Harald Edelstam, diplomatico svedese in Cile sotto Pinochet

Gariwo: a Stoccolma un albero per Harald Edelstam, il diplomatico che aiutò 1500 perseguitati in Cile

di Redazione
Lunedì 24 settembre, nella sede dell’Ambasciata d’Italia a Stoccolma un albero e una targa sono stati posati in ricordo di Harald Edelstam, il diplomatico svedese che aiutò i perseguitati politici nel Cile di Pinochet.

La cerimonia si è svolta alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Svezia Mario Cospito, del presidente di Gariwo Gabriele Nissim, di Caroline Edelstam, nipote di Harald e presidente della Edelstam Foundation, e di Enza Nunziato, giornalista da tempo impegnata nella valorizzazione dei Giusti del nostro tempo.

Harald Edelstam, Capo missione svedese, giunse a Santiago nel 1972. Dichiarato “persona non grata” dal governo militare, fu espulso dal Cile nel 1973. “A Santiago correva voce che Edelstam avesse più volte agito a suo rischio e pericolo, dando prova di un eccezionale coraggio, di una audacia al di fuori di ogni norma, di un disinteresse totale, sempre in difesa di perseguitati che non conosceva e che forse non avrebbe più rivisto”. Con queste parole Emilio Barbarani, già Ambasciatore a Santiago del Cile nel 1974, ha ricordato il diplomatico svedese in un articolo per gariwo.net.

Si stima che grazie all’azione di Edelstam poterono salvarsi circa 1500 persone.

L’impegno umanitario di Edelstam era cominciato trent’anni prima, durante le missioni a Berlino (1941) e a Oslo (1942). Nella capitale tedesca il diplomatico, d’intesa con la moglie Louise von Rosen, nascose numerosi ebrei nella propria casa; l’anno successivo, in Norvegia, diede rifugio a ebrei e partigiani aiutandoli a espatriare.

Per la sua azione a difesa dei diritti umani Edelstam è già ricordato a Roma nella sede dell’Ambasciata di Svezia, e dal 2016 con un albero nel Giardino dei Giusti di Benevento, su iniziativa degli studenti del Liceo Scientifico “G. Rummo”.

La targa posta in ricordo di Harald Edelstam nell’ambasciata d’Italia a Stoccolma

Il progetto sui diplomatici 

La cerimonia rientra nel progetto Diplomazia del Bene, lanciato da Gariwo per riscoprire e fare conoscere le storie dei diplomatici che nel mondo hanno operato in difesa dei diritti umani. Il proposito è collaborare con le Ambasciate “per seminare e trasmettere la cultura del Bene, rafforzare l’immagine dell’Italia all’estero e stimolare i Paesi ospitanti a seguire questo percorso”, ha detto Gabriele Nissim.

“Dopo quelle a Tunisi nel 2016 e ad Amman nel 2017, questa iniziativa è il risultato della collaborazione tra i nostri Paesi e segna un importante passo in avanti della Diplomazia del Bene. Il mio sogno è vedere presto realizzato a Stoccolma un giardino con gli alberi in onore di due svedesi straordinari: Harald Edelstam e Raul Wallenberg, due Giusti dell’Umanità, simboli di un’Europa aperta e solidale”.

Menu