Israele in prima linea nei soccorsi in Nepal

Mondo

60147350991288640360no
I 260 soldati dell’esrcito israeliano in partenza pewr portare soccorso in Nepal

Una missione di salvataggio dell’esercito israeliano è partita per il Nepal lunedì mattina, con l’aggravarsi dei danni provocati dal sisma nel paese asiatico. Stando alle prime notizie, sarebbero morte 3.800 persone, ma si teme che il bilancio salga ad un massimo di 10.000.

Cresce anche la preoccupazione per 150 israeliani, su 600 presenti ora nel paese, di cui non si hanno notizia. Il Nepal è infatti una meta molto battuta dal turismo israeliano: in modo particolare, dai giovani che una volta finito il servizio militare partono per un lungo viaggio.

Il volo con i 260 militari era stato ritardato per ore a causa delle piste di atterraggio danneggiate a Kathmandu e dalle scosse di assestamento dopo il terremoto disastroso che ha colpito il giorno prima. La squadra assisterà in missioni di ricerca e soccorso e prevede di creare una sala operativa e un ospedale da campo.

Nepal devastato
Le immagini che circolano sui social media e sui media mostrano interi villaggi devastati dal terremoto. Squadre di soccorso si stanno facendo strada a piedi attraverso montagne e corsi d’acqua verso posizioni che sono irraggiungibili via terra da automezzi. Secondo i rapporti, centinaia di comunità in tutto il Nepal sono state tagliate fuori, senza acqua o elettricità, e gli sforzi di recupero sono quasi impossibili, a causa della  inaccessibilità dei luoghi.

“Siamo tutti vicini al collasso”, ha detto Lakshmi Prasad Dhakal del Ministero degli affari interni del Nepal.

La missione israeliana
Secondo il capo della delegazione dell’esercito israeliano, Col. Yoram Laredo, i soccorritori potrebbero essere in campo per due settimane. Paramedici del Maghen David Adom sono arrivati in Nepal domenica per trattare i neonati prematuri che sono stati portati all’ambasciata israeliana per prepararli per l’evacuazione.

Nepal_terremoto“Una struttura medica avanzata multi-reparto, dotata di circa 95 tonnellate di aiuti umanitari e medici provenienti da Israele e uno staff medico di 122 medici, infermieri e paramedici, sarà rapidamente istituita nella città di Kathmandu per fornire cure mediche per le vittime del disastro”, ha detto il militare.

Le scosse di assestamento del sisma hanno portato a ulteriori danni che hanno complicato gli sforzi di ricerca e soccorso. Tra le aree danneggiate c’è l’antica città di Patan, nella valle di Kathmandu, dove numerosi templi sono crollati.

“La nostra missione si compone di tre parti: prima di tutto, raggiungere gli israeliani che ci sono e vedere con i nostri occhi che non ci siano feriti, dare il primo soccorso, se necessario, e vedere che tutto vada bene”, ha detto il dottor Rafi Strugo, Direttore della Divisione Medical MDA.

“La nostra seconda missione è quella di stabilire un pronto soccorso dove la squadra fornirà un trattamento per le prime 48 ore, e di fornire antidolorifici, antibiotici, bende, così come classificare i feriti più gravi e vedere come possiamo evacuare l’ospedale”.

“Il terzo compito è quello di mappare il fabbisogno aggiuntivo in termini di assistenza medica per quella che è conosciuta come la seconda ondata -. Le delegazioni più grandi che di solito arrivano dopo tre o quattro giorni e si aprono un ospedale da campo”.

Dopo il forte terremoto che ha colpito la zona, il Magen David Adom ha deciso di inviare una delegazione di medici e paramedici, in coordinamento con il Comitato Internazionale della Croce Rossa. La squadra ha intenzione di fermarsi alla Chabad House di Kathmandu, dove adulti e bambini israeliani si sono rifugiati. Di un altro gruppo del Magen David Adom è  previsto l’arrivo  all’ambasciata israeliana, dove si trovano 28 bambini, che saranno esaminati da un team di MDA.

Downloader-4Oltre alla delegazione della Zavà, la Fondazione Israelife ha coordinato un team congiunto Disaster Response composto da personale medico di emergenza di United Hatzalah, specialisti SAR di FIRST e le squadre di recupero di ZAKA. Un obiettivo primario del team multi-disciplinare sarà la creazione di stazioni di soccorso locali nelle regioni periferiche, nonché evacuare le vittime. Eli Pollack, presidente della Fondazione Israelife ha dichiarato che “Israelife funziona come un’organizzazione ombrello per tutte le entità di volontariato di emergenza in Israele. È nostro dovere e privilegio sfruttare le capacità combinate di FIRST, ZAKA e Stati Hatzalah a beneficio degli israeliani in Nepal e per il popolo del Nepal durante questo momento di necessità”.

Un cargo El Al carico di cibo
Intanto, il 27 aprile 2015 è partita una delegazione del Ministero della Difesa Israeliano con destinazione Kathmandu a bordo di un Jumbo Jet di EL AL per portare aiuti al Nepal dopo la tragedia dello scorso sabato. Un altro aeromobile EL AL, un aereo cargo, partirà oggi con un carico di forniture mediche e cibo.

 

Menu