Bar Refaeli e Omri Casspi nella campagna contro l'antisemitismo su Instagram

‘Stop this story!’: l’EJC lancia su Instagram una campagna in 3D contro l’antisemitismo

di Redazione
Il Congresso ebraico europeo ha lanciato su Instagram una campagna per combattere l’antisemitismo. L’obiettivo è quindi “sensibilizzare al problema dell’antisemitismo” in vista del quinto Forum mondiale della Shoah organizzato questa settimana a Gerusalemme, alla presenza di molti leader mondiali, e di “trovare modi per combattere l’antisemitismo”, segnalato il sito web dell’organizzazione.

La campagna, condotta su Instagram, YouTube e altre piattaforme, utilizza la funzionalità di effetti 3D di Instagram. Le personalità coinvolte nel progetto hanno creato immagini di se stessi alzando le mani con le parole: “Stop this Story!”. Il presidente israeliano Reuven Rivlin, la modella Bar Refaeli e l’ex giocatore della NBA Omri Casspi (insieme nella foto), l’attrice Vanessa Kirby e molti altri personaggi internazionali – attori, artisti e sportivi – hanno già aderito alla campagna e creato le loro immagini.

Inoltre, un video time-lapse con Ruth Westheimer, 91 anni, terapista sessuale di fama mondiale, personalità dei media e sopravvissuta all’Olocausto, sarà pubblicato su Instagram e altre piattaforme di social media in una serie di storie. Il video evidenzia la storia infinita dell’antisemitismo, utilizzando tecniche visive impressionanti.

“L’uso di queste tecnologie, mostrerà al mondo che l’antisemitismo non si è concluso con l’Olocausto e sta guadagnando di nuovo terreno a livelli spaventosi”, ha affermato EJC.

La crescita dell’antisemitismo nel mondo

La campagna segue diversi episodi di violenza e atti di terrorismo antisemita, tra cui il recente attacco a Monsey, New York, le sparatorie a Jersey City, New Jersey, lo scorso dicembre, l‘attacco alla sinagoga a Halle, in Germania, lo scorso ottobre, quello alla sinagoga di Poway, California, lo scorso aprile e a Pittsburgh, in Pennsylvania, nell’ottobre 2018.

Gli episodi antisemiti negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia hanno raggiunto livelli record, mentre recenti sondaggi condotti da Unione Europea, CNN e Anti-Defamation League hanno indicato alti livelli di sentimento e credenza antisemiti in tutto il mondo occidentale.

“L’antisemitismo, in tutte le sue varie forme, danneggia quotidianamente gli ebrei di tutto il mondo, sia nelle loro case, strade, scuole, università, sinagoghe e online”, ha affermato Moshe Kantor, presidente della World Holocaust Forum Foundation e l’ebreo europeo Congresso, al momento del lancio di Stop this Story! campagna.

“Questo fenomeno fa sì che oltre l’80% degli ebrei d’Europa tema per la propria incolumità e oltre il 40% di loro considera di lasciare le proprie case e comunità”, ha affermato. “Il modo migliore per diffondere qualsiasi messaggio oggi è attraverso i social media, perché i social network e coloro che li usano hanno il potere di apportare i cambiamenti necessari nelle nostre società”.

“Gli utenti di Instagram sono un segmento demografico significativo che sta crescendo rapidamente e ho sempre sostenuto che il modo migliore per combattere qualsiasi forma di pregiudizio è attraverso l’educazione e la consapevolezza. Creare consapevolezza della storia dell’antisemitismo è il primo passo necessario per fermarla ”, ha affermato Kantor.

La campagna è stata lanciata in vista del quinto Forum mondiale sull’olocausto a Yad Vashem a Gerusalemme la prossima settimana, intitolato “Ricordare l’olocausto, combattere l’antisemitismo”.

Menu