Bono Vox ebreo ortodosso?

di Paolo Castellano

bonoE’ molto complicato per una celebrità passeggiare per gli spazi pubblici senza essere molestata di continuo dai fan più accaniti. Sono numerosi gli stratagemmi di camuffamento: alcuni usano gli occhiali da sole, altri un cappellino da baseball e così via, la fantasia è l’unico limite. Il cantante Bono conosce bene questo problema e nella sua carriera artistica ha cambiato molti stili. E proprio su uno di questi si è scatenata qualche polemica nelle scorse settimane.

Domenica 16 novembre il front man degli U2 si è ferito a causa di una caduta dalla sua bicicletta mentre stava pedalando per Central Park. Ci si è chiesti per quale motivo non ci fosse una fotografia dello spiacevole evento. La risposta è arrivata per voce del chitarrista del gruppo The Edge che attraverso i microfoni della radio KROQ ha dichiarato: «Sapete, quando Bono va in bicicletta, gli piace travestirsi da ebreo Ortodosso (Chassidico)».

L’affermazione ha scatenato alcune reazioni. La band ha spiegato che era una battuta e che Bono non si fosse mai travestito in quel modo. Il cantante lo ha spiegato anche a Times of Israel. Insomma solo una battuta di dubbio gusto.

Per ironia della sorte la voce degli U2 a causa del suo ferimento non potrà partecipare al concerto di Natale “Almost Acoustic Christmas”. Fa sorridere anche il fatto che l’evento sia accaduto di domenica e non nel giorno di Shabbat e che ci sia un ulteriore legame con alcune proteste promosse dalla comunità chassidica di Brooklyn, che voleva l’abolizione delle piste ciclabili a New York, sostenendo che i ciclisti non seguissero il codice stradale e che si vestissero in modo inappropriato.

Negli ultimi tempi per il cantante degli U2 sono fioccate numerose critiche dopo l’uscita dell’ultimo album della sua band. Le canzoni erano state offerte gratuitamente a tutti i possessori dei prodotti Apple. Il cantante si era scusato e aveva ammesso di aver esagerato.

Date le numerose gaffe non è stato un anno fortunato per la rock star. Speriamo nel prossimo.

Menu