Stephan Baillet, il neonazista responsabile dell'attacco alla sinagoga di Halle

Germania: sorrisi sprezzanti e nessun pentimento per l’attentatore neonazista alla sinagoga di Halle

di Redazione
Durante il secondo giorno del processo contro il neo-nazista tedesco che l’anno scorso aveva attaccato armato una sinagoga nella città  di Halle, durante Yom Kippur, l’imputato sorride ampiamente mentre il video del suo oltraggio viene trasmesso su uno schermo in aula. I media tedeschi hanno riferito che il 29enne Stephan Balliet ha sfoggiato un “grande sorriso” mentre gli avvocati dell’accusa hanno riprodotto lo stesso video che Balliet aveva trasmesso in streaming  durante l’attacco del 9 ottobre 2019. Al contrario, molti dei querelanti presenti al processo hanno distolto lo sguardo quando il video è stato mostrato, mentre altri hanno lasciato la stanza sopraffatti dall’emozione.

La dinamica dell’attacco

Alla corte è stato ricordato come, nel giorno dell’attacco, Balliet pesantemente armato si sia recato alla sinagoga nella Humboldtstrasse di Halle poco prima di mezzogiorno, poiché più di 50 fedeli all’interno del santuario erano riuniti per i servizi religiosi in occasione dello Yom Kippur.

Dopo avere fallito nello sfondare l’entrata chiusa della sinagoga, Balliet ha sparato a una passante di 40 anni. Quando anche altri violenti tentativi di farsi strada all’interno dell’edificio non hanno avuto successo, Balliet ha lasciato la sinagoga in macchina, guidando verso un piccolo ristorante di kebab dove ha ucciso un uomo di 20 anni, credendolo musulmano.

Un antisemita ossessivo

Martedì, durante gli interrogatori, Balliet si è rivelato un antisemita ossessivo che ha incolpato gli ebrei per i suoi fallimenti personali e le tensioni sociali nel suo paese. Balliet ha dichiarato al tribunale di Naumburg che “l’attacco alla sinagoga non è stato un errore, gli ebrei sono i miei nemici” e “gli organizzatori” del massiccio afflusso di rifugiati siriani in Germania nel 2015. Alla domanda sul perché abbia scelto di attaccare una sinagoga piuttosto che una moschea, ha risposto: “C’è una differenza tra combattere i sintomi e combattere la causa”. Balliet ha affermato di aver trasmesso in streaming il suo attacco nella speranza di incoraggiare gli atti di copione.

“Puoi ottenere molto poco da solo, anche se lavori in modo efficiente”, ha detto. “Ma puoi raggiungere altri che vogliono combattere.” Interrogato su chi fossero questi “altri”, Balliet rispose a “uomini bianchi”, citando con approvazione il massacro di marzo 2019 in una moschea a Christchurch, in Nuova Zelanda, condotto da un suprematista bianco.

Allo stesso tempo, Balliet ha confessato davanti alla corte di avere poca autostima rimasta, soprattutto perché non è riuscito a uccidere ebrei o altre minoranze durante l’attacco. Il fatto che la donna e l’uomo che ha ucciso fossero entrambi bianchi e non ebrei lo avevano reso “ridicolo per il mondo”, ha detto. Un rapporto del procedimento a Der Tagesspiegel osservava che “Balliet parla di se stesso come un perdente: senza amici, viveva in gran parte solo nella stanza di suo figlio nell’appartamento di sua madre. Il mondo [era una] fonte di costante preoccupazione, aumentando la rabbia “.

Il processo di Balliet nel frattempo continua tra misure senza precedenti per garantire la sicurezza in aula per i testimoni. Interverranno al processo 147 testimoni, inclusi 68 agenti di polizia e 43 co-querelanti contro i neonazisti.

Menu