La preparazione del lechem hapanim di cui si parla nella parashat Emor

Parashat Emor

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Parashàh di Emor descrive gli standard di purità e perfezione che deve tenere il Cohen; specifica i dettagli fisici necessari in un sacrificio e cosa bisogna fare se un’offerta ha un difetto; vengono proclamate le festività di Shabbat, Pesach, Shavuot, Rosh HaShanàh, Yom HaKippurim e Sukkot.
Si ricorda al popolo ebraico di fornire un olio di oliva puro per la Menoràh e sono descritti i dettagli del Lechem HaPanim ~ Pane della Presentazione (costituito da due pile ciascuna composta da 6 pani, che vengono inseriti settimanalmente durante Shabbat nel Tavolo del Miskhan, il Santuario Portatile, e successivamente nel Bet HaMiqdash ~ Santuario, vedi foto).
La Parashàh si conclude con l’interessante storia di un uomo che ha bestemmiato il nome di HaShem. Quale dovrebbe essere la pena per questa trasgressione? Curioso? Vai a vederti Vaikrà 24:14!

Commento: “Ogni giorno più in alto”

Il Chatam Sofer, un famoso Rav ungherese, ha spiegato che le parole “procedere con essi” significano che una persona deve “procedere” da un livello all’altro. Una persona deve crescere ed elevarsi in modo costante.
Non è sufficiente restare allo stesso livello del giorno precedente. Ogni giorno bisogna arrampicarsi più in alto del giorno precedente. Quando la vita ci sorprende con una nuova prova difficile, possiamo non apprezzarla, ma l’unico modo per elevarsi è quello di superare sempre nuove prove. Dobbiamo guardare a ogni prova come a un’occasione per elevarsi applicando gli appropriati principi della Toràh. Al termino di ogni giorno dobbiamo chiederci: “Cosa ho fatto oggi per elevarmi un po’ più in alto?”
Se non hai la risposta devi chiederti: “Cosa posso fare domani per elevarmi?”
Riadattamento di arachim Italia da www.aish.com
Menu