La danza di Henri Matisse

Parashat Re’eh. Il valore della gioia condivisa

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Se dovessimo chiedere quali parole chiave Mosè ripete più e più volte nei suoi discorsi d’addio sulla futura società di Israele, potremmo ascoltare risposte come giustizia, compassione, riverenza, rispetto, santità, responsabilità, dignità e lealtà.

È improbabile che sentiamo qualcuno suggerire simcha, gioia.  Questa è una parola che appare una sola volta in ciascuno degli altri libri della Torah ma appare dodici volte in Devarim, sette di queste volte proprio in questo parasha di Re’eh.
È una sorpresa che la simcha sia così spesso citata qui.  La storia degli israeliti finora non è stata gioiosa.
È stato caratterizzato dalla sofferenza da un lato, dalla ribellione e dal disaccordo dall’altro.  Eppure Mosè rende estremamente chiaro che la gioia è ciò di cui tratta la vita di fede nella terra della promessa.
Ecco le sette volte in questa parasha in cui usa la parola gioia:
1) “Alla presenza del Signore tuo Dio [nel Mishkan] tu e le tue famiglie mangerete e gioirete di tutto ciò a cui avete messo la mano, perché il Signore vostro Dio vi ha benedetti” (12: 7).

2)  “E lì [al Bet Mikdash a Gerusalemme] gioirai davanti al Signore tuo Dio, tu, i tuoi figli e figlie, i tuoi servi e ancelle e i leviti delle tue città” (12:12).

3) Dovrai mangiare [cibo santo] alla presenza del Signore tuo Dio nel luogo in cui il Signore tuo Dio sceglierà [a Gerusalemme] – tu, i tuoi figli e figlie, i tuoi servi e ancelle i leviti delle tue città –  e devi rallegrarti davanti al Signore tuo Dio in tutto ciò a cui metti la mano ”(12:18).

4) “Usa l’argento per comprare quello che ti piace: bestiame, pecora, vino o altra bevanda fermentata o qualsiasi cosa tu voglia.  Allora tu e la tua famiglia mangerete lì alla presenza del Signore vostro Dio e gioirete ”(14:26).
5) “E rallegrati davanti al Signore tuo Dio [su Shavuot] nel luogo che sceglierà come dimora per il Suo nome: tu, i tuoi figli e le tue figlie, i tuoi servi e ancelle, i Leviti nelle tue città e gli estranei, i senza padre,  e le vedove che vivono in mezzo a voi” (16:11).
6) “Sii gioioso alla tua festa [su Succot] – tu, i tuoi figli e le tue figlie, i tuoi servi e le tue ancelle e i Leviti, gli estranei, i senza padre e le vedove che vivono nelle tue città” (16:14).
7) “Per sette giorni [di Succot] celebra la festa al Signore tuo Dio nel luogo in cui il Signore tuo Dio ti benedirà in tutto il tuo raccolto e in tutto il lavoro delle tue mani, e la tua gioia sarà completa [vehayita ach stesso ‘  ach] ”(16:15).
Simcha è di solito tradotto come gioia, gioia, felicità, felicità, piacere o gioia.  In effetti, simcha ha un significato sottile che non è traducibile in inglese.  Gioia, felicità, piacere e simili sono tutti stati d’animo, emozioni che appartengono all’individuo e possiamo sentirli da soli.
Simcha, al contrario, non è un’emozione privata.  Significa felicità condivisa.  È uno stato sociale, vissuto come un “noi”, non come un “io”.
Non esiste il sentirsi soli.
Ogni volta che la parola simcha viene usata nella Parshat Re’eh si riferisce a un’esperienza di gioia di gruppo comune.  Il messaggio che Mosè sta dando qui è che la nazione si riunirà naturalmente attraverso crisi, catastrofi o guerre imminenti, ma la sfida, e l’ideale, è che l’unità avvenga anche in tempi buoni, attraverso la celebrazione collettiva alla presenza di Dio.
Di Rabby Sacks
(Foto: La danza di Henri Matisse, 1910)
Menu