontando la rimozione dei finanziamenti del governo federale poiché mercoledì sono emerse nuove accuse di antisemitismo tra i suoi curatori e gli artisti in mostra. Lo riporta il sito The Algemeiner.

La polemica sull’antisemitismo al festival – che si tiene ogni cinque anni nella città di Kassel e che presenta alcuni dei massimi esponenti mondiali dell’arte moderna – imperversa da gennaio, quando sono emerse le prime preoccupazioni sulla partecipazione di gruppi artistici che sostengono la campagna per isolare lo Stato di Israele attraverso un boicottaggio globale. Poco dopo l’apertura del festival il mese scorso, si è sviluppato un altro scandalo incentrato su un murale che includeva brutti stereotipi antisemiti – tra cui la raffigurazione di un soldato israeliano come un maiale che indossa un elmo decorato con le lettere “SS”, per i paramilitari nazisti organizzazione e una caricatura di un ebreo ortodosso con il naso adunco. Sebbene il murale sia stato rimosso dall’esposizione, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha annullato una visita al festival per protestare contro le immagini “disgustose” che conteneva.

Durante la controversia, politici di diversi partiti e l’alto funzionario del governo tedesco incaricato di combattere l’antisemitismo, Felix Klein, hanno chiesto che il finanziamento federale del festival sia rivisto e che i suoi organizzatori tedeschi e curatori indonesiani siano ritenuti responsabili.

È probabile che tali appelli si intensifichino in seguito alle rivelazioni nel notiziario Welt che mostrano che dozzine di artisti in mostra a Documenta hanno espresso sostegno alla campagna di “boicottaggio, disinvestimento e sanzioni” (BDS) contro Israele. Il Bundestag, il parlamento federale tedesco, nel maggio 2019 ha approvato una mozione che denunciava la campagna BDS come antisemita e esortava il governo a considerare le organizzazioni che sostengono l’eliminazione di Israele, o il boicottaggio di Israele, come non ammissibili al finanziamento statale.

Helge Lindh, portavoce per la politica culturale del partito al governo SPD, ha sollecitato il blocco dei finanziamenti di Documenta in attesa di un’indagine sulle accuse di antisemitismo.

“Il finanziamento pubblico di Documenta attraverso i fondi federali deve essere interrotto fino al completamento di un’indagine completa sullo scandalo dell’antisemitismo e sulle riforme fondamentali, strutturali e del personale”, ha affermato Lindh. “La direzione di Documenta deve dare un resoconto completo di come può essere che, oltre a diversi collettivi, una pletora di membri del team organizzativo abbia firmato tali appelli [pro-BDS]”. Ha sottolineato che i funzionari del festival ritenuti responsabili in questo senso dovrebbero affrontare “conseguenze personali”.

Il partito di centrodestra FDP nel frattempo ha invitato la direttrice di Documenta, Sabine Schormann, a lasciare il suo incarico.

“Schormann dovrebbe dimettersi”, ha dichiarato Linda Teuteberg, portavoce del partito per gli affari ebraici. “Il silenzio devastante e la mancanza di collaborazione della direzione di Documenta non indicano una seria volontà di fare i conti con la situazione e affrontarne le conseguenze”.

Sulla base di un’analisi di quanti degli oltre 2.000 artisti che hanno esposto alla mostra di quest’anno avevano firmato appelli per boicottare Israele, Welt ha riferito che almeno 84 partecipanti lo avevano fatto, inclusi 17 membri del team organizzativo del festival.

Alla richiesta di dimissioni di Schormann ha fatto eco Dorothee Bär, vicepresidente del gruppo parlamentare che riunisce i partiti Cdu e Csu. “Apparentemente c’è una concentrazione di sostenitori del BDS negli organi direttivi e nel centro artistico di Documenta”, ha osservato. “La portata dei legami anti-israeliani è sia vergognosa che sgomenta”.

Schormann, tuttavia, è rimasta resistente a tali richieste, rilasciando una dichiarazione mercoledì che cercava di rafforzare la reputazione malridotta del festival. Ha difeso l’opposizione dei curatori indonesiani del festival alle consultazioni con esperti esterni sull’antisemitismo, sostenendo che “temevano la censura”. Uno degli esperti, il prof. Meron Mendel dell’Anne Frank Educational Center, aveva precedentemente accusato gli organizzatori di Documenta di non aver preso sul serio le accuse e di “giocare per tempo”.

 

 

Menu