Una camera a gas di Auschwitz

Trovati in Ucraina i retsi di 286 ebrei uccisi durante la Shoah

Mondo

di Redazione
Le ossa di 286 ebrei assassinati dai tedeschi durante la seconda guerra mondiale sono state trovate in uno scantinato sotto il mercato nella città di Sataniv, in Ucraina, riferisce il Jerusalem Post.

È noto che questa località ha protetto una grande comunità ebraica da cui provenivano molti pionieri del movimento Haskala, come Isaac Satanow, Menachem Mendel Lefin e Alexander Zevi Margaliot.

Dopo essere stata preservata dalla persecuzione per secoli, l’area fu infine invasa dai tedeschi nel maggio del 1942, provocando il massacro di 800 persone, la maggior parte ebree.

I corpi appena trovati sono quelli di 286 vittime – per lo più donne e bambini – assassinati in camere a gas sotterranee, secondo il sito di notizie Ynet, citando gli archivi del KGB e le testimonianze di coloro che tornò in città dopo la guerra.

Mentre questi scantinati furono scoperti dopo la guerra, i corpi furono lasciati indietro prima di essere sepolti sotto le macerie di una casa appena sopra. Solo un segno indicava che un omicidio di massa era avvenuto sul posto.

Fu solo dopo diverse battaglie legali che la comunità ebraica alla fine acquisì la proprietà del seminterrato, permettendo lo scavo. La ricerca, iniziata nel 2019, ha quindi permesso di scoprire ossa e vestiti.

Una mezuzah trovata tra le macerie, suggerisce che le rovine dell’abitazione sovrastante fossero quelle di una casa ebraica.

I resti delle vittime sono stati raccolti per essere sepolti nel vecchio cimitero ebraico della città.

 

Menu