George, la scimmietta curiosa che salvò i suoi creatori

di Ilaria Myr
Chi ha bambini piccoli in casa con tutta probabilità avrà visto, almeno una volta, il cartone animato Curioso come George, in onda su Frisbee: protagonista è una scimmietta simpatica molto intelligente e quasi umana, che appartiene al “signore dal cappello giallo” e che interagisce con umani, cani ed esseri viventi di vario tipo facendosi capire come un umano. Serie divertente, risulta molto piacevole anche per le musiche di sottofondo, tipicamente anni ’30-’40.

Ma molte persone probabilmente non sanno che il personaggio del cartone, e del libro per bambini da cui è stato tratto dalla PBS nel 2006, è nato in tempi molto bui. I suoi due creatori ebrei, Margret e H.A. Rey, fuggirono dai nazisti nel 1940 su biciclette fatte in casa portando con sé i loro manoscritti inediti.

La storia dell’audace fuga della coppia è raccontata nel documentario “Monkey Business: The Story of Curious George’s Creators” come riporta un articolo di Haaretz.

La scimmietta George

In fuga dai nazisti a Parigi verso l’America

Hans Augusto Rey (nata Reyersbach) e Margret Waldstein si incontrarono per la prima volta ad Amburgo negli anni ’20. Margret, che aveva studiato arte nella influente scuola Bauhaus e il cui padre era un membro del parlamento tedesco, lasciò la Germania per il Brasile nel 1935 per sfuggire alla crescente ondata di antisemitismo. Hans aveva lavorato a Rio de Janeiro come venditore di vasche da bagno. La coppia, che si era incontrata più di un decennio prima in Germania, si sposò quell’anno e si trasferì a Parigi.

Hans lavorava come illustratore di cartoni animati per un giornale e Margret faceva le copie. Un editore francese rimase colpito da alcuni dei disegni di animali di Hans e ha suggerito gli suggerì  di scrivere un libro illustrato per bambini. Il loro primo libro fu “Raphael e le nove scimmie”, e una di quelle scimmie sarebbe poi diventata George.

Nel giugno del 1940, la situazione a Parigi si fece sempre più cupa quando le truppe di Hitler iniziarono ad avvicinarsi. Milioni di persone affollarono i treni diretti verso il sud del paese e la Reys non riuscì a ottenere un biglietto. Non possedevano un’auto, quindi decisero di fuggire in bici, come spiega Louise Borden in “Il viaggio che ha salvato il curioso George”. L’unico problema: non essendo riusciti a trovare una bici da nessuna parte, Hans costruì due biciclette quella notte usando pezzi di ricambio. Quell’incredibile atto probabilmente salvò loro la vita, così come il futuro della scimmia che sarebbe diventata Curious George.

Prima della loro fuga, Margret raccolse tutti i manoscritti inediti dei libri per bambini, incluso uno intitolato “Fifi: Le avventure di una scimmia”. La coppia uscì di corsa per la città 48 ore prima che i tedeschi occupassero Parigi e dormirono in fienili e ristoranti durante il loro viaggio fuori dalla Francia.

Hans e Margret Rey ad Amburgo nel 1974 c

Il successo dei fumetti di George

Come in cambio del salvataggio, il curioso personaggio di scimmietta ha aiutato a salvare i Reys. Come documenta la regista di “Monkey Business” Ema Ryan Yamazaki, ogni volta che venivano fermati ai posti di blocco durante la loro fuga, la coppia brandiva i manoscritti e le illustrazioni per dimostrare che non erano pericolosi.

Alla fine si diressero a Lisbona, poi di nuovo in Brasile, poi a New York. Fifi divenne George e nel 1941 Houghton Mifflin pubblicò il primo libro “Curious George”. Da allora sono stati venduti oltre 75 milioni di libri di “Curious George” e la serie è stata tradotta in 19 lingue.

H.A. Rey morì nel 1977 e Margaret Rey morì nel 1996. Entrambi sarebbero fieri di vedere che la loro scimmietta continua a educare generazioni di bambini con curiosità e intelligenza, la stessa che ispirò loro 80 anni fa.

Menu