Parashat devarim

Parashat Mikketz

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La storia di Joseph in Mikketz ci mostra la più veloce e la più estrema trasformazione di un uomo in tutta la Torah. In un solo giorno, Joseph passa da zero a eroe, da dimenticato e abbandonato prigioniero del Primo Ministro dell’Egitto diventa il secondo uomo più potente della terra, controllando tutto il denaro in tutto il paese. Prima di questo, Joseph non aveva quasi mai il controllo sulla propria vita. Aveva fatto “cose” per se stesso, piuttosto che essere il “colpevole”. Prima suo padre, poi i suoi fratelli, poi i Madianiti e Ismaeliti, poi Potifar e sua moglie, poi la prigione, il guardiano, tutti diressero la sua vita. Ha mostrato un talento speciale per capire i sogni, ma anche i sogni sono cose che ti capitano, non cose che scegli. Quindi, dopo aver spiegato il sogno del coppiere di corte, Joseph si rese conto che egli sarebbe stato presto in grado di aiutarlo a uscire di prigione e gli chiese di farlo – un atto decisivo! Tuttavia, il coppiere “non si ricordò di Joseph, e se lo dimenticò. ”Questo tentativo di riprendere il controllo della sua vita fallì.
Nonostante sia al centro della storia, Joseph non aveva ancora il controllo dsi se stesso. Ma poi, all’improvviso, tutto cambia. Viene chiesto a Giuseppe di interpretare i sogni del faraone. Ma fa molto di più. Prima interpreta i sogni. Sono una profezia dei prossimi quattordici anni. Le persone rischiano di morire di fame durante sette anni di carestia. Ma con un colpo di genio, Joseph risolve il problema. Conserva un quinto del raccolto prodotto durante gli anni dell’abbondanza, che sarà poi disponibili per sfamare le persone durante la carestia. Il faraone è così impressionato che dà a Joseph il compito di portare avanti il suo piano.
All’età di 30 anni, diventa il più potente uomo in Egitto, accanto al faraone. Viaggia intorno al paese, organizza la raccolta del grano e si assicura che sia conservato in modo sicuro. C’è tanta ricchezza di scorte alimentari, nelle parole della Torà si può leggere che Joseph smette di tenere i registri contabili perché è abbondante oltre misura. Quando gli anni dell’abbondanza sono finiti, la sua posizione diventa ancora più potente. Tutti si rivolgono a lui per il cibo. Lo stesso Faraone dice alla gente: “Vai da Joseph e fai quello che ti dice. “
“Joseph sta salvando la vita rendendo Faraone ricco e, presto, onnipotente.
Mentre possiamo applaudire il pensiero di Joseph, siamo anche giustamente messi a disagio da quest’uomo che trae profitto dall’esercitare il suo potere divino sulla vita e sulla morte.” Può darsi che la Torah non intenda criticare Joseph. In fondo stava agendo lealmente con il Faraone e con giudizio su tutto l’Egitto nel suo insieme. Oppure può darsi che ci sia una critica implicita del suo personaggio. Da bambino sognava il potere; da adulto lui lo ha esercitato; ma l’ebraismo è critico nei confronti del potere e di coloro che lo cercano. Un’altra possibilità è che la Torah ci sta avvertendo dei pericoli e dell’ambiguità della politica. Una politica che sembra saggia in ogni generazione ma che si rivela poi pericolosa per il prossimo. O forse Leon Kass ha ragione quando dice: “La sagacia di Joseph è tecnica manageriale, non morale e politica. Tuttavia lui è premeditato e pianificato, ma a corto di comprensione delle anime degli uomini.”
La nomina di Joseph a una posizione chiave nella corte egiziana e ciò che ci sta dicendo è la pura ambiguità del potere. Da un lato, non può creare o sostenere una società senza credere in essa e d’altra parte, quasi urla per essere maltrattato. Il potere è pericoloso, anche se usato con le migliori intenzioni dalla migliore delle persone. Joseph ha agito per rafforzare la mano del Faraone che era stato generoso con lui, e lo sarebbe stato anche con il resto della sua famiglia.
La tradizione chiamava Joseph ha-tzaddik, il giusto. Allo stesso tempo, il Talmud dice che è morto prima dei suoi fratelli, “Perché ha assunto arie di autorità.” Anche un tzaddik con il meglio delle intenzioni, quando lui o lei entra in politica e assume arie di autorità, possono fare degli errori.
Credo che la grande sfida della politica è che i politici rimangono umili e che le politiche siano umane e quindi quel potere, sempre così pericoloso, non venga utilizzato per fare danni. Questa è in verità la sfida che mette alla prova anche il migliore.
Di rabbi Jonathan Sacks
Menu