La cerimonia al Monumentale per la Liberazione di Mauthausen

La Comunità Ebraica partecipa alla cerimonia per la liberazione di Mauthausen

News

di Redazione
In occasione dell’anniversario della Liberazione del campo di Mauthausen, il 5 maggio 1945, al Cimitero Monumentale di Milano si è tenuta l’annuale una cerimonia in ricordo dei Deportati politici e ‘razziali’ caduti nei lager nazisti e dell’atroce esperienza delle Deportazioni e dello Sterminio organizzata dall’ANED Associazione Ex Deportati nei campi nazisti.

Alla cerimonia, nel pieno rispetto della normativa Anti-Covid e del distanziamento, ha partecipato con una piccola delegazione anche la Comunità ebraica di Milano, composta da alcuni studentesse della Scuola e da Talia Bidussa, accanto a rappresentanti di ANED, ANPI, Fondazione Memcda della Deportazione, Comune, Città Metropolitana e Regione, Figli della Shoah, Memoriale della Shoah e CDEC.

“In giorni in cui vediamo saluti romani nelle piazze della nostra città, e in cui si discute del significato delle parole, rivendichiamo non il nostro diritto ad usare parole che sappiamo offendere e ferire gli altri, per raggiungere non si sa bene quale scopo o libertà, ma ribadiamo il dovere di essere empatici, tendere una mano, calarci nei panni del prossimo – ha dichiarato Talia Bidussa -. Nella scelta di cosa decidiamo di rivendicare sta la chiave di volta, la nostra crescita, il nostro andare verso una comunità umana di tutti, estendendo la forbice dei diritti e delle tutele, oppure al contrario rimanere una società esclusiva, per pochi”.

Al Cimitero ebraico, oltre al tradizionale saluto di Dario Venegoni, presidente nazionale ANED, si è svolta anche la preghiera recitata da Rav Levi Schaikevitz.

Menu