Giuseppe interpreta i sogni del Faraone (affresco di Peter Cornelius)

Parashat Mikketz. I sogni e la leadership di Giuseppe

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
In una delle più grandi trasformazioni di tutta la letteratura, Joseph si ritrova in un solo balzo da prigioniero a primo ministro. Che cosa c’era in Giuseppe – un completo estraneo alla cultura egiziana, un “ebreo”, un uomo che stava languendo in prigione con una falsa accusa di tentato stupro – che lo contraddistingueva come un leader del più grande impero del mondo antico?

Giuseppe aveva tre doni che molti hanno da soli, ma pochi hanno insieme.
Il primo dono è che ha fatto dei sogni. Inizialmente non sappiamo se i suoi due sogni adolescenziali – i covoni dei suoi fratelli che si inchinano al suo e il sole, la luna e le undici stelle che si inchinano davanti a lui – siano un genuino presentimento della grandezza futura, o semplicemente l’immaginazione iperattiva di un bambino viziato con manie di grandezza.

Solo nella parashà di Mikketz di questa settimana apprendiamo un’informazione vitale che ci è stata nascosta fino ad ora.
Giuseppe ascoltando il faraone turbato gli disse, che aveva avuto due sogni: “Il motivo della ripetizione del sogno al faraone per due volte, significa che il fatto è stato disposto dal Signore e che Lui sarà sollecito nel realizzarlo” (Gen. 41:32).
Solo in retrospettiva ci rendiamo conto che il doppio sogno di Giuseppe, era un segno che anche questo non era una semplice immaginazione. Giuseppe era davvero destinato a essere un regnante al quale la sua famiglia si sarebbe inchinata.

In secondo luogo, come Sigmund Freud molti secoli dopo, Joseph aveva il dono di interpretare i sogni degli altri. Lo ha fatto per il coppiere e il panettiere in prigione e, nella parashà di questa settimana, per il faraone.
Le sue interpretazioni non erano né magiche né miracolose. Nel caso del coppiere e del panettiere ricordò che tra tre giorni sarebbe stato il compleanno del faraone (Gen. 40:20). Era usanza dei governanti fare una festa nel giorno del loro compleanno e decidere il destino di alcuni individui. (In Gran Bretagna, i festeggiamenti per il compleanno della Regina continuano questa tradizione.) Era quindi ragionevole presumere che i sogni del coppiere e del panettiere fossero legati a questo evento e alle loro speranze e paure inconsce.

Nel caso dei sogni del faraone, Giuseppe potrebbe aver conosciuto antiche tradizioni egiziane sulle carestie dei sette anni.
Nahum Sarna cita un testo egizio del regno del re Djoser (circa ventottesimo secolo aEV):
“Ero in difficoltà sul Gran Trono, e quelli che vivevano nel palazzo erano afflitti nel cuore da un male molto grande, poiché il Nilo non era in piena da sette anni. Il grano era scarso, i frutti erano secchi e tutto ciò che mangiavano era poco”.

Il risultato più impressionante di Giuseppe, tuttavia, è stato il suo terzo dono, la capacità di interpretare i sogni, risolvendo il problema di cui erano il primo avvertimento. Non appena aveva parlato di una carestia di sette anni, ha continuato, senza sosta, a fornire una soluzione: “Ora il Faraone cerchi un uomo perspicace e saggio e lo metta a capo del paese d’Egitto. Il Faraone nomini commissari del paese per prendere un quinto del raccolto d’Egitto durante i sette anni di abbondanza. Devono raccogliere tutto il cibo di questi anni buoni che stanno arrivando e immagazzinare il grano sotto l’autorità del Faraone, per essere conservato nelle città. Questo cibo dovrebbe essere tenuto in riserva per il paese, da utilizzare durante i sette anni di carestia che verrà sull’Egitto, in modo che il paese non possa essere distrutto dalla calamità ” (Gen. 41: 33-36). Abbiamo già visto Giuseppe, il brillante amministratore, sia nella casa di Potifar che nella prigione. Fu questo dono, dimostrato proprio al momento giusto, che portò alla sua nomina di Viceré d’Egitto.

