L'attacco al Campidoglio di mercoledì 6 gennaio 2020

“Un giorno buio per l’America”: i gruppi ebraici condannano l’assalto al Campidoglio

Mondo

di Redazione
“Un giorno buio per l’America”: così i gruppi ebraici americani hanno definito i fatti di mercoledì 6 gennaio, quando  centinaia di rivoltosi hanno preso d’assalto il Campidoglio per impedire ai legislatori statunitensi di certificare la vittoria elettorale del presidente eletto Joe Biden.

Come riporta Algemeiner, il rabbino Marvin Hier – il fondatore del Simon Wiesenthal Center (SWC) con sede a Los Angeles, che ha recitato una benedizione all’inaugurazione del presidente Donald Trump nel gennaio 2017 – ha dichiarato che “gli stessi valori e diritti conferiti dalla nostra democrazia sono degradati e diminuiti quando gli agenti di polizia devono estrarre le armi per proteggere i nostri funzionari debitamente eletti nel cuore della nostra nazione da manifestanti violenti che, con il loro comportamento sconsiderato e pericoloso, hanno inflitto gravi ferite alla nostra nazione “.

“Niente, nemmeno le accuse emotive di frode elettorale in un’elezione presidenziale potranno mai legittimare o giustificare un simile comportamento – continua Hier -. Perché, come avverte il Talmud “Pregate per il benessere del governo, perché senza … l’uomo inghiottirebbe i suoi simili”. Oggi è un giorno buio per l’America “.

Nel frattempo, l‘Anti-Defamation League (ADL) ha chiesto che Trump sia ritenuto responsabile per le violenze lanciate da alcuni dei suoi sostenitori dopo aver pronunciato un discorso di 90 minuti a una manifestazione di protesta mercoledì mattina.

“Il presidente ha promosso la sedizione e incitato alla violenza. Le persone che aggrediscono le forze dell’ordine o violano edifici governativi devono essere arrestate e ritenute responsabili “, ha affermato l’ADL. “Più di ogni altra cosa, ciò che sta accadendo in questo momento al Campidoglio è il risultato diretto della paura e della disinformazione che è stata costantemente vomitata dallo Studio Ovale. Il presidente Trump ha la responsabilità di chiedere la fine di questa violenza e disordini che ha seminato. La sua campagna di disinformazione è un pericolo evidente e presente per la nostra democrazia “.

L’ADL ha quindi esortato le società di social media ad agire specificamente contro gli account di Trump.

“Le società di social media dovrebbero sospendere i suoi account al più presto come farebbero per chiunque altro che sostenga la disinformazione e promuova la violenza”, ha detto l’ADL.

Molti dei post su Twitter del presidente uscente mercoledì pomeriggio avevano infatti ripetuto la sua affermazione non supportata secondo cui le elezioni presidenziali del novembre 2020 erano “truccate”, con un messaggio che denunciava il vicepresidente Mike Pence per “non avere il coraggio di fare ciò che avrebbe dovuto essere fatto per proteggere il nostro Paese e la nostra Costituzione”.

“La transizione pacifica del potere è il fondamento della nostra democrazia”, ​​ha twittato l’American Jewish Committee (AJC). “Siamo scioccati e inorriditi dalle violente rivolte che hanno luogo a Capitol Hill in questo momento. Esortiamo @POTUS a chiedere la fine immediata delle rivolte e a rispettare il processo di certificazione attualmente in corso “.

“Sosteniamo la protesta pacifica, ma irrompere nelle sale del Congresso e del Campidoglio è inaccettabile”, ha twittato il Comitato Ebraico Repubblicano (RJC). “Condanniamo queste azioni. Dio benedica la @CapitolPolice”.

I social media bloccano temporaneamente Trump

Intanto, sia Twitter che Facebook hanno bloccato temporaneamente gli account del presidente uscente Trump: Twitter per 12 ore e Facebook per 24. Lo stesso Facebook e YouTube hanno rimosso precedentemente il video in cui Donald Trump invita i manifestanti ad andare a casa denunciando allo stesso tempo elezioni rubate. “Lo abbiamo rimosso perché riteniamo che contribuisca al rischio di violenze”, spiega Facebook. YouTube nell’annunciare la rimozione mette in evidenza che il video è stato rimosso perché “viola le politiche sulla diffusione delle brogli elettorali”.

Ironia su Auschwitz fra i Proud Boys

Come emerso sui social, fra i partecipanti, alcuni indossavano magliette ironiche su Auschwitz e sullo sterminio dei 6 milioni di ebrei.

 

 

(Fonte: Facebook)

Menu