Walter Benjamin: il ricordo con un libro e degli acquerelli di Pericoli in mostra fino al 17 Ottobre a Milano

di Michael Soncin
Il 2020 segna l’anniversario degli 80 anni della morte di Walter Benjamin. Un libro in edizione limitata e le pitture del grande Tullio Pericoli in mostra fino al 17 ottobre a Milano presso la Galleria Consadori lo ricordano.

Il libro intitolato Sul farsi del mondo racchiude due piccole “favole” di Walter Benjamin ed i dipinti ad acquerello ed olio recentemente realizzati dall’artista Tullio Pericoli. Il volume tradotto in italiano da Elisabetta Dell’Anna Ciancia presenta a fianco il testo originale in lingua tedesca. Si tratta di un’edizione pregiata, come del resto vale per tutte le pubblicazioni della casa editrice milanese Henry Beyle. Tre colori differenti di copertine, con nove immagini applicate a mano e una tiratura di sole 500 copie, di cui 100 ancor più speciali, con sovracopertina in carta Tela-Giappone.

 

Tullio Pericoli, ‘Centri senza centro’, 45×45 cm, acquarello e china su carta

Il testo fu scritto il 26 settembre 1933 durante un viaggio che da Ibiza lo portava a Parigi. Pagine dattiloscritte che debbono essere state dettate o trascritte poiché Benjamin non utilizzava la macchina da scrivere. Sette anni dopo il 26 settembre del 1940 morirà suicida con un’overdose di morfina all’età di 48 anni, convinto di non riuscire a salvarsi dalla cattura della polizia tedesca nazista. Il visto che tanto stava attendendo per andare negli Stati Uniti, permettendogli di sfuggire alle barbarie antisemite, come fecero molti dei suoi amici, arrivò il pomeriggio successivo alla sua scomparsa. Un genio indiscusso che ha esplorato e ampliato diversi campi del sapere umanistico. E parlando d’arte impossibile non nominare il saggio che scrisse nel 1935 dal nome L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica, fondamentale per chiunque voglia approfondire la propria visione prospettica nell’ambito artistico, ma non solo.

Leggi anche: Caro Walter… Caro Gershom…

Le immagini raffigurate dal maestro Pericoli ricordano per alcuni aspetti frammenti che pezzo dopo pezzo si plasmano andando a far il mondo, per altri osserviamo tratteggi somiglianti quasi a recinzioni, come le stesse che incontro Benjamin; laddove la vivacità del giallo, il verde squillante, la vitalità del rosso, si alternano all’invalicabilità del nero.

«C’è sempre uno strano coinvolgimento tra l’opera dipinta e la parola: la parola, quando si manifesta, si amplifica e espande il suo senso o il suo significato su tutto quello che le cade vicino, imponendo tutte le volte cambiamenti più o meno profondi. Quando ho cominciato a fare questa serie di acquerelli pensavo alle forme del mondo, alle terre e alle regioni che lo hanno disegnato. E alle parole, ai segni e agli alfabeti che lo hanno costruito. Non pensavo che le immagini che andavo tracciando, affiancate a un gruppo di parole [di W. Benjamin n.d.r.] che allora non conoscevo, ne avrebbero ricevuto una diversa definizione, più ricca e, secondo me, più vera; e non so se qualcosa e cosa sia accaduto alle parole, scrive Pericoli nel libro».

Tullio Pericoli ‘Terre vive’, 45×45 cm, acquarello e china su carta

Un’esposizione che vuol esser anche un’opportunità per i collezionisti. Nella mostra sono esposti i 9 acquerelli pubblicati nel libro ed alcuni oli su tela, oltre ad altri quadri inerenti Benjamin. I lavori di Pericoli conosciuti e apprezzati in tutto il mondo, sono stati esposti in numerose Gallerie e Musei e i suoi disegni sono apparsi sui più importanti quotidiani. È nato nel 1936 a Colli Del Tronto nelle Marche e dal 1961 lavora a Milano. Tra i diversi libri del pittore e disegnatore, la cui produzione è decisamente prolifica, ricordiamo Woody, Freud e gli altri del 1988, in cui ritroviamo le sue famose caricature di personaggi come lo psicanalista  Sigmund Freud.

 «Le opere esposte permettono il confronto fra il libro e gli originali ed esprimono pienamente tutta la potenzialità espressiva di un’arte complessa e raffinata. L’arte di Tullio Pericoli riserva sorprese inedite, si legge dal comunicato della Galleria Consadori».

“Un’imprevista affinità elettiva è scoccata fra Tullio Pericoli e Walter Benjamin”.

Walter Benjamin – Tullio Pericoli, Sul farsi del mondo, Nove immagini applicate a mano, 68, (Euro 26,00 nella versione in tiratura limitata di 400 copie. Euro 36,00 nella versione in tiratura limitata di 100 copie).

Galleria Consadori – Via Brera, 2 – 20121 Milano, Italia – T:+39 02 72021767 – info@galleriaconsadori.com

La mostra è visitabile fino al 17 ottobre 2020 dalle 15:00 alle 19:00 o su appuntamento telefondando al numero +39 348 5840270.  

Menu