Giuseppe venduto dai fratelli

Parashat Vayeshev. A volte il Signore invia un angelo sulla Terra

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La storia di Joseph e dei suoi fratelli si svolge su quattro parashot. È la narrazione più lunga e dettagliata della Torah. Niente è lì per caso; ogni dettaglio conta. Guardiamo un momento, ciò che può sembrare poco importante, contiene infatti una delle idee più belle della Torah.

L’ambientazione della scena è questa: Giuseppe è invidiato e odiato dai suoi fratelli. Non possono nemmeno parlarsi senza discutere. I fratelli sono andati via di casa per prendersi cura delle loro pecore e Jacov dice a Joseph di andare a vedere come stanno. Questo alla fine porterà al drammatico incidente in cui i fratelli venderanno Joseph come schiavo e tutto cambia, ma quasi senza successo per i fratelli. Joseph arrivò a Shechem dove si aspettava che ci fossero i suoi fratelli, ma non erano là. Avrebbe potuto vagare per un po’ e poi, non riuscendo a trovarli andare a casa. Nessuno degli eventi raccontati nel resto della Torà sarebbe accaduto: Giuseppe non sarebbe stato venduto come schiavo, Giuseppe non sarebbe diventato viceré del faraone, non avrebbe conservato il cibo durante gli anni di abbondanza, non ci sarebbe stata la discesa della famiglia di Giuseppe in Egitto, nessun esilio, nessuna schiavitù, nessun esodo. I’intera storia – già rivelata ad Abramo in una visione notturna- sembrava sul punto di deragliare.
Quindi leggiamo quanto segue:

“Un uomo ha trovato [Joseph] che vagava nei campi egli chiese: “Cosa stai cercando?” Lui rispose: “Sto cercando i miei fratelli. Puoi dirmi dove stanno pascolando il loro gregge?’ “Sono passati da qui,” rispose l’uomo. Li ho sentiti dire: “Andiamo a Dothan”. Quindi Joseph seguì i suoi fratelli e li trovò vicino a Dothan “. (Bereshit 37: 15-17). Non c’è altro momento come questo nel resto della Torah: tre versetti dedicati a un aspetto apparentemente poco importante, un dettaglio dimenticabile di qualcuno che deve chiedere indicazioni a uno sconosciuto. Chi era quest’uomo senza nome? E quale messaggio l’episodio lascia per le generazioni future, per noi?

A volte Dio manda le persone a loro insaputa a cambiare la nostra vita. Rashi dice che era l’angelo Gabriele. Ibn Ezra dice che era un passante. Ramban tuttavia afferma che “Il Santo, sia benedetto Lui, gli ha inviato una guida a sua insaputa.” Non sono sicuro che Ramban intendesse all’insaputa di Joseph o all’insaputa della guida. Preferisco pensa a entrambi. L’uomo anonimo rappresenta un atto di guida divino per assicurarsi che Joseph andasse dove avrebbe dovuto essere, in modo che il resto del dramma avrebbe potuto svolgersi. Potrebbe non aver saputo di avere un tale ruolo. Giuseppe sicuramente non lo sapeva. Per dirla nel modo più semplice possibile: era un angelo, che non sapeva di essere un angelo. Ha avuto un ruolo vitale nella storia. Senza di lui, non sarebbe successo nulla di ciò che poi accadrà. Ma non aveva in nessun modo la possibilità di conoscere, al momento, l’importanza del suo ruolo. Il messaggio dell’angelo che non sapeva di essere un angelo è molto importante. Quando Dio desidera che qualcosa succede, e sembra impossibile, a volte invia un angelo sulla terra – un angelo che non sa di essere un angelo – per spostare la storia da qui (terra) a lì (cielo).
Di Rabbi Jonathan Sacks
(Foto: Konstantin Flavitsky, ‘Giuseppe venduto dai fratelli e preso da una carovana’, 1855)
Menu