Re M Mohammed VI del Marocco in una comunità ebraica locale

Dopo gli Emirati Arabi, Marocco, Bahrein, Oman e Sudan potrebbero aprire le relazioni con Israele

Mondo

di Redazione
Il Marocco sarà probabilmente uno dei prossimi stati arabi a normalizzare i rapporti diplomatici con Israele a seguito dell’accordo mediato dagli Stati Uniti tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele per stabilire relazioni, secondo un rapporto israeliano di venerdì. Lo riporta The Times of Israel.

Citando funzionari statunitensi anonimi, l’emittente pubblica Kan ha affermato che il Marocco è stato visto come un probabile candidato poiché ha già legami turistici e commerciali con Israele. Il rapporto cita anche la protezione del paese nordafricano della sua piccola comunità ebraica (nella foto re Mohammed VI nel gennaio 2020 nel centro ebraico Bayt Dakira a Essaouira).

Stabilire legami diplomatici formali con Israele potrebbe anche migliorare le relazioni del Marocco con gli Stati Uniti. Il rapporto afferma che in cambio di ciò, Rabat sta cercando il riconoscimento americano della sua sovranità sul territorio conteso del Sahara occidentale. Il Marocco ha occupato ampie fasce del Sahara occidentale nel 1975 quando la Spagna si è ritirata dall’area e in seguito ha annesso i territori con una mossa non riconosciuta a livello internazionale.

Secondo un rapporto di febbraio  di Channel 13, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha cercato di organizzare un tale accordo a tre vie e ha fatto aperture a Washington per promuovere l’accordo, ma l’amministrazione Trump non l’ha ancora autorizzato.

Il Marocco è considerato un alleato degli Stati Uniti e ha a lungo mantenuto legami informali ma stretti di intelligence con Israele.

Sebbene i paesi non abbiano relazioni formali, il Marocco ha ospitato leader israeliani e gli israeliani vi possono recare in visita. Circa 3.000 ebrei vivono in Marocco, una frazione del numero di prima della creazione di Israele nel 1948, ma è ancora la più grande comunità del mondo arabo.

Non solo il Marocco

Oltre al Marocco, anche il Bahrain e l’Oman sono state indicate come nazioni che potrebbero seguire gli Emirati Arabi Uniti nello stabilire relazioni con Israele. Entrambi i paesi hanno elogiato l’annuncio che Gerusalemme e Abu Dhabi avrebbero normalizzato i legami.

Ma anche il Sudan ha dichiarato di volere aprire le relazioni con Israele fra fine 2020 e inizio 2021. Il portavoce del ministero degli Esteri del Sudan Haidar Badawi Sadiq ha dichiarato martedì 18 agosto a Sky News Arabia che il Sudan “aspira a un accordo di pace con Israele … un rapporto di pari costruito sugli interessi di Khartoum”. “Non c’è motivo per cui l’inimicizia continui”, ha detto Sadiq. “Non neghiamo la comunicazione tra i due paesi”.

Israele ed Emirati, il dialogo è avviato

Israele e gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato il loro accordo giovedì pomeriggio. Hanno “accettato la piena normalizzazione delle relazioni tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti”, hanno detto in una dichiarazione congiunta con gli Stati Uniti rilasciata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

L’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele segna il terzo accordo di questo tipo che lo stato ebraico ha concluso con un paese arabo dopo l’Egitto (1979) e la Giordania (1994).

Le delegazioni israeliana e degli Emirati Arabi Uniti si incontreranno nelle prossime settimane per firmare accordi bilaterali in materia di investimenti, turismo, voli diretti, sicurezza e istituzione di ambasciate reciproche, afferma la loro dichiarazione.

Netanyahu ha detto giovedì sera che Israele è entrata in una “nuova era delle relazioni israeliane con il mondo arabo” e che sarebbero seguiti altri accordi con i paesi arabi. Jared Kushner, genero e consigliere senior di Trump, ha detto che più paesi arabi potrebbero presto annunciare legami normalizzati con Israele e venerdì ha detto che le relazioni tra lo Stato ebraico e l’Arabia Saudita erano inevitabili.

Menu