Polizia a Jersety City davanti al supermercato kosher dopo la sparatoria

USA: cresce l’ipotesi di antisemitismo per l’attacco al supermercato kasher a Jersey City

Mondo

di Redazione
«In base alle nostre prime indagini, che stanno continuando, riteniamo che il luogo attaccato (il supermercato kasher, ndr) fosse un obiettivo mirato. Nei prossimi giorni e settimane ci saranno più risorse della polizia. Non abbiamo indicazioni di altre minacce»: è quanto ha scritto su Twitter Steven Fulop, sindaco di Jersey City, città a pochi chilometri da New York, dove martedì 10 dicembre si è tenuta una lunga sparatoria fra due persone armate e la polizia, che ha causato la morte di quattro persone (tre presenti e un poliziotto), e quella dei due tiratori. Le vittime al momento identificate dal movimento Chabad – ancora non confermate dalle autorità – sono la proprietaria del negozio Leah Minda Ferencz, 33 anni, e Moshe Deutsch, 24 anni, entrambi membri della comunità hassidica locale, mentre l’agente di polizia sarebbe Joseph Seals, 40 anni. Del quarto ancora non si hanno notizie.

Inizialmente le autorità avevano dichiarato di non credere che il supermercato JC Kosher fosse il bersaglio, poi è arrivata la smentita.

La dinamica della sparatoria

L’attacco è iniziato intorno a mezzogiorno del 10 dicembre al cimitero di Bay View, quando i due soggetti armati, un uomo e una donna, hanno sparato, uccidendolo, un agente di polizia, dandosi poi alla fuga con un furgone a noleggio rubato in un’altra parte della città, che si è conclusa dentro al negozio in Martin Luther King Drive da dove hanno continuato a sparare contro gli agenti che hanno risposto al fuoco. All’interno del negozio di alimentari, la polizia ha trovato i corpi di quelli che credevano fossero i due uomini armati e altre tre persone che apparentemente si trovavano lì quando gli assalitori si sono precipitati dentro, hanno detto le autorità. La polizia ha affermato di essere fiduciosa che gli astanti siano stati colpiti dagli uomini armati e non dalla polizia.

Fulop ha affermato che non vi sono stati segni di ulteriori minacce, anche se precedenti rapporti avevano riferito che un terzo uomo armato poteva essere sfuggito alla scena, e ha dichiarato di essere stato in stretto contatto con la comunità ebraica di Jersey City dopo l’attacco.

Accanto al negozio, l’unico supermercato kasher della zona e un dispositivo centrale per la comunità in crescita, ci sono una yeshiva e una sinagoga. Circa 100 famiglie ebree vivono nell’area del quartiere di Greenville, la maggior parte delle quali si sono trasferite da Brooklyn negli ultimi anni.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di essere stato informato sull’incidente, che ha definito una “sparatoria orribile”, aggiungendo che la Casa Bianca avrebbe monitorato la situazione e aiutato i funzionari locali. “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per le vittime e le loro famiglie durante questo periodo molto difficile e tragico”, ha scritto Trump su Twitter. Il governatore del New Jersey, Phil Murphy, ha dichiarato: “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con gli uomini e le donne del dipartimento di polizia di Jersey City, in particolare con gli ufficiali sparati durante questa situazione di stallo, e con i residenti e gli scolari attualmente sotto blocco”. “Ho piena fiducia nei nostri professionisti delle forze dell’ordine per garantire la sicurezza della comunità e risolvere questa situazione”, ha affermato Murphy.

 

Menu