L'Aeroporto di Ben Gurion

Israele: aeroporti chiusi agli stranieri almeno fino all’1 settembre

Israele

di Redazione
Le restrizioni che impediscono ai visitatori stranieri di entrare in Israele a causa della pandemia di coronavirus saranno estese fino all’inizio di settembre, ha annunciato lunedì l’Autorità aeroportuale israeliana. Il divieto, riporta The Times of Israel, continuerà fino al 1 settembre a causa della recente impennata delle infezioni da virus in Israele, ha affermato l’IAA. Nelle ultime settimane le infezioni quotidiane sono salite costantemente a quasi 2.000, sebbene lunedì 20 luglio il Ministero della Sanità abbia riportato un calo a 1.139 casi nelle precedenti 24 ore. Il bilancio delle vittime è aumentato di sei durante la notte, domenica e lunedì mattina, a 415.

Il divieto in corso consente l’ingresso nel paese solo ai cittadini israeliani di ritorno o a coloro che ottengono l’autorizzazione speciale dall’autorità per l’immigrazione e le frontiere della popolazione. Tutti coloro che arrivano devono auto-mettersi in quarantena per due settimane.

Coronavirus e turismo: un impatto devastante

La settimana scorsa il ministro dell’Energia Yuval Steinitz aveva dichiarato a Radio 103FM che uno dei maggiori impatti sull’economia del virus è stata la limitazione dei viaggi aerei internazionali e che riaprire i cieli di Israele era una priorità. Molti vettori hanno cancellato le loro rotte da e per Israele, e con il tasso di infezione è improbabile che si cambi presto tale politica.

Israele, ha proseguito, ha una “economia high-tech orientata all’esportazione. L’interazione tra Israele e il mondo è stata seriamente danneggiata a causa del blocco aereo “. Israele ha chiuso i suoi confini ai viaggiatori stranieri a metà marzo e da allora ha periodicamente esteso le restrizioni.

Quasi tutti i viaggi aerei in Israele sono stati chiusi a causa delle restrizioni del coronavirus, con solo pochi voli settimanali, inclusa una rotta giornaliera per Newark, New Jersey, gestita da United Airlines. Diverse compagnie aeree hanno ripreso i voli. Air Canada, Delta e la compagnia aerea tedesca Lufthansa hanno iniziato a volare in Israele a giugno, così come WizzAir e Ryanair.

L’industria turistica israeliana, che impiega circa 80.000 persone e contribuisce per circa il 3% al prodotto nazionale lordo, è stata colpita fortemente dal virus e dal suo impatto sui viaggi aerei. All’inizio di questo mese, la compagnia aerea El Al ha accettato un piano di salvataggio del governo che probabilmente darà allo Stato circa il 61% dell’azienda. In base all’accordo, la compagnia aerea otterrà un prestito di $ 250 milioni sostenuto dal governo, con garanzie per il 75% del prestito, nel caso in cui l’impresa sia inadempiente. La società è entrata in gravi difficoltà finanziarie a causa della pandemia e il mese scorso ha chiuso tutte le operazioni aeree in seguito a una disputa sindacale.

Menu