Dipinto degli ebrei che attraversano il Mar Rosso

Parashà Pesach: non giudicare il prossimo secondo ciò che dice quando ha paura

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

La Torah racconta che quando Benei Yisrael si trovò intrappolata contro il mare dall’esercito egiziano, Moshe assicurò loro che non avevano motivo di temere, poiché Dio li avrebbe salvati (Shemot 14: 13-14). Dio poi parlò a Moshe, dicendo: “Perché gridi a me? Parla agli israeliti che dovrebbero viaggiare!”(14:15). Ha incaricato Moshe di comandare ai figli di Israele di andare avanti, nel mare, promettendo che avrebbe diviso le acque, permettendo loro di passare.

Rashi, citando il Mekhilta, commenta che Moshe, apparentemente, stava pregando Dio in quel momento, motivo per cui Dio gli disse di smettere di pregare e di spostare invece le persone in avanti nel mare. Dio chiese: “Perché gridi a Me”, spiega Rashi, come se dicesse a Moshe: “Ora non è il momento per una lunga preghiera, poiché Yisrael è in crisi”. Come molti hanno notato, non è chiaro perché quel momento di crisi non sia stato occasione di preghiera. Al contrario, sembrerebbe che una situazione del genere fosse proprio un’occasione per una appassionata preghiera a Dio.

Un’altra domanda posta dai commentatori è perché Moshe stesse gridando a Dio in primo luogo. Dopotutto, Dio aveva precedentemente informato Moshe che il Faraone e il suo esercito avrebbero incontrato la loro rovina dopo aver inseguito Benei Yisrael (14: 4), e Moshe stesso, come menzionato, assicurò al popolo che non avevano motivo di temere, perché Dio li avrebbe salvati. Perché, allora, stava chiedendo aiuto a Dio?

Sforno (14:15) offre una spiegazione creativa del motivo per cui Moshe pregò e del motivo per cui Dio gli disse di smettere di pregare. Scrive che Moshe stava pregando a nome del popolo perché temeva che si sarebbero rifiutati di viaggiare in mare. Come la Torah racconta diversi versetti precedenti (14: 11-12), il popolo si rivolse a Moshe e gridò: “È perché non ci sono tombe in Egitto che ci hai portato a morire nel deserto? Cosa ci hai fatto portandoci fuori dall’Egitto? Non è questo che vi abbiamo detto in Egitto, dicendo: “Lasciateci in pace e serviremo in Egitto, perché è meglio servire l’Egitto che morire nel deserto!”? “Vedendo la mancanza di fede del popolo, Moshe pensò che non sarebbero stati pronti ad andare avanti nell’acqua, riponendo la loro fiducia in Dio, e così pregò a loro favore.

Dio ha risposto informando Moshe che non era corretta la sua valutazione del popolo. Secondo Sforno, quando Dio disse a Moshe “Daber el Benei Yisrael ve-yisa’u”, questo non significa “Parla agli Israeliti, che dovrebbero viaggiare”, ma piuttosto, “Comanda agli Israeliti, e loro viaggeranno“. Dio qui ha garantito a Moshe che contrariamente ai suoi sospetti, il Benei Yisrael avrebbe obbedito al suo ordine di proseguire il viaggio e che, nonostante le lamentele che avevano appena espresso, la loro fede di lui in Dio era forte e si sarebbero fidati di Lui e della Sua salvezza.

L’interpretazione di Sforno in questo verso ci insegna forse la necessità di fermarci prima di affrettarci a trarre conclusioni sulle persone e, in particolare, di non giudicare le persone in base a cose che dicono durante i momenti di paura e tensione. Benei Yisrael ha effettivamente parlato in modo inappropriato quando hanno visto i carri del faraone inseguirli, ma Moshe si sbagliava perché presumeva che la loro reazione inappropriata denotasse una mancanza di fede.

Non dovremmo cercare di trarre conclusioni definitive sulle persone sulla base del loro discorso o del loro comportamento nei periodi di stress. L’esplosione di rabbia del Benei Yisrael non significava che avessero perso la fede in Moshè o in Dio; significava semplicemente che non gestivano adeguatamente la crisi. Dobbiamo evitare di esprimere giudizi avventati e continuare a dare il beneficio del dubbio quando le persone intorno a noi parlano o agiscono in modo improprio nei momenti di tensione.

Rav David Silverberg

 

Shabat Jerushalaim 18.23 accensione candele moed sabato 19.37
Shabat Tel Aviv 18.34 accensione candele moed sabato 19.39
Shabat Roma 19.18 accensione candele moed sabato 20.20
Shabat Milano 19.36 accensione candele moed sabato 20.39

 

Menu