Amici di ALYN, per il nuovo anno tanti progetti

di Associazione Amici di Alyn

L’Associazione si rilancia per coinvolgere nuove forze nella collaborazione tra Italia e Israele a favore dei piccoli disabili

Il 2021 sarà un anno molto importante per gli Amici di ALYN, l’Associazione italiana impegnata dal 1984 a sostenere ALYN Woldenberg Family Hospital di Gerusalemme, un ospedale pediatrico di eccellenza a livello mondiale per la riabilitazione attiva e intensiva dei bambini.
Per l’Associazione l’anno nuovo comincia con un’Assemblea dei soci e tante idee per coinvolgere nuove forze interessate a collaborare dall’Italia ai progetti di ALYN.

Cuore dell’iniziativa i lavori per la realizzazione di una nuova immagine con un nuovo logo e un nuovo sito in preparazione, dove trovare le informazioni sull’Associazione, sull’ospedale israeliano, ma soprattutto aiutare concretamente le attività quotidiane e i molteplici progetti che permettono ogni giorno ai bambini di ritrovare un sorriso. E tra gli obiettivi del 2021 c’è anche quello di coinvolgere nuovi soci che possano contribuire con il loro tempo e le loro idee a realizzare la mission dell’Associazione.
“C’è una parola che caratterizza ALYN da sempre ed è empatia – spiega Piergiorgio Segre impegnato con la presidente Maria Luisa Montel Norsa a promuovere Amici di Alyn – Empatia definisce l’impegno del personale sanitario di ALYN nei confronti dei piccoli pazienti, qualcosa che va al di là della semplice professione medica, il motore di una sfida incessante nel superare problemi che sembrano insormontabili, mettendo in campo la professionalità ma anche il meglio della tecnologia e della creatività di ciascun operatore.
Quella stessa empatia deve essere la chiave per il nostro sostegno alla loro opera e deve ricordarci che ogni bambino ha diritto alla miglior vita possibile”.

ALYN Hospital aiuta tutti i bambini, senza distinzioni di religione, nazionalità o etnia che hanno però in comune il destino di dover affrontare terribili sfide conseguenti a gravi malattie e traumi.
I campi di intervento sono tantissimi: si va dalla diagnosi e riabilitazione di neonati, bambini e adolescenti con disabilità fisiche, sia congenite che acquisite, a tutta l’attenzione verso l’aspetto psicologico e motivazionale del bambino con decine di progetti specifici e personalizzati che coinvolgono attivamente anche le famiglie. La tecnologia ha un ruolo fondamentale nel trovare soluzione all’avanguardia e l’approccio è sempre multidisciplinare, oltre a medici e paramedici terapisti, i membri dello staff includono fisioterapisti, idroterapisti, terapisti occupazionali e del linguaggio e c’è persino un centro sportivo.
È una realtà che si prende cura di circa 300 pazienti al giorno e 3.200 all’anno e si mantiene grazie alle donazioni che arrivano da tutto il mondo. Anche l’Italia fa la sua parte e vuole contribuire ancora di più nel 2021.

Invito ad entrare nell’Associazione
Per questo l’invito è ad entrare nell’Associazione inviando la propria candidatura entro il 15 febbraio alla mail amicidialyn@gmail.com oppure a contribuire con una donazione: a questo proposito gli Amici di ALYN hanno studiato anche forme di sostegno che permettano ai donatori di usufruire di tutti gli sgravi fiscali previsti. In ogni caso informarsi su questa meravigliosa realtà vi farà scoprire un mondo a misura del sorriso di un bambino che sta tornando a essere felice.

Per sostenere l’Associazione
Amici di ALYN:
IBAN IT 70 T030 6902
1171 000 000 10470
Banca Intesa Sanpaolo

Menu