Parashat Vaera

Parashat Vaera. Anche i più grandi possono fallire, ma la loro forza è andare avanti

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
In un primo momento, la missione di Mosè sembrava avere successo. Aveva temuto che il popolo non credesse in lui, ma Dio gli aveva dato dei segni da compiere e suo fratello Aaronne per parlare a suo favore.
Mosè “eseguì i segni davanti al popolo e questi credettero. E quando hanno sentito che il Signore era preoccupato per loro e aveva visto la loro miseria, si prostrarono e adorarono”. (Es. 4: 30-31) Poi le cose iniziano ad andare storte e continuarono ad andare male. La prima apparizione di Mosè davanti al Faraone fu disastrosa. Egli si rifiutava di riconoscere Dio e rifiutò la richiesta di Mosè di lasciare che il popolo andasse nel deserto. Poi peggiorò la vita degli israeliti. Dovevamo fare la stessa quota di mattoni, ma ora dovevano anche raccogliere da soli la paglia. Il popolo si rivolge contro Mosè e Aaronne: “Possa il Signore guardarvi e giudicarvi! Ci hai resi odiosi al faraone e ai suoi funzionari e gli hai messo una spada in mano per ucciderci “. (Es. 5:21) Mosè e Aaronne tornarono dal faraone per rinnovare la loro richiesta. Compiono un atto miracoloso – trasformano un bastone in un serpente – ma il faraone non è impressionato da questo.

I suoi stessi maghi possono fare lo stesso. Poi portarono la prima delle 10 piaghe, ma ancora una volta il faraone è impassibile. Non lasciò andare gli israeliti. E così va avanti, nove volte. Mosè fa tutto ciò che è in suo potere per indurre il faraone a cedere e scoprì che niente faceva la differenza. Gli israeliti erano ancora schiavi.

Abbiamo sentito la pressione a cui era stato sottoposto Mosè, dopo la sua prima battuta d’arresto alla fine della parashà della scorsa settimana, si era rivolto a Dio e aveva chiesto con amarezza: “Perché, Signore, perché hai causato problemi a questo popolo? È per questo che mi hai mandato? Da quando sono andato dal faraone per parlare in tuo nome, ha causato problemi a questo popolo e tu non lo hai affatto salvato “. (Es. 5: 22-23)

Nel parasha di Vaera di questa settimana, anche quando Dio lo rassicura che alla fine avrà successo, risponde: “Se gli israeliti non mi ascolteranno, perché il faraone mi ascolterebbe, dato che parlo con labbra vacillanti?” (Esodo 6:12). C’è un messaggio ridondante qui. La leadership, anche di primissimo ordine, è spesso contrassegnata dal fallimento.

Nella nostra discussione sulla parashà Vayetze, abbiamo visto che in ogni campo – alto o basso, sacro o secolare – i leader sono messi alla prova non dai loro successi, ma dai loro fallimenti. A volte può essere facile avere successo. Le condizioni possono essere favorevoli. Il clima economico, politico o personale è buono. Quando c’è un boom economico, la maggior parte delle aziende prospera. Nei primi mesi dopo un’elezione generalmente, il leader di successo porta con sé il carisma di vittoria. Nel primo anno la maggior parte dei matrimoni è felice, non richiede abilità speciali per avere successo in tempi buoni. Ma poi il clima cambia. Alla fine lo fa sempre. Quello è il momento in cui molte aziende, politici e matrimoni traballano . Ci sono momenti in cui anche le persone più grandi inciampano. In quei momenti, il carattere viene messo alla prova. I grandi esseri umani non sono quelli che non falliscono mai. Sono quelli che sopravvivono al fallimento, che continuano ad andare avanti, che si rifiutano di essere sconfitti, che non si arrendono, né si arrendono mai. Continuano a provare. Imparano da ogni errore. Trattano il fallimento come un’esperienza di apprendimento. E da ogni rifiuto di essere sconfitti, diventano più forti, più saggi e più determinati. Questa è la storia della vita di Mosè sia nel parashà di Shemot che nella parashà di Vaera…

…Il rabbino Yitzhak Hutner (1906-1980) una volta scrisse una potente lettera a un discepolo che era stato scoraggiato dal suo ripetuto fallimento nel padroneggiare l’apprendimento talmudico: “Un difetto che molti di noi soffrono è che quando ci concentriamo sulle alte conquiste di grandi persone, discutiamo di come sono complete in questa o quell’area, omettendo di menzionare le lotte interiori che in precedenza avevano affrontato. Un ascoltatore avrebbe l’impressione che questi individui siano nati dalla mano del loro creatore in uno stato di perfezione … Il risultato di questa sensazione è che quando un giovane ambizioso, di spirito ed entusiasmo incontra ostacoli cade e crolla, si immagina come indegno di essere “piantato nella casa di Dio” (Sal 92:13) … Sappi, tuttavia, mio ​​caro amico, che la tua anima non è radicata nella tranquillità della buona inclinazione, ma nella battaglia della buona inclinazione … Si applica l’espressione inglese “Perdi una battaglia e vinci la guerra”. Sicuramente hai inciampato e inciamperai di nuovo, e in molte battaglie cadrai zoppo. Ti prometto, tuttavia, che dopo quelle campagne perdenti uscirai dalla guerra con gli allori della vittoria sulla testa … Il più saggio degli uomini disse: “Un uomo giusto cade sette volte, ma si rialza ancora.” (Proverbi 24:16) Gli stolti credono che l’intento del versetto sia quello di insegnarci che l’uomo giusto cade sette volte e, nonostante ciò, si rialza. Ma gli esperti sono consapevoli che l’essenza del risorgere dell’uomo giusto è a causa delle sue sette cadute. Il punto di Rabbi Hutner è che la grandezza non può essere raggiunta senza fallire. Ci sono altezze che non puoi scalare senza prima essere caduto. >

Per molti anni ho tenuto sulla mia scrivania una citazione di Calvin Coolidge (trentesimo Pressidente USA) inviata da un amico che sapeva quanto fosse facile scoraggiarsi. Ha detto: “Niente in questo mondo può sostituire la tenacia. Il talento non lo farà: niente è più comune degli uomini senza successo, con talento. Il genio non lo farà; il genio non ricompensato è quasi un proverbio. L’istruzione no: il mondo è pieno di derelitti istruiti. Solo la persistenza e la determinazione sono onnipotenti.” Vorrei solo aggiungere: “E seyata diShmaya, l’aiuto del Cielo”. Dio non perde mai la fede in noi, anche se a volte siamo noi a perderla in noi stessi.

Il modello supremo è Mosè che, nonostante tutte le battute d’arresto raccontate nella parashà della scorsa settimana e di questa settimana, alla fine è diventato l’uomo di cui si diceva che avesse “centoventi anni quando morì, ma i suoi occhi non erano offuscati e la sua energia era senza sosta.” (Deut. 34: 7)
Sconfitte, ritardi e delusioni fanno male. Fecero male anche a Mosè. Quindi, se ci sono momenti in cui anche noi ci sentiamo scoraggiati e demoralizzati, è importante ricordare che anche le persone più grandi hanno fallito. Ciò che li ha resi fantastici è che hanno continuato ad andare avanti. La strada per il successo passa attraverso molte valli di insidiose. Non c’è altro modo.

Di Rav Jonathan Sacks zl

Menu