La raccolta fondi per la comunità non si ferma. Hasbani: “Grazie a chi ha già dato, e a chi continuerà a dare”

News

di Redazione
Continua la campagna di raccolta fondi lanciata il 24 aprile dalla Comunità ebraica per fare fronte ai bisogni dei suoi iscritti dettati dall’emergenza coronavirus.

Molti hanno già donato, ma c’è ancora bisogno dell’aiuto di tutti. “La comunità ha risposto subito e bene – spiega il presidente Milo Hasbani -. A oggi abbiamo raccolto circa 20.000 euro tramite la piattaforma Paypal (raggiungibile dal sito Mosaico) e circa 55.000 euro attraverso bonifici bancari. In tutto sono 120 i donatori, molti dei quali non iscritti alla comunità, ma molto vicini a noi”.

La raccolta intanto continua, con appelli rinnovati (anche sul sito Mosaico) e networking. Negli ultimi giorni, dopo un altro invito, sono stati raccolti 15 mila euro. “Ma i donatori sono ancora pochi e le esigenze sono tante, anche con una piccola offerta potrete essere vicini a chi ha bisogno” continua il presidente.

Attraverso un grande lavoro di sensibilizzazione nei riguardi di associazioni ebraiche e fondazioni, la Comunità  ha già raccolto 116.000 euro da 7 realtà. I fondi raccolti saranno destinati alle persone in difficoltà, ai servizi sociali, all’acquisto di beni di prima necessità e dispositivi per la difesa contro il virus (mascherine, gel , guanti, camici) per gli uffici, la scuola e per la casa di riposo. Si calcola che, da settembre, serviranno 10.000 mascherine al mese solo per la scuola.

È partita anche una raccolta da parte della Fondazione Scuola, sia per far fronte alle spese enormi che la comunità dovrà sostenere per mettere in sicurezza le classi in vista della riapertura a settembre, che ai numerosi progetti in cantiere.

“Inoltre, qualche giorno fa abbiamo comunicato la possibilità per le famiglie della comunità, che si sono trovate in difficoltà – e che già non usufruiscono di sussidi – di potere richiedere un aiuto compilando un bando della JDC, messo a disposizione da un generoso donatore alle comunità ebraiche bisognose. Il bando è stato prorogato fino a fine mese. La vostra richiesta sarà trattata con la opportuna riservatezza e rispetto della privacy. Unici requisiti: il vostro nome e cognome, la composizione del vostro gruppo famigliare, i riferimenti telefonici o la email e una brevissima descrizione delle aree di difficoltà che state affrontando anche a causa della emergenza covid”.

Per avere informazioni, scrivere a:
alfonso.sassun@com-ebraicamilano.it oppure a: servizio.sociale@comebraicamilano.it

O telefonare a: 02483110/229

N.B.: La comunità rilascia le liberatorie detraibili per tutte le offerte.

Menu