Parashat devarim

Parashat Devarim. Nello spendere i soldi ci vuole un giusto equilibrio

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Uno degli eventi che Moshe ricorda nel suo discorso alla nazione nella Parashà di Devarim è il tempo in cui Benei Yisrael viaggiò lungo il confine con Edom. Prima di quella tappa del loro viaggio, Dio disse a Moshe di istruire il popolo di Yisrael a rispettare la sovranità di Edom e non a fare la guerra contro il regno, poiché quel territorio era stato assegnato ai discendenti di Esav. Dio comandò inoltre al popolo di acquistare cibo e acqua dai mercanti edomiti lungo il confine, aggiungendo: “il tuo Dio ti ha benedetto … Per quarant’anni, il Signore tuo Dio è stato con te; non ti è mancato nulla ”(2: 7).

Per spiegare la rilevanza di questo versetto per il contesto, Rashi spiega che questo verso fornisce il motivo per cui Dio comandò al Benei Yisrael di spendere soldi per proteggere i mercanti di Edom. Rashi scrive: “Per il Signore, il tuo Dio ti ha benedetto, perciò non essere ingrato per la Sua gentilezza, mostrandoti come se fossi povero. Piuttosto, mostra che sei ricco.” Se il popolo di Israele avesse rifiutato di fare acquisti da Edom, questo avrebbe mostrato ingratitudine per le benedizioni che Dio aveva concesso loro, presentandosi impoveriti quando in realtà erano stati benedetti. Pertanto, dovevano spendere le loro risorse in cibo e acqua dagli edomiti.

Rav Chaim Mintz, in Eitz Ha-chayim, elabora l’insegnamento pratico che Rashi cerca qui di trasmettere. Proprio come è sbagliato spendere soldi incautamente, irresponsabilmente o eccessivamente indulgentemente, allo stesso modo, all’estremo opposto, è sbagliato gestire i soldi con eccessiva cautela. La spesa irresponsabile mostra una mancanza di disciplina e autocontrollo e, in alcuni casi, mostra una vana preoccupazione per i lussi. Allo stesso tempo, tuttavia, “pizzicare i penny” inutilmente rivela una mancanza di gratitudine. Proprio come uno non dovrebbe spendere come se fosse più ricco di lui, allo stesso modo non dovrebbe spendere come se fosse più povero di lui. Coloro che sono stati benedetti con mezzi sufficienti dovrebbero sentirsi a proprio agio nel spendere soldi, entro limiti ragionevoli, per godere delle loro benedizioni, piuttosto che negare a se stessi questo godimento. Dobbiamo sentirci grati all’Onnipotente per le nostre benedizioni e quando limitiamo le nostre spese più di quanto richieda la prudenza fiscale di base, neghiamo efficacemente le nostre benedizioni, esprimendo così l’ingratitudine.

Rav Mintz cita in questo contesto la discussione di Sefer Ha-chinukh (216) sull’obbligo della pei’a, che richiede di lasciare un angolo del proprio campo per i poveri. Il Sefer Ha-chinukh spiega che lasciare l’angolo per i poveri mostra non solo generosità, ma più in generale un senso di appagamento, un riconoscimento del fatto che uno è stato benedetto. La Torah richiede a un proprietario terriero di lasciare una parte dei suoi prodotti non solo per aiutare i poveri, e non solo per generare generosità e gentilezza, ma affinché il proprietario terriero si senta benedetto, riconoscendo di avere più di quello di cui ha bisogno, tale che può sentirsi a proprio agio e a proprio agio a separarsi da una parte del suo raccolto. Rav Mintz comprende i commenti di Rashi che qui nella Parashà di Devarim si esprimono in modo simile. Coloro che non soffrono di carenza finanziaria e che hanno la capacità di godere delle comodità mondane, dovrebbero concedersi questo godimento – entro limiti ragionevoli, ovviamente – poiché altrimenti rifiutano le benedizioni che hanno ricevuto da Dio.

I commenti di Rashi parlano quindi del delicato equilibrio che deve essere mantenuto tra prudenza e moderazione, da un lato, e inutile abnegazione, dall’altro. Non dobbiamo permetterci di spendere soldi che non dovremmo spendere, né di astenerci dal spendere soldi che è appropriato spendere per il gusto di godere delle benedizioni che ci sono state gentilmente concesse dal cielo.

Di Rav David Silverberg

Menu