Mosè davanti al roveto ardente

Parashat Shemot. Bisogna sempre avere uno sguardo al futuro

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Al roveto ardente, Mosè ascoltò la sua nuova missione e chiese a Dio come spiegarlo al popolo: “Supponiamo che io vada dagli israeliti e dica loro: ‘L’Iddio dei tuoi padri mi ha mandato da te, e loro mi chiedessero: “Qual è il suo nome?” Allora cosa dovrei dire loro? “(Esodo 3:14).  Dio rispose con tre parole chiave: “Ehyeh asher ehyeh”.

Questo è spesso tradotto come “Io sono quello che sono” o “Io sono Colui che è”.  I pensatori cristiani dell’antichità e del Medioevo lo capirono nel senso che Dio stava dicendo che era “Essere-stesso, senza tempo, infinito e puramente spirituale.  La fonte di tutta la vita.
Ma questa non è una definizione ebraica di Dio, e “Ehyeh asher ehyeh” non significa nessuna di queste cose. Significa “Sarò cosa, dove o come sarò”.  Ciò che è importante qui (e ciò che manca a tutte le altre traduzioni) è il tempo futuro. Dio si sta definendo il Signore della storia che presto sarà coinvolto nella storia umana come mai prima d’ora, per fare grandi cambiamenti, per liberare un gruppo di schiavi dal più potente impero del mondo antico e guidarli in un viaggio verso la libertà.
 “Sarò quello che sarò” significa che Dio stava per entrare nella storia e trasformarla.  Dio stava dicendo a Mosè che non c’era modo che lui o chiunque altro potesse sapere in anticipo cosa Dio stava per fare, ma che se avessero avuto fiducia in Dio, avrebbero visto il futuro che avrebbe creato. Dio usò le parole Ehyeh asher ehyeh per dire a Mosè che stava arrivando un grande cambiamento e che presto le sue azioni avrebbero parlato da sole.  Ma fino a quel momento, avevano solo bisogno di fede, perché gli eventi a venire non potevano essere immaginati.
Disse anche a Mosè in termini generali che stava per salvare gli israeliti e portarli in una terra che scorreva con latte e miele.  Ma per quanto riguarda i dettagli, Mosè e il popolo avrebbero conosciuto Dio non attraverso la sua essenza ma attraverso i suoi atti, e quindi non potevano conoscerlo fino a quando non avesse agito. Sarebbe stato un Dio di sorprese.  Avrebbe fatto cose mai viste prima, avrebbe creato segni e prodigi di cui si sarebbe parlato per migliaia di anni.
Avrebbero messo in moto ondate dopo ripercussioni.  La gente imparerebbe che la schiavitù non è una condizione inevitabile, che potrebbe non essere giusta, che gli imperi non sono inespugnabili e che un piccolo popolo come gli israeliti potrebbe fare grandi cose se attaccassero il loro destino al cielo.  Ma nulla di tutto ciò può essere previsto in anticipo. Dio stava dicendo a Mosè e al popolo, dovrai fidarti di Me.  
Invece, la storia è diventata un’arena di cambiamento.  Il tempo è diventato qualcosa di inteso come una narrazione, un viaggio o una ricerca.  Tutto ciò ha suggerito in queste tre parole: “Sarò quello che sarò”. Sono il Dio del futuro, ci stava dicendo qualcosa non solo su Dio ma su di noi quando siamo aperti a Dio e abbiamo fede nella Sua fede in noi.
Possiamo essere ciò che saremo se scegliamo il giusto e il buono. E se falliamo e cadiamo, possiamo cambiare, perché Dio ci solleva e ci dà forza.
Se possiamo cambiare noi stessi, allora insieme possiamo cambiare il mondo.  Non possiamo porre fine al male e alla sofferenza, ma possiamo diminuirlo.  Non possiamo eliminare l’ingiustizia, ma possiamo combatterla.  Non possiamo abolire la malattia ma possiamo curarla e cercare cure.
Ogni volta che visito Israele, mi trovo stupito dal modo in cui questo antico popolo nella sua terra ricca di storia è una delle nazioni più orientate al futuro sulla terra, alla costante ricerca di nuovi progressi nella medicina, nell’informazione e nella nanotecnologia.  Israele scrive la sua storia in futuro.
E il futuro è la sfera della libertà umana, perché non posso cambiare ieri ma posso cambiare domani per quello che faccio oggi.  Pertanto, poiché l’ebraismo è una religione del futuro, è una religione della libertà umana e poiché Israele è una nazione orientata al futuro, rimane, in Medio Oriente, un’oasi di libertà in un deserto di oppressione.
Tragicamente, la maggior parte dei nemici di Israele sono fissi sul passato e finché rimarranno tali, il loro popolo non troverà mai la libertà e Israele non troverà mai la pace.

Credo che dobbiamo onorare il passato, ma non viverci.  La fede è una forza rivoluzionaria.  Dio ci sta chiamando come una volta ha chiamato Mosè, chiedendoci di avere fede nel futuro e poi, con il suo aiuto, costruirlo.

Di Rabby Jehonatan Sacks 
(Foto: Jerry Thompson, Mosè davanti al roveto ardente)
Menu