la punizione dei ribelli di Sandro Botticelli

Parashat Korach

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Tora presenta Korach, il cugino di Moshe che guidò una rivolta contro la sua autorità, come “Korach ben Yitzhar” – “Korach, il figlio di Yitzhar”. Come già sappiamo dal Sefer Shemot (6: 18-21), Yitzhar era uno dei tre fratelli di Amram, il padre di Moshe, ed ebbe tre figli, incluso Korach.

La Ghemarà nel Masekhet Sanhedrin (109b) trova nel nome “Yitzhar” un’allusione agli effetti distruttivi della sfacciata rivolta di Korach. Associando questo nome alla parola “tzohorayim” (“pomeriggio”), la Ghemarà commenta che Korach è identificato come “il figlio di Yitzhar” perché “hirtiach alav et kol ha-olam ka-tzohorayim” – ha fatto bruciare il mondo intero come il sole del pomeriggio.
La sua rivolta ha causato molto dolore e sofferenza, paragonabile al disagio del sole torrido di mezzogiorno in estate.

Il sole, ovviamente, è la fonte della vita, la fonte di calore e conforto in una giornata fredda e una componente indispensabile dell’ordine naturale, senza la quale la vita non può esistere. Il caldo punitivo del sole pomeridiano, forse allude al fatto che anche le qualità e le abilità preziose e vitali possono essere distruttive se utilizzate in modo eccessivo. Korach, come descrive il Chazal, era un individuo impressionante e di talento.

Il Midrash Tanchuma, citato da Rashi (16:7), commenta che Korach si sentiva sicuro di sfidare Moshe perché prevedeva profeticamente i risultati dei suoi discendenti. Il profeta Shmuel, che condusse I figli di Israele a tornare al servizio di Dio e spianò la strada alla dinastia ebraica, discese da Korach. Dopo la costruzione del Beit Ha-mikdash, i discendenti di Korach furono quelli che cantarono meravigliose lodi a Dio mentre i kohanim eseguivano il servizio. Korach si disse, con le parole del Midrash, “È possibile che tutta questa grandezza sia destinata a emergere da me, e io starò zitto?” Ciò potrebbe significare che Korach ha visto in lui un grande potenziale, le sue abilità e talenti speciali, e ha concluso che doveva imporsi e sostituire Moshe e Aharon. Come il sole, Korach aveva la capacità di “splendere” sul mondo, per avere un impatto profondo. Tragicamente, tuttavia, è andato troppo lontano. La sua capacità di grandezza lo portò a oltrepassare i suoi limiti, a farsi valere dove non apparteneva. E così invece di “illuminare” il mondo e fornire “calore”, ha “bruciato” il mondo. Ha “brillato” troppo brillantemente, cercando di assumere ruoli che non erano pensati per lui.

L’errore di Korach dimostra il delicato equilibrio che deve essere mantenuto tra l’ambizione audace e il riconoscimento dei propri limiti. Dobbiamo certamente riconoscere il nostro potenziale e sfruttarlo al massimo in modo da poter “brillare” sul mondo che ci circonda. Tuttavia, la nostra ambizione deve essere mitigata da un’umile consapevolezza dei nostri confini e limiti. Non tutto ciò che siamo unicamente in grado di fare, dovrebbe essere necessariamente fatto. Come nel caso di Korach, quando una persona dirige i suoi talenti nella direzione sbagliata, può causare distruzione. Dobbiamo assicurarci di usare le nostre abilità donate da Dio per scopi benefici e costruttivi, con l’obiettivo di “brillare” sulla terra ed evitare di abusarne in modo distruttivo.

Di Rav David Silverberg

Menu