Odelia Fitoussi

Israele entra nel Comitato dell’Onu sui diritti delle persone con disabilità

Israele

di Redazione
A seguito di una campagna diplomatica internazionale, Odelia Fitoussi è stata eletta lunedì per rappresentare Israele nel Comitato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD). Lo riporta il sito Israel National News.

Fitoussi, che è nata con la distrofia muscolare (SMA2), diventerà il primo israeliano selezionato per far parte di questo prestigioso comitato, che è tra i più ricercati comitati di esperti delle Nazioni Unite.

Il CRPD è il principale organo delle Nazioni Unite responsabile della formulazione di una politica globale per i 182 stati firmatari della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Nelle elezioni tenutesi lunedì presso la sede delle Nazioni Unite a New York, i rappresentanti di 27 paesi hanno gareggiato per nove posti nel comitato. Israele ha vinto al primo turno, ricevendo il sostegno di 109 paesi.

L’ambasciatore di Israele presso le Nazioni Unite, Gilad Erdan, si è congratulato con Fitousi per la sua vittoria, dicendo che aveva portato un immenso orgoglio a Israele in una delle questioni più importanti e che la sua selezione lo aveva “commosso molto”.

“Rappresenta un vero trionfo dello spirito umano”, ha detto Erdan. “La vasta esperienza di Israele nel campo dei diritti delle persone con disabilità contribuirà notevolmente alle attività del comitato e avrà un’influenza positiva sulla vita di molti in tutto il mondo. Sono sicuro che Odelia sarà un’eccellente ambasciatrice e realizzerà grandi cose “.

La candidatura di Fitoussi

Nell’ultimo anno, il Ministero degli Affari Esteri israeliano e la Missione di Israele presso le Nazioni Unite hanno condotto uno sforzo diplomatico nelle capitali di tutto il mondo e a New York con gli Stati membri delle Nazioni Unite per mobilitare il sostegno alla candidatura di Fitoussi. La stessa Fitoussi ha incontrato più di 100 diplomatici da tutto il mondo. Erdan ha discusso la sua candidatura nei suoi incontri con altri ambasciatori delle Nazioni Unite ed è persino riuscita a ottenere il sostegno dei rappresentanti di alcuni paesi arabi, che di solito si astengono dal sostenere i candidati israeliani negli organismi delle Nazioni Unite.

Fitoussi ha detto: “Mi sento privilegiata di essere un membro della CRPD, dove Israele è stato un partner nella creazione di un nuovo linguaggio per le persone con disabilità, un linguaggio di diritti, di orgoglio per chi sei, per la nostra unicità di persone con disabilità che arricchiscono la società con tutto il bene che abbiamo costruito “.

Fitoussi, 43 anni, è una residente di Bat Yam che ha scelto di dedicare la sua vita alla lotta per i diritti delle persone con disabilità. Lavora come arte-terapeuta con i bambini e ha spinto per una maggiore inclusione degli insegnanti con disabilità nel sistema educativo e per attuare la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità in Israele.

Il CRPD con sede a Ginevra è responsabile del monitoraggio e dell’esame delle attività degli Stati firmatari della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità e della sua attuazione per migliorare la vita delle persone con disabilità in tutto il mondo.

La Convenzione Onu

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità è stata ratificata da 182 paesi. Israele è stata una delle nazioni leader che hanno preso parte alla stesura della convenzione, aderendovi nel 2012. Da allora, Israele è stata attiva in molte iniziative legislative e sociali per le persone con disabilità. È responsabile dell’attuazione e della supervisione della “Commissione per l’uguaglianza delle persone con disabilità”.

 

Menu