Rivlin: “La minoranza araba è invisibile per la maggioranza degli ebrei israeliani”

Israele

di

Reuven Rivlin, Andrew Cuomo,“Quanti di noi ebrei ha al lavoro dei colleghi arabi? Quanti di noi hanno dei veri amici arabi? Quanti di noi conoscono l’agenda del pubblico arabo, o le differenze che dividono la loro società?”. Sono le domande dirette e provocatorie fatte dal presidente israeliano Reuven Rivlin a un pubblico di capi di azienda e rappresentanti della società civile, durante un incontro presso la sua residenza. Un discorso intenso, quello del presidente, tutto incentrato sull’ignoranza degli ebrei israeliani nei confronti della società araba, e che ha messo in luce come i due gruppi siano “ciechi l’uno verso l’altro”.

“Un enorme gap è cresciuto negli anni fra le due società che vivono una accanto all’altra e insieme all’altra, e ancora sono cieche l’una verso l’altra – ha dichiarato -. Dobbiamo ammettere una dolorosa verità: che per la maggior parte della società israeliana ebraica il pubblico arabo occupa un posto cieco”.

Il presidente israeliano Reuven Rivlin a Kfar Kassem il 26 ottobre 2014
Il presidente israeliano Reuven Rivlin a Kfar Kassem il 26 ottobre 2014

Da quando è salito al potere, Rivlin ha dedicato molto del suo tempo a cercare di ridurre la distanza fra ebrei e arabi in Israele. Lo scorso ottobre, è diventato il primo leader israeliano a riconoscere il “terribile crimine” di Kfar Kassem del 1956, e in un incontro con responsabili delle municipalità arabe ha appoggiato la costruzione di una nuova città araba.

“Il pubblico arabo in Israele molto tempo fa ha smesso di essere una minoranza – ha continuato -. L’obiettivo di costruire ponti fra le due realtà e di dare un senso alla collaborazione fra ebrei e arabi è per me un obiettivo umano, ebraico e sionista di primo piano”.

La ricerca: il 5% degli impiegati è arabo
Interessanti, poi, i risultati presentati dalla società israeliana di consulenza Shaldor, condotta fra le 47 aziende top in Israele. Ne emerge un livello molto basso di impiego degli arabi nelle aziende: solo il 5% (mentre la popolazione è il 20% di quella israeliana). Ciò significa che solo 7 di 47 compagnie impiega arabi a livelli proporzionati alla loro rappresentanza nella popolazione, ma nessuna, invece, li assume in posizione di management di medio livello o superiore. Da parte delle aziende interpellate, però, è emersa la volontà di migliorare questi dati.

Menu