La sinagoga di Pittsburgh

Quattro anni dopo l’attentato alla sinagoga di Pittsburgh. Biden: “L’antisemitismo è in forte aumento”

di Redazione
Giovedì 27 ottobre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha portato messaggi commemorativi e ha dichiarato l’intenzione di combattere l’antisemitismo, in occasione dei quattro anni da quando un uomo armato ha ucciso undici fedeli ebrei e ferito altri sette nella sinagoga Tree of life a Pittsburgh, in Pennsylvania.

“Una tranquilla mattinata di Shabbat è stata distrutta da spari e odio, e un luogo di preghiera è diventato un luogo di carneficina”, ha detto Biden in una nota. “Mentre affliggiamo l’atto di antisemitismo più mortale nella storia americana, siamo con la comunità di Squirrel Hill – e le comunità ebraiche in tutta l’America e nel mondo – nella risoluzione di combattere l’antisemitismo e l’odio in tutte le sue forme”, ha detto. “Questo è particolarmente vero poiché assistiamo a un brutto aumento dell’antisemitismo in America”.

Le vittime dell’attentato del 2018 alla sinagoga di Pittsburgh

Elencando le azioni che l’amministrazione ha intrapreso per affrontare l’antisemitismo, Biden ha sottolineato la nomina dell’esperta dell’Olocausto Deborah Lipstadt come Inviata speciale per monitorare e combattere l’antisemitismo, un ruolo a livello di ambasciatore. Inoltre, ha citato il più grande aumento mai registrato nei finanziamenti per la sicurezza delle sinagoghe e di altri istituti religiosi e altre azioni annunciate il mese scorso allo United We Stand Summit.

“I rabbini insegnano che ‘ciò che viene dal cuore, entra nel cuore'”, ha detto Biden, citando il rabbino Moses ibn Ezra dell’undicesimo secolo. “In questo giorno difficile, i nostri cuori sono con le famiglie delle vittime, i sopravvissuti e tutti coloro che sono stati colpiti dalla sparatoria di Tree of Life. Possano i loro ricordi essere una benedizione e possiamo continuare a colmare il divario tra il mondo che vediamo e il futuro che cerchiamo”.

Il 27 ottobre 2018, Robert Bowers fece irruzione nella sinagoga nel quartiere di Squirrel Hill a Pittsburgh armato con un fucile AR-15 e altre armi, aprendo il fuoco. È stato arrestato dopo che una squadra tattica della polizia lo ha rintracciato e gli ha sparato due volte alla spalla e una alla gamba. È stato l’attacco più mortale mai compiuto contro la comunità ebraica statunitense.

Il presidente della Camera Nancy Pelosi ha dichiarato in una nota: “Il nostro Paese ha la responsabilità morale di combattere il flagello dell’antisemitismo, di garantire che ogni americano possa vivere libero da discorsi fanatici e dalla violenza alimentata dall’odio”. “Eppure, anche mentre celebriamo questo giorno oscuro, parole, simboli e atti di odio disgustosi continuano a tormentare gli ebrei e altre comunità in tutto il paese. L’anniversario di oggi mette in evidenza il nostro obbligo collettivo di condannare e respingere l’antisemitismo in tutte le sue forme, dalle vili cospirazioni amplificate da una celebrità all’estremismo violento infiammato dall’estrema destra”.

Sebbene Pelosi non lo abbia menzionato per nome, probabilmente si riferiva al rapper Kanye West, che ha suscitato indignazione e contraccolpo per le recenti osservazioni antisemite.

In un tweet di mercoledì, Pelosi ha scritto: “L’osservanza di questo anniversario di 4 anni dalla sparatoria mortale della sinagoga dell’albero della vita evidenzia che dobbiamo sempre condannare l’antisemitismo e il bigottismo qui e in tutto il mondo, anche da celebrità come Kanye West”.