Giacobbe e Rachele

Parashat Vayetzé. La penna è più potente della spada, ma c’è qualcosa di più potente della penna

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Viviamo nel mondo dei talk-talk. Abbiamo talk radio, talk show televisivi, news-talk e vari altri canali di persone che parlano o comunicano in una forma o nell’altra (Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn).  Reagire, rispondere e ricambiare è il nome del gioco.  Abbiamo molto da dire e viviamo in un mondo in cui la reazione degli altri è oltre ogni aspettativa;  è obbligatorio – sotto forma di un like o un commento;  il minimo che uno può offrire senza turbare gli altri è presentare un’emoji.

La nostra parashà, Vayetze, proviene da un mondo diverso – non a causa delle differenze tecnologiche ma a causa di un sistema di valori distintivi – un mondo in cui il linguaggio non è qualcosa che viene preso alla leggera. La reazione di una persona richiede pensiero, valutazione e soprattutto una ragion d’essere – uno scopo esistenziale. Per illustrare, diamo un’occhiata alla scena che la Torah presenta. Quando Jacob si innamorò di Rachel, si impegnò a lavorare per suo padre per sette anni interi per guadagnarsi la mano in matrimonio. Gli anni passano e una volta che Jacob è pronto a sposare la sua amata Rachel, suo suocero proclama Leah, la sorella maggiore, come sposa.  Il midrash (Tanhuma Vayetze 6) ci dice che Rachel ha visto i regali che Jacob le ha inviato in dono a sua sorella Lea, e non ha detto nulla.  Lei rimase in silenzio.  Questa capacità di rimanere in silenzio in una situazione molto difficile è un tratto morale della personalità che viene trasmesso ai discendenti di Rachel.  Anche suo figlio Benjamin aveva questa qualità.  È suggerito dal nome della pietra che rappresenta la tribù di Benjamin, Yashpeh, Jasper.  Yashpeh significa “c’è una bocca”. Un’immagine per aiutare a capire questo è un rubinetto.  Un rubinetto che non si chiude, non è un rubinetto;  è un tubo.  Se una bocca non può essere chiusa, non è una bocca.  Anche il primo re d’Israele, Saulo, discendente di Rachele, ereditò questa abilità (1 Sam. 10,16).  Anche Ester, la regina ebrea della Persia, aveva questa abilità speciale (Ester 2.20).
Rabban Shimon ben Gamliel ha notato che la migliore virtù morale è la capacità di tacere.  Lo imparò guardando i saggi con cui suo padre, Rabban Gamliel, teneva compagnia.
La Gemara parla delle migliori famiglie in cui ci si dovrebbe sposare se possibile (Kiddushin 71a).  Uno dei criteri era una famiglia di Babilonia e come si può dire se una persona è di Babilonia?  Se parla babilonese.  Eppure ora ci sono molti falsi – cioè – parlano babilonese ma non vengono da lì.  Il consiglio della Gemara è di “seguire coloro che tacciono”. Chi riesce a stare zitto durante una rissa è il migliore da sposare, è un segno che la persona proviene da una buona famiglia.  La Gemara in un altro posto (Hulin 69a) afferma che la migliore arte per un essere umano è di rendersi muti.  È un’arte tacere perché ogni comunicazione è una forma d’arte.
Questa potente qualità richiede autocontrollo, fiducia in se stessi e soprattutto consapevolezza di sé.  Possiamo immaginare quanto emotivamente stimolante sia stato per Rachel accettare la situazione con le azioni di suo padre.  Dire qualcosa farebbe solo del male a sua sorella.  Ha scelto di tacere.  Restare in silenzio non è una mancanza di cosa dire;  non è un segno di debolezza. È esattamente il contrario.  È un segno di forza – un segno del processo di pensiero che porta a un atto di silenzio.
Tornando al nostro mondo – come sarebbe il nostro mondo se ci fosse più di noi che assumerebbe il silenzio quando è appropriato?  Invece di essere trascinati in una discussione, perché non tacere?  Più apprezziamo le nostre parole e il nostro discorso, più rimarremo in silenzio.  Più restiamo in silenzio, più potenti saranno le nostre parole quando parliamo.

Di Rav Dr. Guy Matalon direttore del programma Mechina a Ohr Somayach a Gerusalemme. In precedenza, è stato professore di studi giudaici della Federazione ebraica di Omaha e direttore fondatore del Centro Schwalb per Israele e studi ebraici.  Per commenti,.  Abbiamo molto da dire e viviamo in un mondo in cui la reazione degli altri è oltre ogni aspettativa;  è obbligatorio – sotto forma di un like o un commento;  il minimo che uno può offrire senza turbare gli altri è presentare un’emoji.
(Foto: Wlliam Dyce, “L’incontro fra Rachele e Giacobbe”)
Menu