Il papa e il prelato antisemita

Mondo

direttore della polacca Radio Maryja, bacia la mano a papa Benedetto XVI al termine dell’Angelus, domenica 5 agosto a Castelgandolfo. Il Congresso ebraico europeo e le Comunità italiane protestano vivacemente, interpretando quell’incontro (e le successive foto diffuse sulla stampa) come un chiaro appoggio del pontefice all’ideologia del prelato polacco. Padre Tadeusz, come già denunciato da Mosaico (Sette note, 15 luglio), è infatti un dichiarato antisemita che utilizza l’emittente cattolica per spargere veleno contro gli ebrei (ancora un violento antisemitismo in un Paese senza quasi più ebrei!) anche in funzione antigovernativa, accusando addirittura il presidente Kaczynski di essere nelle mani della “lobby giudaica”.
La Santa Sede minimizza il valore dell’incontro, ma ce n’è abbastanza per essere preoccupati per il futuro.

Menu