Reuven Rivlin con la moglie Nechama

Addio a Nechama, moglie del presidente di Israele Reuven Rivlin

di Redazione
Nechama Rivlin, moglie del presidente Reuven Rivlin, è morta nella mattina di martedì 4 giugno all’età di 73 anni. Lo ha riferito la residenza del presidente in una nota.

La dichiarazione afferma che Rivlin è morta alla vigilia del suo 74 ° compleanno al Beilinson Hospital di Petah Tikva, dove è stata curata dopo una ricaduta a seguito di un trapianto di polmone a marzo.

“Tre mesi dopo un trapianto di polmone, Nechama Rivlin è morto questa mattina”, ha detto il Beilinson Hospital in una nota. “Con nostro rammarico, gli sforzi medici per stabilizzarla nel tempo durante il complicato periodo di riabilitazione dopo il trapianto non hanno avuto successo.”

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha offerto le sue condoglianze alla famiglia Rivlin. “Insieme a tutti i cittadini di Israele, mia moglie Sara e io sentiamo un profondo dolore per la morte della moglie del presidente, Nechama Rivlin”, ha detto Netanyahu in una breve dichiarazione.

“Abbiamo pregato tutti per la sua guarigione durante il recente periodo in cui ha combattuto con coraggio e intensamente per la sua vita. Estendiamo le nostre sentite condoglianze al presidente e a tutta la sua famiglia “, ha affermato.

Nechama Rivlin, 73 anni, soffriva di fibrosi polmonare, una condizione in cui il tessuto cicatriziale si accumula nei polmoni e rende difficile respirare. Negli anni precedenti al trapianto, era stata vista di solito in pubblico con un serbatoio di ossigeno portatile, anche durante le cerimonie ufficiali.

Il trapianto polmonare è stato dichiarato efficace il 12 marzo, ma i medici hanno avvertito che le sue condizioni sono rimaste tenui e che ha dovuto affrontare una lunga strada per il recupero. È stata poi portata all’ospedale in aprile dopo un improvviso peggioramento delle sue condizioni, quasi tre settimane dopo aver ricevuto il trapianto.

Nechama Rivlin nasce nel 1945 a Moshav Herut nella regione di Sharon. Ha sposato Reuven Rivlin nel 1971 e ha lavorato per molti anni all’Università ebraica di Gerusalemme, fino al suo ritiro nel 2007, quando le sue condizioni polmonari sono state diagnosticate.

“Quando Nechama si è trasferita nella Residenza Presidenziale, ha scelto di concentrarsi sull’arte, sulle attività per bambini con bisogni speciali, sull’ambiente e sulla natura, attraverso la compassione e l’amore per le persone”, si legge in una dichiarazione.

“Nechama ha allestito un orto comunitario nel giardino della residenza presidenziale, dove bambini provenienti da tutto il paese venivano regolarmente a piantare erbe e fiori”, dice.

Menu