Il presidente francese Emmanuel Macron ((Foto: CC-BY-SA, GNU Free Documentation License, Wikimedia Commons)

Macron vuole sciogliere un gruppo pro-Hamas e intensificare la lotta contro l’estremismo islamico

Mondo

di Redazione
Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto martedì che un gruppo pro-Hamas attivo in Francia verrà sciolto per essere stato “direttamente implicato” nella decapitazione di un insegnante di storia fuori Parigi la scorsa settimana e che “verranno intensificate le azioni” contro l’estremismo islamista nel Paese.

Come riporta The Times of Israel, la decisione di chiudere il “Collettivo Cheikh Yassine”, che sostiene la causa palestinese e prende il nome dal fondatore dell’organizzazione terroristica con sede a Gaza, sarà presa in una riunione di gabinetto di mercoledì.

Il fondatore del gruppo e radicale islamista, Abdelhakim Sefrioui, è attualmente trattenuto dalla polizia per aver pubblicato un video su YouTube in cui insulta l’insegnante Samuel Paty.

Il primo ministro Jean Castex ha detto martedì ai parlamentari che il governo ora prende di mira “tutte le associazioni la cui complicità con l’islamismo radicale è stata stabilita”.

Chiusa una moschea

Le autorità francesi hanno detto che avrebbero chiuso una moschea di Parigi in un giro di vite contro l’Islam radicale che ha prodotto oltre una dozzina di arresti in seguito alla decapitazione dell’insegnante che aveva mostrato ai suoi allievi le vignette del profeta musulmano Maometto.

La moschea in un sobborgo densamente popolato a nord-est di Parigi aveva pubblicato un video sulla sua pagina Facebook giorni prima del raccapricciante omicidio di venerdì, inveendo contro la scelta del materiale di Paty per una discussione di classe sulla libertà di espressione, ha detto una fonte vicina alle indagini. Il ministero degli interni ha detto che la moschea di Pantin, che ha circa 1.500 fedeli, sarà chiusa mercoledì sera per sei mesi.

La campagna online contro Paty

Il sospetto assassino, il diciottenne ceceno Abdullakh Anzorov, era stato in contatto con un genitore che conduceva una campagna online contro l’insegnante, secondo le indagini sull’omicidio rivelate martedì.

L’uomo voleva che Paty fosse licenziato dopo che sua figlia gli aveva raccontato come l’insegnante aveva mostrato i cartoni animati del Profeta Muhammad. Il genitore – il padre di una ragazza della classe di Paty – era dietro una campagna online che sollecitava la “mobilitazione” contro l’insegnante. Il padre è entrato in contatto con Anzorov dopo avere pubblicato il proprio numero di telefono.

Tra gli altri messaggi, il padre aveva pubblicato una ringhiera video contro la scelta del materiale didattico di Paty. La moschea ora presa di mira per una chiusura di sei mesi ha condiviso questo video sulla propria pagina Facebook.

Il governo contro i militantisi islamisti

Martedì il ministro degli interni Gérald Darmanin ha riunito i capi francesi dei social network per discutere del rafforzamento della “lotta contro il cyber-islamismo”. In un’intervista a Europe 1, Darmanin ha illustrato alcune misure decise al termine del Consiglio di Difesa che si è tenuto ieri. “Sono state aperte 80 indagini per odio online” e sono già stati effettuati arresti “tra coloro che hanno sostenuto che, in un modo o in un’altro, il professore se la sia cercata” ha affermato Darmanin. “La polizia ha perquisito le abitazioni di decine di militanti islamisti non necessariamente in relazione alle indagini, ma con la volontà di mandare un messaggio: non un minuto di tregua per i nemici della Repubblica” ha aggiunto il ministro.

cartello con la scritta Je suis Samuel

Una manifestazione in onore di Samuel Paty

Le reazioni commosse

Migliaia di persone hanno preso parte a manifestazioni in tutto il paese durante il fine settimana per onorare Paty e difendere la libertà di espressione, a cui hanno partecipato anche le associazioni ebraiche francesi.

Martedì 20 ottobre il parlamento francese ha osservato un minuto di silenzio per Paty, mentre in serata migliaia di persone si sono radunate per una marcia silenziosa in onore del maestro a Conflans-Sainte-Honorine.

(Foto: CC-BY-SAGNU Free Documentation LicenseWikimedia Commons)

Menu