JMS 2022. Herzog: “La democrazia israeliana è vibrante e forte. E voi giornalisti avete il compito di raccontarla”

di Ilaria Myr
GERUSALEMME- “Il tema del raduno di quest’anno – Una nazione, un destino – è particolarmente appropriato. Perché questo momento della nostra storia che si sta svolgendo ci chiede di fare i conti con domande reali in modo onesto e diretto. Siamo, infatti, un popolo, unito da una storia condivisa e da un’eredità e un destino condivisi. Con il moderno Stato di Israele, i legami tra ebrei in tutto il mondo continuano a sostenere la nostra statualità e il nostro popolo”. Queste le parole che il presidente israeliano Isaac Herzog ha rivolto ai cento giornalisti dei media ebraici che hanno partecipato al Jewish Media Summit 2022, durante la terza e ultima giornata dell’evento, il 22 dicembre. Un discorso, il suo, che ha sottolineato la comunanza di destino e valori fra Israele e la diaspora.

“Qui in Israele, riconosciamo i nostri fratelli, le nostre sorelle e fratelli in tutto il mondo, come famiglia e partner. Quando necessario, gli ebrei di tutto il mondo si uniscono per difendere e sostenere Israele combattendo i suoi odiatori e detrattori, combattendo il BDS, nei confronti dei governi stranieri, nei media, nei campus e altrove. I media ebraici sono spesso all’avanguardia in questi sforzi, offrendo una voce articolata per lo Stato di Israele e una rappresentazione sfumata di una realtà complessa”.

Nel suo discorso, Herzog ha menzionato l’impegno di Israele di fronte ai “venti del crescente antisemitismo (che) si diffondono in tutto il mondo, Israele deve anche guidare la lotta globale contro di esso e proteggere, difendere e sostenere le comunità ebraiche e la vita ebraica ovunque nel mondo. Ma dobbiamo essere qualcosa di più della semplice difesa contro queste minacce molto reali”.

Ci deve essere un dialogo costante e rispettoso fra le Israele e diaspora, e il ruolo dei giornalisti in questo è centrale: “perché noi in Israele a volte non comprendiamo il popolo ebraico nel mondo e gli ebrei di tutto il mondo in varie comunità non hanno la comprensione di cosa sia la società israeliana”, ha dichiarato.
Soprattutto, le divisioni e le divergenze non devono trasformarsi in fratture che lacerano l’unità del popolo ebraico. A tal proposito, Herzog ha fatto riferimento all’esito delle ultime elezioni in Israele, che ha “sollevato molte domande reali da persone di tutto il mondo e, naturalmente, comunità ebraiche. Come i loro compagni israeliani, gli ebrei di tutto il mondo si preoccupano profondamente di Israele e vogliono sapere che possono ancora trovare il loro posto nel nostro collettivo. Sento queste preoccupazioni e le capisco. E vorrei rassicurarvi che la democrazia israeliana è vibrante e forte. Le molte voci che ci compongono non indicano la debolezza della nostra democrazia, ma la sua forza. Stato di diritto, libertà di parola, diritti umani e civili: questi sono sempre stati e saranno sempre i pilastri del nostro stato ebraico e democratico. E so che se riusciamo a rimanere aperti all’ascolto reciproco, scopriremo che condividiamo molto più di quanto potremmo pensare”.

Infine, un appello ai giornalisti: “conto su di voi per dare voce a un’ampia varietà di prospettive su Israele. Abbiamo forti dibattiti nella nostra società, nel nostro parlamento, nella nostra arena pubblica, e questa è esattamente la storia della democrazia israeliana”.
Portando la sua personale esperienza, ha raccontato come la notte precedente all’incontro, fosse a Jaffa in una sinagoga a Jaffa Dalet, una sinagoga che comprende olim di varie nazioni. “In seguito sono andato a rendere omaggio e festeggiare con le comunità arabe cristiane nelle comunità più affascinanti di Jaffa, con i loro leader spirituali, persone molto impressionanti che hanno rotto molti soffitti di vetro nella società israeliana tra cui un ex Giustizia della Corte Suprema. Ed è stato celebrato con i musulmani e con gli ebrei. Più tardi siamo andati tutti nei centri comunitari con il sindaco di Tel Aviv-Jaffa, Ron Huldai, e tra la folla c’era un bel mix di ebrei, musulmani e cristiani – Ebrei venuti dall’Etiopia, dalla Russia, dal Caucaso, da tutto il Nord Africa, musulmani di tutte le denominazioni e cristiani di tutte le denominazioni. vista diversa di Israele, che normalmente non viene rappresentata. Chiedo ai media internazionali di approfondire la vera storia della democrazia israeliana e la sua meravigliosa diversità”.