Jirbil Rajoub, capo della Federazione Calcio palestinese, sanzionato dalla FIFA

La FIFA sanziona il capo delle Federcalcio palestinese per incitamento all’odio e alla violenza

Mondo

di Redazione
Il comitato disciplinare della FIFA ha sanzionato il capo della Federcalcio palestinese dopo aver stabilito che ha violato l’articolo 53 (incitamento all’odio e alla violenza) del codice disciplinare dell’organizzazione internazionale di calcio. Lo rirporta fra gli altri il Jewish Chronicle.

Jibril Rajoub, capo della FA palestinese, è stato messo al bando per 12 mesi e deve pagare una multa di 20.000 franchi svizzeri, “in seguito alle dichiarazioni dei media in cui ha invitato i tifosi a rivolgersi alla Federcalcio argentina a bruciare maglie e foto di Lionel Messi“. L’Argentina avrebbe dovuto disputare un’amichevole contro Israele a Gerusalemme il 9 giugno, poco prima della Coppa del Mondo. La partita è stata successivamente annullata. Dopo la notizia, Lionel Messi aveva deciso di andare in Israele con il Barcellona, di cui è capitano.

La FIFA ha confermato che il divieto di 12 mesi “diventa effettivo da oggi” e che “comporta il divieto di partecipare a qualsiasi competizione o competizione futura che si svolgerà durante il periodo indicato.

“Di conseguenza, il signor Rajoub non sarà in grado di partecipare a partite o competizioni di calcio in alcuna veste ufficiale, il che include, tra l’altro, la partecipazione alle attività dei media negli stadi o nelle loro vicinanze nei giorni delle partite”.

Alleato chiave dell’ex leader palestinese Yasser Arafat, Rajoub è attualmente a capo del Comitato centrale di Fatah, il partito politico palestinese che controlla l’Autorità nazionale palestinese in Cisgiordania.

È anche capo del comitato olimpico palestinese. Nel 2012, ha ringraziato l’allora capo del Comitato olimpico internazionale, Jacques Rogge, per la sua decisione di rinunciare a un momento di silenzio alle Olimpiadi di Londra per commemorare gli atleti israeliani uccisi dai terroristi palestinesi alle olimpiadi di Monaco del 1972. Ha scritto che consentire la commemorazione sarebbe stato “razzismo”.

Chiamare all’assassinio di israeliani non è altrettanto grave che incitare  contro gli atleti dall’Argentina

Di fronte alla decisione della FIFA, Itamar Marcus, direttore di Palestinian Media Watch, si è chiesto in un’intervista con Arutz Sheva perché la FIFA avesse sospeso Jibril Rajoub dal suo incarico solo dopo le sue chiamate contro l’Argentina e la sua stella Lionel Messi.

“Per anni Rajoub ha incitato all’omicidio degli israeliani, abbiamo presentato tre reclami in proposito, ma a quanto pare hanno paura di punirlo, e solo ora che ha minacciato gli atleti argentini ha deciso di licenziarlo e gli ha dato una multa. Apparentemente, chiamare all’assassinio di israeliani non è altrettanto grave che incitare  contro gli atleti dall’Argentina “.

Marcus crede che la sospensione di Rajoub dalla sua posizione nella Federcalcio non gli nuocerà e potrebbe persino rafforzare la sua posizione nell’Autorità Palestinese. “Jibril Rajoub è un alto funzionario dell’Autorità Palestinese, è responsabile per la gioventù e gli sport dell’Autorità Palestinese, è il cancelliere del Comitato centrale di Fatah e molti lo vedono come un successore di Abbas. La sua sospensione dalla FIFA non gli impedirà di andare avanti, e forse lo farà avanzare, perché chiunque si mette nei guai con il mondo, cresce in fama tra i palestinesi e diventa ancora di più un eroe”.

Marcus spera anche che le forze dell’ordine in Israele, almeno, metteranno Rajoub sotto processo per istigazione all’omicidio degli israeliani. “Abbiamo presentato una denuncia insieme alle famiglie di vittime del terrorismo dal 2016, abbiamo documentato tutte le richieste per l’incitamento di Rajoub ad assassinare gli israeliani, e dovrebbero processarlo. Se la polizia non ci darà una risposta, faremo una richiesta al Corte Suprema per obbligare la polizia a rispondere alla denuncia”.

Menu