una parashà

Parashat Tetzavvè

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Tetzavvé si occupa ampiamente di sacerdoti e abiti sacerdotali. Ci è chiaro che le vesti dei sacerdoti, specialmente il sommo sacerdote, sono speciali e molto magnifici. La stessa Torah scrive (Shemot 28: 2): “Fai come te, con le cose sante di Aaronne, al tuo onore e ad essere adornato”. Siamo abituati a che anche le persone importanti siano vestite in modo appropriato. È certamente vero per i leader e anche i campi da calcio, gli allenatori indossano abiti e cravatte.
Tuttavia, i vestiti sono di grande importanza e sono in quello che sono Limitazione della persona. Quando indossiamo gli abiti di Shabbat e di vacanza, anche noi stiamo attenti a non mettere gli abiti sporchi. Gli abiti dei sacerdoti impongono molte restrizioni. I vestiti non sono leggeri, sulla testa del sacerdote Aharon c’è un tzitz d’oro. E ‘vietato cadere dalla testa. Ciò richiede ad Aaron di camminare lentamente e di non fare movimenti improvvisi di flessione.
I sacerdoti hanno anche un fascio, una specie di cintura attorno al corpo. Il fusto è molto lungo e la sua copertura sul corpo forma una sorta di pneumatico nell’area addominale. Con un tale indumento non si può girare troppo veloce e correre.
Lo scopo degli abiti, oltre a glorificare i sacerdoti che li indossano, è ricordare regolarmente i Kohanim, cosa fanno e quanto devono concentrarsi sul loro ruolo. Gli indumenti restringono i sacerdoti e li costringono ad eseguire movimenti lenti, bilanciati e misurati. Nell’opera del Mishkan non c’è posto per correre e movimenti affilati, tutto deve essere fatto seriamente e con facilità.
Menu