Da Giuseppe, quindi, impariamo tre principi.
Il primo è: sogni da sogno. Non avere mai paura di far volare la tua immaginazione. Quando le persone vengono da me per un consiglio sulla leadership, gli dico loro di darsi il tempo, lo spazio e l’immaginazione per sognare. Nei sogni scopriamo la nostra passione e seguire la nostra passione è il modo migliore per vivere una vita gratificante. Spesso si pensa che sognare non sia pratico. Non è così; è una delle cose più pratiche che possiamo fare. Ci sono persone che passano mesi a programmare una vacanza, ma non passano nemmeno un giorno a programmare la propria vita. Si lasciano trasportare dai venti del caso e delle circostanze. Questo è un errore. I saggi dissero: “Ovunque [nella Torah] troviamo la parola vayehi, ‘E avvenne”, ed è sempre il preludio alla tragedia. Una vita vayehi è quella in cui lasciamo che le cose accadano passivamente. Una vita yehi (“Lascia che sia”) è quella in cui facciamo accadere le cose, e sono i nostri sogni che ci danno la direzione.

Theodor Herzl, a cui più di ogni altra persona dobbiamo l’esistenza dello Stato di Israele, diceva: “Se lo vorrete, non sarà un sogno”. Una volta ho sentito una storia meravigliosa da Eli Wiesel. C’è stato un tempo in cui Sigmund Freud e Theodor Herzl vivevano nello stesso quartiere di Vienna. “Fortunatamente”, ha detto, “non si sono mai incontrati. Riesci a immaginare cosa sarebbe successo se si fossero incontrati? Herzl avrebbe detto: “Ho un sogno, creare uno Stato Ebraico”. Freud avrebbe risposto: “Dimmi, Herzl, da quanto tempo fai questo sogno? Sdraiati sul mio divano e ti psicoanalizzerò. “Herzl sarebbe stato guarito dai suoi sogni e oggi non ci sarebbe stato alcuno Stato Ebraico”. Per fortuna, il popolo ebraico non è mai stato guarito dai propri sogni.

Il secondo principio è che i leader interpretano i sogni degli altri. Esprimono il rudimentale. Trovano un modo per esprimere le speranze e le paure di una generazione. Il discorso di Martin Luther King Jr. “I have a dream” riguardava il prendere le speranze dei neri americani e dare loro le ali.
Non erano stati i sogni di Giuseppe ad averlo reso un leader, ma era stato il Faraone. I nostri stessi sogni ci danno la direzione; sono i sogni di altre persone che ci danno le opportunità.

Il terzo principio è: trova un modo per realizzare i sogni. Prima guarda il problema, poi trova un modo per risolverlo.
Il Kotzker Rebbe una volta ha attirato l’attenzione su una difficoltà nella scrittura di Rashi. Rashi (Es. 18:1) dice che a Yitrò fu dato il nome Yeter (che significa “aggiunse”) perché “aggiunse un passaggio alla Torah che inizia [con le parole],” Scegli tra le persone … ” (Es. 18:21). Questo accadde quando Yitrò vide Mosè guidare da solo il popolo e gli disse che quello che stava facendo non era buono: avrebbe stressato se stesso e il popolo. Quindi avrebbe dovuto scegliere sagge persone e
delegare loro gran parte dell’onere della leadership. Il Kotzker ha sottolineato che il passaggio che Yitrò ha aggiunto alla Torah non è effettivamente iniziato, “Scegli tra le persone”. È iniziato diversi versetti prima quando ha detto: “Quello che stai facendo non è buono”. (Es. 18:17) La risposta data dal Kotzker era semplice. Dire “Quello che stai facendo non è buono” non è un’aggiunta alla Torah – stava semplicemente esplicitando il problema. L’aggiunta consisteva nella soluzione: delegare.

I buoni leader o sono tali, o si circondano di persone risolutori di problemi. È facile vedere quando le cose stanno andando male. Ciò che serve a un leader, è la capacità di saper trovare un modo per mettere a posto i problemi. Il genio di Giuseppe non risiedeva nel prevedere sette anni di abbondanza seguiti da sette anni di carestia, ma nell’ideare un sistema di immagazzinamento che assicurasse l’approvvigionamento di cibo negli anni magri e affamati.

Sogni da sogno; comprendere e articolare i sogni degli altri; cercare modi per trasformare un sogno in realtà: questi tre doni sono la leadership, la via di Giuseppe.

Di Rav Jonathan Sacks

 

(Foto: Peter Cornelius, Giuseppe interpreta i sogni del Faraone, 1816-17, affresco con tempera)

Menu